7 Nov 2016

Contro gli stereotipi di genere la voce di 100 esperte

Scritto da: Elena Risi

Per aumentare la visibilità delle scienziate italiane sui media e promuoverne la presenza nel dibattito pubblico, nasce il progetto “100 esperte”: una banca dati online che raccoglie nomi e profili delle tante donne esperte dell'area Stem (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica).

Il 3 novembre è partito il progetto 100 esperte, un portale a disposizione di tutti – specialmente media e istituzioni – per dare voce alle tante donne esperte dell’area Stem (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica).

women-scientists-diagram

Il data base è il frutto di un lavoro dell’Osservatorio di Pavia e dell’Associazione di Giornaliste Gi.U.Li.A, è stato inaugurato al Festival della scienza di Genova e si propone di rilanciare le competenze delle professioniste del settore scientifico per incoraggiarne la presenza nel dibattito pubblico.

 

Nell’ambito delle discipline scientifiche il “parere dell’esperto” continua ad essere, infatti, un baluardo maschile: in tv, congressi e incontri istituzionali la rappresentanza femminile è decisamente troppo bassa. Secondo il “Global Media Monitoring Project 2015”, un osservatorio che tiene sotto controllo la visibilità delle donne nei mezzi di informazione, lo sbilanciamento dei media italiani è netto: il 79% di presenze è maschile contro un 21% di presenza femminile. Eppure le esperte non mancano, anzi, secondo i dati ISTAT il numero di donne laureate (13,5%) supera quello degli uomini in possesso dello stesso titolo di studio (11,9%).

 

Per superare lo stereotipo, il data base delle prime cento esperte è on-line e pronto all’uso. È possibile fare una ricerca per nome, competenza e parole chiave, o per disciplina. Compariranno i tanti volti delle esperte, i curricula, le pubblicazioni e le competenze specifiche. Si è cominciato con cento profili ma l’obiettivo è chiaramente quello di arricchirlo di nuovi nomi e allargarlo anche ad altre discipline.

 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
La giornalista Deborah Annolino: “Con AD Maiora raccontiamo storie di resilienza da emulare”
La giornalista Deborah Annolino: “Con AD Maiora raccontiamo storie di resilienza da emulare”

Basi in Sardegna: storia della servitù militare e dell’attivismo pacifista
Basi in Sardegna: storia della servitù militare e dell’attivismo pacifista

Maricla Pannocchia e la sua scelta di vita: viaggiare e scrivere per far sentire al mondo la voce degli ultimi
Maricla Pannocchia e la sua scelta di vita: viaggiare e scrivere per far sentire al mondo la voce degli ultimi

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le conseguenze del tremendo terremoto in Siria e Turchia – #665

|

La Tintoria di Quaregna: quando la tintura naturale trasforma la moda etica – Io Faccio Così #354

|

Destinazione Umana: dall’ispirazione ai viaggi lenti, ecco come cambia (in meglio) il turismo

|

Selvatica, il progetto di Lenor e Marco per far conoscere i benefici dei fermentati

|

I giovani ecologisti della Repubblica Democratica del Congo che proteggono la foresta

|

Autosufficienza Live: come vivere una vita autentica e indipendente

|

Alla chiusura della stagione di caccia il WWF lancia l’allarme su morti e feriti

|

L’effetto biofilia nell’educazione esperienziale, per riavvicinarci al selvatico e alla natura