16 Mar 2017

Settimana della disabilità

Scritto da: Daniela Bartolini

"Starci per Amore" è l'iniziativa che si terrà a Pratovecchio Stia dal 27 marzo al 2 aprile, in concomitanza con la Settimana Blu di sensibilizzazione all'autismo. Perchè "la disabilità è una condizione umana, inserita nella vita di tutti. Non va spiegata ma vissuta, penetrata"

Pratovecchio Stia, a fine mese la settimana della disabilità
Incontri, dibattiti: un percorso di sensibilizzazione sulla disabilità

L’Unione dei Comuni Montani del Casentino – settore dei servizi sociali, con i Comuni di Bibbiena e Pratovecchio Stia e in collaborazione con la Fondazione Alice Onlus, promuovono nell’ambito della Settimana Internazionale sull’Autismo una serie di iniziative informative e di sensibilizzazione sul tema delle disabilità, dal titolo “Starci per amore”.

Nell’attuazione della convenzione stipulata tra la Fondazione Alice, il Comune di Pratovecchio Stia e l’Unione dei Comuni, è stato iniziato in questi mesi un percorso formativo sulla disabilità con alcune classi della scuola primaria dell’Istituto Comprensivo Alto Casentino (Comune di Pratovecchio Stia). Il fine è stato realizzare giornate di incontro tra studenti e disabili, ed invitare quindi i ragazzi a semplici attività comuni che ribaltino la normale esperienza, spesso esclusivamente assistenziale, persona/disabile per introdurre un modo originale di interazione e giungere allo scambio persona/persona.

Questo ha portato i volontari a sollecitare il livello istituzionale locale, giungendo ad ampliare il percorso e progettare l’iniziativa “Starci per Amore” dal 27 marzo al 2 aprile, con incontri rivolti alla scuola, alle famiglie e a tutta la cittadinanza.

“Il concetto che vogliamo comunicare, e sul quale lavoriamo – dicono Sonia Amadori e Daniela Nocentini, rispettivamente assessore alle politiche sociali del Comune di Pratovecchio Stia e responsabile dei servizi sociali dell’Unione – è, come dice Simone Ciulli di Fondazione Alice Onlus, che “La disabilità non va spiegata ma va vissuta, va penetrata”. “Questi ragazzi hanno solo un modo diverso di porsi in questo mondo ma chi può dire qual è quello giusto? La disabilità è una condizione umana inserita nella vita di tutti. Siamo simili, non uguali, ed è la diversità che ci fa crescere e progredire come umanità”.

L’iniziativa prevede tre momenti di incontro rivolti al pubblico: mercoledì 29 marzo alla Sala del Podestà di Pratovecchio (h. 17), sabato 1. Aprile alle 15:30 al Palagio Fiorentino di Stia e infine domenica 2 aprile a Campolombardo, nella sede della Fondazione Alice.

Il programma completo è ancora in via di definizione, ma sono attesi i contributi di numerosi ospiti: “L’obiettivo è quello principalmente di informare e di far prendere coscienza alla gente sul tema delle disabilità in genere, che nella collettività non devono più essere viste come un problema ma come una risorsa. Su questo la Fondazione Alice sta lavorando da anni, e noi ci siamo affiancati credendo molto nell’aspetto educativo di questa idea. Sta nascendo davvero una sensibilità nuova, purché la cittadinanza sia disposta a coglierla. L’occasione della settimana sull’autismo è stata il pretesto che abbiamo preso per iniziare a socializzare questo percorso, con l’auspicio di coinvolgere la gente”.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza