3 Nov 2016

Che cos’è la Transizione – Il Cuore

Scritto da: Redazione

Gran parte del cambiamento che non riusciamo a produrre, dei problemi che non riusciamo a risolvere, non solo come singoli, ma anche come società, hanno a che fare con la nostra sfera emozionale. Il processo di Transizione può essere immaginato come un percorso che coinvolge Testa, Cuore e Mani. Dopo averci parlato della Testa, Cristiano Bottone passa alla fase del Cuore.

Una maniera efficace per descrivere il processo di Transizione è quella di immaginarlo come un percorso che coinvolge Testa, Cuore e Mani. Nella pillola precedente Cristiano Bottone, cofondatore di Transition Italia, ci ha parlato della Testa. Adesso parliamo del Cuore. Questa fase fa molto riferimento alla psicologia ed in particolare alla psicologia delle dipendenze e a discipline relativamente nuove come l’ecopsicologia.

 

 

L’esperimento della Transizione di basa sulla massima libertà e sulla massima responsabilità di chiunque voglia farne parte: a nessuno viene imposta la conoscenza dello scenario, ma chi vuole deve comprendere le cose per quello che sono, anche nella loro gravità. Solo così si può decidere cosa fare della propria vita e del proprio futuro. Ciò implica quasi sempre una sofferenza, una sorta di lutto: ci vuole tempo per gestire questa fase e sono necessarie empatia, facilitazione, lavoro di gruppo e relazioni. Si sta insomma molto attenti a prevedere spazi in cui il dolore possa essere elaborato.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

 

È interessante notare però che, una volta affrontata la paura, il vero motore della Transizione diventa la scoperta di quanto possa essere produttivo, entusiasmante e rilassante riorganizzare le relazioni tra esseri umani secondo schemi più naturali di quelli che utilizziamo normalmente. Una volta conquistata questa diversa dimensione è davvero difficile voler tornare indietro. Non è la paura delle crisi ma tutte le opportunità che ad un certo punto si cominciano ad intravedere oltre le crisi che fanno sì che la transizione si diffonda.

 

 

Articoli simili
Scenari del mondo post-virus: Cristiano Bottone e la Transizione
Scenari del mondo post-virus: Cristiano Bottone e la Transizione

Municipalities in Transition, un sistema operativo per trasformare la comunità

Inspirational Totnes, un viaggio nella culla della Transizione

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La transizione di Biden svanisce fra petrolio e trivelle? – #554

|

Modicaltra, i cittadini si mettono insieme per rigenerare la città e fermare il consumo di suolo

|

Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo

|

Guglielmo Rapino si racconta a I(n)spira-Azioni: “Da anni viaggio per il mondo per difendere i diritti umani” – #13

|

Comunicazione nonviolenta, Covid, Ucraina: in cerca di dialogo in tempo di polarizzazione sociale

|

Eugenio: “Vi racconto la mia esperienza di vita in val Borbera”

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra