10 Feb 2017

Nuove proposte al Centro Giovani “Centroanchio”

Scritto da: Daniela Bartolini

Attività, giochi, sostegno scolastico, alla genitorialità e molto altro. Tutto l'anno, tutti i giorni. Il centro che pensa ai bambini, ai giovani e agli adulti nel loro ruolo di genitori e riferimento per i più giovani, espande le proprie proposte: dal servizio custodia per bambini al doposcuola, dallo sport all'arte. Per ascoltare i desideri e renderli possibili.

“Esiste un posto tutto per te, un luogo aperto a nuove idee. Proposte, attività, giochi, sostegno scolastico. Tutto l’anno, tutti i giorni. Un luogo che pensa ai bambini, ai giovani agli adulti.”
È così che il Centro Giovani “Centroanchio” di Ponte a Poppi, nato come punto di aggregazione per molti adolescenti del territorio, annuncia la sua trasformazione in un progetto di più ampio respiro, volto a incrementare e migliorare i servizi per bambini, adolescenti e famiglie.

La nuova filosofia di questo luogo? Fare centro! Incentivare il coinvolgimento e la partecipazione attiva dei giovani rendendo il centro un raccoglitore di sogni, un luogo capace di dare ascolto e accoglienza ai desideri e ai progetti delle persone. Per renderli possibili, insieme.

“Le nuove attività – spiegano l’Assessore alla Politiche giovanili Elisabetta Corazzesi e l’Assessore alla Pubblica Istruzione Lisa Bucchi – sono state pensate per le diverse fasce di età. Sono state realizzate l’Area Bimbi, l’Area Giovani, lo Spazio Disturbi dell’Età Evolutiva, l’Area Adulti. Si tratta di progetti ideati per soddisfare le esigenze di diverse individualità e per favorire lo sviluppo collettivo, affrontando temi artistici, sociali e cognitivi.”

Per l’Area Bambini sarà attivo l’”Hakuna Matata”, un servizio custodia orario per bambini dai 18 mesi ai 5 anni e il “Cinebimbi”, con la proiezione di film di animazione e campi estivi ed invernali. Per i bambini della scuola primaria e secondaria di primo grado ci sarà anche il doposcuola “ATTIVAmente” per affiancare i ragazzi nei compiti scolastici. Sono solo alcuni esempi, ai quali aggiungiamo le iniziative per gli adulti come i gruppi di sostegno alla genitorialità, con specialisti del settore (psiscologo, psicoterapeuta, logopedista, educatrice dsa, tutor dell’apprendimento).

Le nuove iniziative sono state pensate anche sul fronte delle pari opportunità: i nuovi servizi vengono incontro alle famiglie e alle donne con figli piccoli. Servizi che si affiancano a quelli da sempre riservati ai giovani: pomeriggi a tema, cineforum, spostinsieme, laboratori (fumetti, disegno, tatutaggi, giornalino, musica), sostegno allo studio.

Una veste nuova per il “Centroanchio”, uno spazio che cerca di accogliere quanto più possibile ogni necessità, offrendo non soltanto un punto di riferimento per tutti gli abitanti della zona, ma anche un’occasione di incontro, di gioco, di amicizia e di sostegno, in un clima tanto professionale quanto familiare.

Articoli simili
#46 – Amici della Lana: il villaggio operaio che guarda al futuro
#46 – Amici della Lana: il villaggio operaio che guarda al futuro

Cinematografica Perona: indagare il rapporto tra cinema e comunità

Dal Casentino alla Toscana che Cambia!
Dal Casentino alla Toscana che Cambia!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il Piccolo Festival della Microfinanza, perché il denaro crei ricchezza per le comunità

|

La disabilità non è un atto eroico, io racconto prima di tutto le persone

|

50 proposte per decementificare e rigenerare la natura in 24 città italiane

|

Banca dei semi, educazione alimentare e consegne ecologiche: quando un orto è molto più di un orto

|

Calabria che cambia: il primo incontro per cambiare insieme l’immaginario di questa terra

|

Porto di Genova: “Staremo qui finché non otterremo quello che ci spetta”

|

Persefone di ieri e di oggi… storie di miti moderni