Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
28 Feb 2017

Piemonte che Cambia: inizia un nuovo percorso

Scritto da: Roberto Vietti

Si è concluso domenica 26 febbraio il tour inaugurale del Piemonte Cambia, un viaggio fatto di tanti incontri nelle varie province piemontesi che ci ha permesso di scoprire tante realtà innovative e, a volte, poco conosciute. È dunque ora che viene il bello: lavoriamo, tutti insieme, per far conoscere tutte queste progettualità!

Cuneo, Verbania, Biella, Val di Susa, Novara, Alessandria, Asti e infine Torino. Nove giorni di viaggio in camper attorno al Piemonte per scoprire tante realtà virtuose nelle diverse province.

 

Si è giunti così nel capoluogo piemontese con l’entusiasmo di aver scoperto tanti nuovi progetti innovativi che, ora, stanno funzionando nel nostro territorio. E neanche Torino ci ha deluso.

 

Daniel Tarozzi e Roberto Vietti presentano il progetto Piemonte che Cambia

Daniel Tarozzi e Roberto Vietti presentano il progetto Piemonte che Cambia

Sabato 25 febbraio, in collaborazione con Bike Pride e il circolo della decrescita Felice di Torino, abbiamo organizzato un Tour in bicicletta nel centro città per osservare da vicino e conoscere diversi progetti, eterogenei tra loro, che da anni stanno lavorando nella città per trasformarla in positivo.

 

Abbiamo avuto il piacere di conoscere la storia e l’attuale situazione della Cavallerizza di Torino, accompagnati da Paolo Pallavidino – storico sostenitore di Italia Che Cambia – e da altri volontari che stanno gestendo, assieme ai cittadini, le sorti di questo meraviglioso sito.

 

Il racconto continua su Piemonte che Cambia 

 

 

#IoNonMiRassegno 21/2/2020

|

Coinquilini solidali: vivere insieme per aiutarsi a vicenda

|

Feminism, torna la fiera dell’editoria delle donne!

|

Paulo Lima, “diventare azione” partendo dai giovani – Io faccio così #280

|

Una giornalista in classe: nelle scuole per portare il cambiamento

|

Muri Sicuri, la street art solidale per le zone terremotate

|

OpetBosna! Quando un gruppo di amici si mobilita per i profughi

|

Figli, la responsabilità quotidiana di restare insieme