7 Ott 2016

Spreco alimentare: cosa prevede la nuova legge?

Scritto da: Elena Risi

È entrata in vigore da qualche giorno la nuova legge contro lo spreco alimentare che in Italia costa ogni anno ben 12 miliardi e mezzo. Tuttavia la nuova normativa italiana non prevede pene o sanzioni per chi non rispetta le disposizioni del provvedimento.

Spreco alimentare: solo due parole che racchiudono un mondo ampio e complesso. Se in Italia il consumatore finale è responsabile del 54% della quantità di cibo ancora consumabile ma gettato nella spezzatura, il resto si disperde durante tutto il corso della filiera agro-alimentare: il 21% nella ristorazione, il 15% nella distribuzione commerciale, l’8% in agricoltura e il 2% durante la trasformazione. Quanto costa all’Italia tutto questo sperpero? Ben 12 miliardi e mezzo.

 

La questione ha portata mondiale e i numeri sullo spreco di cibo sono preoccupanti. Per ridurre questo fenomeno l’Europa ha fissato come obiettivi negli impegni dell’Agenda 2030, oltre al dimezzamento dell’inutile dispendio alimentare, l’introduzione di sistemi di monitoraggio all’interno dei singoli paesi.

 

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Composting the Kitchen Waste

Una prima importante risposta è arrivata dalla Francia all’inizio del 2016, dopo una petizione popolare che aveva raccolto 200 mila firme. La nuova normativa ha introdotto l’obbligo per i supermercati di donare agli enti assistenziali il cibo in scadenza o invenduto, pena una sanzione fino a 75 mila euro o una condanna che prevede fino a due anni di carcere.

 

Dopo un primo annuncio nel 2015 – fatto durante l’Expo nell’ambito del progetto “Spreco Zero” – in estate è arrivata anche in Italia l’approvazione della legge che punta al recupero delle eccedenze alimentari e dei prodotti farmaceutici al fine di solidarietà sociale. Oltre ad una serie di snellimenti burocratici per favorire le donazioni, la normativa ha introdotto la facoltà per i Comuni di ridurre la tariffa sui rifiuti, la TARI, a quegli esercizi commerciali che donano le proprie eccedenze ai più bisognosi. Per quanto riguarda la ristorazione è stata aggiunta la possibilità di preparare per i clienti la cosiddetta “doggy bag”, per portar via con comodità gli avanzi del proprio pasto.

 

Peccato che, al contrario della legge approvata in Francia, la nuova normativa italiana non prevede pene o sanzioni per chi non la rispetta. Certo è un primo passo, le organizzazioni non profit che operano con gli indigenti hanno accolto con favore le nuove disposizioni e confidano nella possibilità che gli incentivi e la semplificazione burocratica aumenteranno la propensione al dono degli esercizi commerciali.

 

 

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
RePoPP: la lotta allo spreco alimentare diventa un modello per tutta la città
RePoPP: la lotta allo spreco alimentare diventa un modello per tutta la città

Il murale che depura l’aria contro spreco alimentare e cambiamento climatico
Il murale che depura l’aria contro spreco alimentare e cambiamento climatico

Foodbusters, gli acchiappa-cibo in prima linea contro lo spreco alimentare
Foodbusters, gli acchiappa-cibo in prima linea contro lo spreco alimentare

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi