Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
21 Feb 2017

Una serata d’incontro e scambio per il lancio del Biellese che Cambia nel portale regionale

Scritto da: Roberto Vietti

Lunedì 20 Febbraio, presso i locali di Hydro a Fondazione Cittàdellarte, è stato presentato il portale regionale del Piemonte Che Cambia, sono state presentate molte delle realtà già mappate e conosciute nel territorio biellese. Un momento importante per incontrarsi e sviluppare insieme il presente e il futuro del progetto editoriale.

BIELLA – Una giornata ricca di emozioni e belle sorprese quella che ha accompagnato il Tour di Italia Che Cambia a Biella, uno dei luoghi più virtuosi e attivi non solo nel contesto piemontese, ma anche a livello nazionale.

Così lunedì 20 febbraio, presso i locali di Hydro in Cittadellarte – Fondazione Pistoletto, è stato presentato il primo portale regionale di Italia Che Cambia. Al suo interno, inoltre, è presente una intera sezione dedicata al territorio biellese, che racconterà le storie dei protagonisti del territorio all’ombra del Mucrone.

E’ stato un piacere rivedere tantissime realtà che avevamo già avuto il piacere di incontrare e mappare nel viaggio in bicicletta nel Biellese Che Cambia, di due estati fa. Coloro i quali, invece, non si erano ancora mappati nel portale hanno avuto la possibilità di farlo in una postazione ad essi dedicata.

Nel mentre, in un’altra sala, venivano proiettate alcune delle videointerviste dei protagonisti del biellese, già disponibili anche nel sito. All’ingresso, inoltre, era possibile scoprire alcune delle aziende agricole che hanno esposto alcune delle loro meravigliose creazioni, come l’Azienda Agricola Vallini e VegaGé di Let Eat Be. Un’apericena condiviso ha ben accompagnato l’attesa alla seguente presentazione del neonato portale.

In pieno spirito di condivisione, la serata è seguita con l’introduzione volontaria ai presenti di alcuni tra i tanti progetti virtuosi e innovativi biellesi. Così, ha rotto il ghiaccio Alberto Conte con la moglie Susanna: hanno raccontato la loro esperienza nel turismo lento con Sloways e la loro nuova sfida a Roppolo, dove si sono da poco trasferiti per portare avanti un progetto di accoglienza, ospitalità e cultura nella loro struttura.

A seguire è intervenuta un’altra coppia, Gaia Arrigoni e Paolo Venutti, da poco trasferitasi a Biella dopo tante esperienze attorno al mondo. Stanno strutturando una scuola verde – con dei corsi a moduli – dove poter scoprire il settore della ristorazione naturale, seguendo tutti i processi che ne fanno parte, dalla gestione economica di una struttura alla scelta dei fornitori in modo etico e sostenibile.

Dopo di loro è intervenuta Armona Pistoletto di Let Eat Bi, progetto di attivazione del potenziale produttivo e di aggregazione sociale, come ad esempio l’istituzione di un catasto solidale, in grado di generare nuova linfa e recupero di terreni altrimenti abbandonati.

E’ stato poi il momento di Enrico De Luca, colonna portante di Biellese in Transizione e Viaggi e Miraggi, che a sua volta ha presentato i ragazzi di Namumbo, esperienza nata dall’incontro di giovani esperti viaggiatori e appassionati fotografi che si sono uniti per valorizzare il bel territorio biellese.

Ha fatto poi gli onori di casa Luca Biasetti, presidente di Better Places, che ci ha presentata la neonata e giovane realtà di Hydro. Un luogo nuovo per Biella che in poco tempo ha già associato più di seicento persone. Un ottimo risultato, con un approccio organizzativo orizzontale e di condivisione, che ben si coniuga con l’atmosfera della serata.

Il gruppo Biellese in transizione, attivo da molti anni nel territorio, è parte fondamentale del Biellese Che Cambia, progetto nato proprio dalla loro volontà di mappare e conoscere tutte le esperienze virtuose del territorio. Così Daniele, Emilie e Enrico hanno presentato le attività realizzate negli anni e la vastità di relazioni che sono nate grazie alla loro realtà.

Last but not the least, Paolo Naldini ha presentato l’attività di Cittàdellarte, che da anni – così come Michelangelo Pistoletto sostiene – si contamina sempre più nel contesto sociale di riferimento, con lo scopo di ispirare e produrre un cambiamento responsabile nella società attraverso idee e progetti creativi.

Dopo tutte queste bellissime esperienze nel territorio biellese, è stato un immenso piacere per la redazione di Italia Che Cambia presentare – con Daniel, Daniela, Emanuela e il sottoscritto – il neonato portale ai presenti, che incuriositi e interessati hanno partecipato in numerosi alla serata. E’ stato una fantastica occasione per incontrarsi e sviluppare insieme i prossimi step nel meraviglioso biellese.

La serata è stata organizzata in collaborazione con Biellese in transizione, l’associazione Better Places, Fondazione Pistoletto – cittàdellarte e Viaggi e miraggi onlus.
Si ringrazia la Fondazione CRBiella per aver sostenuto il progetto e per essere stata presente nella serata di presentazione con Andrea Quaregna.

Ed oggi è già ora di ripartire per un’altra serata di presentazione del portale, questa volta nella Val di Susa in collaborazione con Etinomia, rete di imprenditori etici per la difesa dei beni comuni.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Città o paesi, dove abiteremo in futuro? – Io Non Mi Rassegno #234

|

Paolo Pallavidino: “Vado a vivere sotto i ponti per affrontare le mie paure”

|

Il Visual Garden di Ilaria: “Cambio vita e lancio un progetto per valorizzare il centro storico di Genova”

|

La scuola italiana è in crisi, ma un aiuto può arrivare dall’homeschooling

|

Il turismo responsabile che in Campania sostiene l’impegno sociale

|

Un’altra politica esiste già. Incontro con Marco Boschini ed i Comuni Virtuosi – Dove eravamo rimasti #1

|

Un sogno di comunità per riportare in vita il borgo rurale di Oscata

|

La sfida di Marco: si licenzia e fa il fotografo freelance… anche per suo figlio