Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
19 Mag 2017

Studenti in ecovillaggio per imparare la sostenibilità

Scritto da: Redazione

Un gruppo di studenti dell’istituto per geometri Guarini di Modena ha fatto visita all’ecovillaggio Montale, insediamento abitativo realizzato con le più avanzate tecniche di bioedilizia. L’obiettivo, imparare sul campo le buone pratiche e le soluzioni innovative ed ecologiche.

L’ecovillaggio Montale apre le porte agli studenti dell’Istituto Tecnico per Geometri di Modena “Guarino Guarini” che, nel rispetto di una mobilità sostenibile, hanno impiegato il mezzo a due ruote più ecologico: la bicicletta. Interessati a un futuro sostenibile e incuriositi dalle soluzioni applicative adottate nel quartiere residenziale di Ecovillaggio, circa 40 ragazzi hanno vissuto un “viaggio esperenziale” nella bioarchitettura secondo la parte più operativa del progetto di alternanza scuola lavoro.

20170511_095907A dare il benvenuto gli imprenditori di Ecovillaggio Silvia e Carlo Pini, insieme all’architetto Valentina Nigro. Un gruppo di studenti è arrivato in corriera accompagnati dai docenti Giovanna Bonparola, Cristina Zuccarello e Francesco Zanghì. Un altro gruppo di 15 studenti come detto è stato guidato in bici guidati dal Prof. Tiziano Venturelli. La visita e il progetto sulla ecosostenibilità coinvolgono le classi quinta D e quinta E.

Vuoi cambiare la situazione
dell'abitare in italia?

ATTIVATI

 

“È importante per i ragazzi non solo conoscere la teoria ma apprendere attraverso un’osservazione diretta sul campo gli aspetti concreti. Raccontare e al tempo stesso illustrare il progetto di bioarchitettura– spiega la prof.ssa Bonparola – sarà per loro il momento più stimolante del percorso formativo. I ragazzi passeggeranno attraverso le case di Ecovillaggio, l’area del parco, per poi soffermarsi dentro al cantiere dove è in costruzione la nuova palazzina per scoprire da vicino le principali fasi di costruzione”, conclude Bonparola.

 

Ecovillaggio è il laboratorio a cielo aperto dove nascono le idee green e si diffondono le buone pratiche per un futuro sostenibile. Il cambiamento virtuoso parte proprio dai giovani che, se incoraggiati e stimolati dagli adulti, possono migliorare la qualità di vita e affrontare, con soluzioni efficienti, le principali sfide economiche, sociali e ambientali.

 

#IoNonMiRassegno 17/1/2020

|

Gli allenatori di Laureus: “Lo sport educa alla passione”

|

Tamera, l’ecovillaggio in Portogallo che sperimenta una Terra Nova

|

Assicurazione etica: la proposta di CAES rivolta agli under 35

|

La Scuola italiana di Arte del Processo e Democrazia Profonda

|

Borgopo’: “Così ho fatto rinascere la libreria che amavo da bambina”

|

La Vita al Centro, la scuola parentale immersa nel verde – Io faccio così #275

|

Womanboss Academy: quattro storie di fioritura

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l'editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.