20 Ott 2016

Prima edizione del Casentino Book Festival nel Parco Nazionale

Scritto da: Daniela Bartolini

Da domani a domenica tanti gli eventi per “Libra”, il Casentino Book Festival organizzato dalla Cooperativa InQuiete per celebrare la bellezza della letteratura e il valore naturalistico e spirituale della valle del Casentino. dedicato alla letteratura di ambientazione montana e naturalistica.

Si alza il sipario sulla prima edizione di “Libra”, Casentino Book Festival. Scenario dell’evento che si svolgerà dal 21 al 23 ottobre, il paesaggio autunnale del Parco nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, e più esattamente il suo avamposto meridionale: Chiusi della Verna e la Vallesanta.

Un festival diffuso sul territorio e dedicato alla letteratura di ambientazione montana e naturalistica, con incontri a tema ed escursioni in compagnia degli autori. Si inizia venerdì, a Rimbocchi, in compagnia di Simona Baldanzi, scrittrice di viaggi a piedi e di lavoratori in Appennino, dalle vecchie manifatture fino ai cantieri dell’alta velocità, passando per Barbiana e Montesole. Il sabato a Corezzo sarà invece protagonista il lupo, con un dibattito a tre voci di narratori che hanno dedicato romanzi al predatore simbolo di queste montagne: Giuseppe Festa, Mirto Campi, Giacomo Revelli. Nell’occasione si svolgerà anche, dalle ore 17 alle 23, il Mercatale della Vallesanta, con oltre 25 espositori locali nella grande struttura al coperto del paese, a proporre prodotti biologici e artigianali. La domenica infine, a Chiusi della Verna, gran chiusura con Tiziano Fratus, il cercatore di alberi, e Paolo Cognetti, meglio conosciuto al pubblico letterario come “Il ragazzo selvatico”, suo grande successo editoriale. Con loro ci sarà Michele Marziani, direttore artistico del Festival.

“Libra” però è anche e molto altro: poesie e acquerelli dal vivo, laboratori per i più piccoli, degustazioni di prodotti tipici, mercati di produttori locali, mostre fotografiche, concerti.
Un progetto nel quale ha investito anche l’amministrazione comunale con l’intento di sostenere un festival che può diventare punto di riferimento per appassionati di letteratura e natura e stimolare la presenza turistica in un periodo più povero di iniziative ma più ricco di suggestione e bellezza.

Il Festival, organizzato con il contributo del Comune di Chiusi della Verna, del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi e dell’Ecomuseo del Casentino, è un progetto ideato e realizzato dalla Cooperativa In Quiete.

Articoli simili
Terradamare, la cooperativa turistica che racconta Palermo attraverso luoghi e persone
Terradamare, la cooperativa turistica che racconta Palermo attraverso luoghi e persone

Valentina e il suo viaggio in bicicletta alchemico e trasformativo: “Il mio focus è essere essenziale”
Valentina e il suo viaggio in bicicletta alchemico e trasformativo: “Il mio focus è essere essenziale”

IT.A.CA’, si avvicina l’edizione palermitana del festival del turismo responsabile
IT.A.CA’, si avvicina l’edizione palermitana del festival del turismo responsabile

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

No, la Cina non ha voltato le spalle alla Russia – Io Non Mi Rassegno #590

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

|

In val di Vara uno storico mulino del settecento tornerà a macinare castagne e cereali

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale