Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
13 Mar 2017

Filmmaker day: la voce agli ideatori e creatori dell’evento

Scritto da: Roberto Vietti

Abbiamo intervistato il direttore artistico Mauro Russo Rouge e il presidente di ArtInMovimento Annunziato Gentiluomo, organizzatori del Filmmaker Day di Torino. Ecco a voi le loro sensazioni a pochi giorni dall'evento.

TORINO – E oggi per parlare del Filmmaker Day del 17 marzo sono con noi Mauro Russo Rouge e Annunziato Gentiluomo, rispettivamente il direttore artistico dell’evento e il presidente di ArtInMovimento, l’associazione organizzatrice. L’evento si terrà presso il Teatro Giulia di Barolo, in piazza Santa Giulia 2 bis, dalle 13.30 alle 00.00. L’ingresso è gratuito.

Signor Russo Rouge, quali sono le vostre sensazioni a pochi giorni dall’evento?

Rispondo con una battuta dell’attore Wes Bentley nel celeberrimo film di Sam Mandes “American Beauty”: C’è elettricità nell’aria!

Signor Gentiluomo, come vi è venuta l’idea di realizzare il FilmMaker Day a Torino?

Siamo di Torino e quindi innanzitutto per le ovvie ragioni logistiche non potevamo che inaugurare questa maratona cinematografica dalla nostra città. Inoltre sentiamo di dover contribuire, attraverso il Filmmaker Day, a renderla ancora più appetibile, artisticamente parlando, di quanto già non lo sia. Amiamo il capoluogo piemontese ed è importante per noi contribuire, attraverso eventi come questo, a quel sentimento di passione che la nutre e la infervora.

Signor Russo Rouge, che cosa significa per voi questo evento? Cosa vi ha spinto a realizzarlo?

Significa fare qualcosa di straordinariamente sensato e ricco per il cinema indipendente e i suoi autori. Mi ha spinto a realizzarlo la profonda passione per il cinema e la voglia di dare visibilità a pellicole che probabilmente non avrebbero accesso al grande schermo italiano. Pellicole di estrema qualità, ma non favorite da canali di distribuzione efficaci.

Signor Russo Rouge, in base a quali parametri avete selezionato le pellicole?
Le pellicole sono state scelte da una commissione che le ha valutate tutte, una ad una con profondo rispetto nei confronti di tutti coloro che hanno partecipato alla loro realizzazione e con grande attenzione. Ci siamo orientati secondo i seguenti parametri: regia, fotografia, recitazione, sceneggiatura e montaggio. Ovviamente tutti ugualmente indispensabili. Alla fine ben 28 su 707 giunte da ogni lato del mondo. Il miglior film del Filmmaker Day verrà decretato da una giuria interna presente in sala durante l’intera giornata e parteciperà alla kermesse della quarta edizione di OIFF TURIN CINEFEST il prossimo 4 maggio presso il Cinema Classico di Torino. Inoltre ci saranno due menzioni speciali, rispettivamente legate alla Sua testata, Italia che Cambia, e ad ArtInMovimento Magazine, i nostri due media-partner.

Signor Russo Rouge, qual è stata la risposta dei FilmMaker, italiani e non? Vi attendavate così tante candidature?
La risposta dei filmmakers è stata strepitosa. Oltre 700 film e di questi circa 150 italiani. A dir poco fantastico. Comunque sì, ci aspettavamo un numero elevato di candidature poiché siamo molto ben organizzati dal punto di vista promozionale e ci teniamo a fare le cose con un certo criterio. Curiamo quotidianamente una marea di aspetti di marketing col nostro tecnico Matteo Valier e, soprattutto, la nostra fee d’ingresso per i partecipanti – che nella maggior parte dei festival rappresenta una vera e propria rapina a mano armata per le cifre stratosferiche richieste – è di soli 10 dollari. Accessibile quindi a tutti. Inoltre, non abbiamo previsto Fee di partecipazione per tutti gli autori con residenza a Torino o che abbiano girato il film a Torino o più in generale in Piemonte. Questo per incentivare quanto la nostra realtà territoriale produce.

Signor Gentiluomo, quali sono i vostri prossimi passi? Avete già in mente la prossima edizione?
Abbiamo un sacco di idee per il prossimo futuro. Come detto precedentemente, il prossimo 4 maggio ci sarà la kermesse della 4° edizione del nostro ormai apprezzatissimo OIFF TURIN CINEFEST.
Tutto è iniziato da OIFF. Intorno a questo nostro “pianeta” è poi nato il Filmmaker Day che punta a ritornare in scena già tra qualche mese in un’altra location. C’è infatti il desiderio di renderlo itinerante. Tanti progetti che stiamo concretizzando pianificandoli con dedizione e soprattutto passione per il cinema, e per tutta l’arte in generale. Ci interessano tutte le forme d’arte visive e non, quindi fotografia, pittura, danza e altro ancora. L’intento è comunque sempre il medesimo: divulgare l’arte sul territorio. Creare degli spazi interessanti per gli autori e permettere al pubblico di potersi confrontare direttamente con loro, immergendosi nella settima arte attraverso un’esperienza diretta.

Signor Gentiluomo, ci piacerebbe chiedervi che cos’è per voi l’Italia Che Cambia, non tanto il nostro progetto editoriale… ma come voi la declinate nella vostra vita.

Italia Che Cambia siamo noi, nelle nostre scelte, nel nostro modo di fare e di pensare. Siamo noi che vogliamo andare controcorrente, che non ci pieghiamo alle logiche politiche e commerciali e che crediamo che ci sia una moltitudine che avanza e che si rende, ogni giorno di più, promotrice di un cambiamento. Noi siamo parte attiva di quella moltitudine e agiamo attraverso l’arte, il cinema in primis. Il fatto che ci sia una testata come la vostra o come la nostra, ArtInMovimento Magazine, ci fanno ben comprendere che quel filone è tracciato e che si può operare in questa società in modo alternativo e pacifico, valorizzando le diversità, generando armonia e cantando la bellezza.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Il Papa e le coppie omosessuali – Io Non Mi Rassegno #237

|

SPIGA: il forno sociale per la rigenerazione artigiana della periferia

|

I Deplasticati: il gruppo sanremese che libera la città e le spiagge dai rifiuti

|

Il Parlamento europeo condanna i tirocini gratuiti. Una risoluzione storica per gli stagisti

|

La Specie Felice: pensare e praticare la felicità per costruire un futuro di benessere condiviso

|

Orizzontale: gli architetti che rigenerano lo spazio pubblico e creano comunità – Io faccio così #304

|

Vaia, la startup che pianta nuovi alberi nei boschi delle Dolomiti distrutti dalla tempesta

|

Imparare per il futuro: il nostro racconto del viaggio Erasmus verso la sostenibilità