Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
3 Nov 2016

Piccoli Sguardi a Teatro

Scritto da: Daniela Bartolini

Compie diciotto anni la rassegna di Teatro dalla parte dei bambini!
25 spettacoli nei teatri e negli istituti comprensivi della vallata per offrire un’occasione di incontro con l’arte e ampliare l’offerta formativa dei ragazzi.

Inizierà Venerdì 4 Novembre la diciottesima edizione della rassegna Piccoli Sguardi, un progetto di teatro per le scuole del Casentino curato dalla Compagnia NATA che ogni anno, grazie allo sforzo congiunto di enti pubblici e soggetti privati, riesce ad ampliare l’offerta formativa dei giovani della vallata con tantissime proposte di spettacolo e incontri, laboratori, dibattiti.

Saranno oltre 25 gli spettacoli in programma, ospitati nei principali teatri del Casentino o all’interno degli istituti scolastici; le proposte per le scuole spazieranno dalle favole classiche, quali Il Soldatino di Stagno o La Bella e la Bestia, ai classici della letteratura come l’Odissea o Don Chisciotte, fino a spettacoli di impegno civile dedicati alla Giornata della Memoria o a temi di forte attualità come quello dell’immigrazione.

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

ATTIVATI

La rassegna aprirà venerdì presso il Teatro Dovizi di Bibbiena con una doppia replica straordinaria dello spettacolo “Ucci! Ucci! – Pollicino e altre fiabe” portato in scena da Anna De Franceschi e Michele Mori della compagnia veneta Stivalaccio Teatro.
La trama di “Ucci! Ucci!” è semplice e delicata: due bambini, Emilio e Susanna, vivono la paura in modo diverso. Entrambi hanno ascoltato il racconto della fiaba di Pollicino e, nel buio della loro stanza da letto, s’immaginano l’arrivo dell’Orco.
Emilio è terrorizzato mentre Susanna è eccitata e pronta ad affrontare il terribile mostro. L’importante è non dormire, per non farsi cogliere impreparati! Ma come fare? Per non addormentarsi le provano di tutte ma con scarsi risultati. Poi l’idea! L’unica cosa che può tenerli svegli è la paura stessa! Cominciano così a raccontarsi le storie che più li terrorizzano, condite da streghe, fantasmi e genitori crudeli!
La paura diventa così un gioco in cui i due bambini si troveranno a recitare e inventare, fino a dimenticarsi dell’Orco, o meglio, a saperlo affrontare con il sorriso. Tra orchi affamati, streghe, e bambini astuti, faremo un salto in dietro nel tempo, quando le storie venivano raccontate davanti al caminetto, o a letto prima di addormentarsi.

Questa attenzione che la compagnia teatrale NATA dedica al mondo dell’infanzia e della scuola da quasi 30 anni, ogni anno viene sintetizzata da una frase che accompagnerà tutto lo svolgimento del progetto Piccoli Sguardi: “I Bambini sono come i marinai: dovunque si posano i loro occhi, è l’immenso” (Christian Bobin).
La rassegna PICCOLI SGUARDI è promossa da tutti i Comuni della vallata Casentinese, con il sostegno della Regione Toscana, del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, della Rete Teatrale Aretina e della Fondazione Giuseppe e Adele Baracchi, per la Direzione Artistica e tecnico-amministrativa della Compagnia NATA che gestisce il progetto anche grazie al prezioso contributo di sponsor privati quali MiniConf, Aruba, Estra, DREAM Italia, Inplaf, Laife, Poggi e EMG.

Informazioni: nata@nata.it 335.1980510.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Surgisphere e gli studi sull’Idrossiclorochina – Io Non Mi Rassegno #152

|

Allevatori che ballano coi lupi (e coi cani da guardiania)

|

Il progetto R2020: intervista a Sara Cunial

|

“Cambio vita e coltivo canapa industriale”: Francesco Procacci e il suo ritorno alla terra

|

Altipiano: le maestre del bosco che in cinque mesi hanno ribaltato la loro scuola – Scuola che Cambia #2

|

Che cos’è e come funziona la nutripuntura

|

Adotta il tuo Orto, scegli quali verdure seminare e aspettale a casa!

|

Imprese: come stringere partnership vincenti ed evitare clamorosi errori