3 Nov 2016

Che cos’è la Transizione – Il Cuore

Scritto da: Redazione

Gran parte del cambiamento che non riusciamo a produrre, dei problemi che non riusciamo a risolvere, non solo come singoli, ma anche come società, hanno a che fare con la nostra sfera emozionale. Il processo di Transizione può essere immaginato come un percorso che coinvolge Testa, Cuore e Mani. Dopo averci parlato della Testa, Cristiano Bottone passa alla fase del Cuore.

Una maniera efficace per descrivere il processo di Transizione è quella di immaginarlo come un percorso che coinvolge Testa, Cuore e Mani. Nella pillola precedente Cristiano Bottone, cofondatore di Transition Italia, ci ha parlato della Testa. Adesso parliamo del Cuore. Questa fase fa molto riferimento alla psicologia ed in particolare alla psicologia delle dipendenze e a discipline relativamente nuove come l’ecopsicologia.

 

 

L’esperimento della Transizione di basa sulla massima libertà e sulla massima responsabilità di chiunque voglia farne parte: a nessuno viene imposta la conoscenza dello scenario, ma chi vuole deve comprendere le cose per quello che sono, anche nella loro gravità. Solo così si può decidere cosa fare della propria vita e del proprio futuro. Ciò implica quasi sempre una sofferenza, una sorta di lutto: ci vuole tempo per gestire questa fase e sono necessarie empatia, facilitazione, lavoro di gruppo e relazioni. Si sta insomma molto attenti a prevedere spazi in cui il dolore possa essere elaborato.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all'Italia che Cambia

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

 

È interessante notare però che, una volta affrontata la paura, il vero motore della Transizione diventa la scoperta di quanto possa essere produttivo, entusiasmante e rilassante riorganizzare le relazioni tra esseri umani secondo schemi più naturali di quelli che utilizziamo normalmente. Una volta conquistata questa diversa dimensione è davvero difficile voler tornare indietro. Non è la paura delle crisi ma tutte le opportunità che ad un certo punto si cominciano ad intravedere oltre le crisi che fanno sì che la transizione si diffonda.

 

 

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

A Gaza è di nuovo guerra, ma diversa – Io Non Mi Rassegno #368

|

Lo sviluppo delle aziende nella transizione ecosostenibile

|

La storia di Simone: “Sono tornato in Sardegna per diffondere la cultura dello sport”

|

Un albero mi ha chiesto di danzare: la storia di due artiste che imparano dalla foresta

|

“Ci siamo trasferiti nel piccolo borgo di Velva e ora la nostra vita ha ritmi più lenti”

|

Mediazione tra pari: ecco la scuola dove i bambini fanno pace senza adulti

|

Parte Sicilia Che Cambia! Volete salire a bordo?

|

Fabrizio Cotza: un cambiamento culturale per non essere più schiavi del lavoro – Meme #36