19 Mag 2017

Studenti in ecovillaggio per imparare la sostenibilità

Scritto da: Redazione

Un gruppo di studenti dell'istituto per geometri Guarini di Modena ha fatto visita all'ecovillaggio Montale, insediamento abitativo realizzato con le più avanzate tecniche di bioedilizia. L'obiettivo, imparare sul campo le buone pratiche e le soluzioni innovative ed ecologiche.

L’ecovillaggio Montale apre le porte agli studenti dell’Istituto Tecnico per Geometri di Modena “Guarino Guarini” che, nel rispetto di una mobilità sostenibile, hanno impiegato il mezzo a due ruote più ecologico: la bicicletta. Interessati a un futuro sostenibile e incuriositi dalle soluzioni applicative adottate nel quartiere residenziale di Ecovillaggio, circa 40 ragazzi hanno vissuto un “viaggio esperenziale” nella bioarchitettura secondo la parte più operativa del progetto di alternanza scuola lavoro.

20170511_095907A dare il benvenuto gli imprenditori di Ecovillaggio Silvia e Carlo Pini, insieme all’architetto Valentina Nigro. Un gruppo di studenti è arrivato in corriera accompagnati dai docenti Giovanna Bonparola, Cristina Zuccarello e Francesco Zanghì. Un altro gruppo di 15 studenti come detto è stato guidato in bici guidati dal Prof. Tiziano Venturelli. La visita e il progetto sulla ecosostenibilità coinvolgono le classi quinta D e quinta E.

“È importante per i ragazzi non solo conoscere la teoria ma apprendere attraverso un’osservazione diretta sul campo gli aspetti concreti. Raccontare e al tempo stesso illustrare il progetto di bioarchitettura– spiega la prof.ssa Bonparola – sarà per loro il momento più stimolante del percorso formativo. I ragazzi passeggeranno attraverso le case di Ecovillaggio, l’area del parco, per poi soffermarsi dentro al cantiere dove è in costruzione la nuova palazzina per scoprire da vicino le principali fasi di costruzione”, conclude Bonparola.

Ecovillaggio è il laboratorio a cielo aperto dove nascono le idee green e si diffondono le buone pratiche per un futuro sostenibile. Il cambiamento virtuoso parte proprio dai giovani che, se incoraggiati e stimolati dagli adulti, possono migliorare la qualità di vita e affrontare, con soluzioni efficienti, le principali sfide economiche, sociali e ambientali.

Articoli simili
Volontariato ambientale: storia di un gruppo di giovani che crede in un mondo migliore
Volontariato ambientale: storia di un gruppo di giovani che crede in un mondo migliore

Paesaggio bene comune, punti di vista a confronto
Paesaggio bene comune, punti di vista a confronto

Benessere e sostenibilità: arriva in Umbria “Fa' la cosa giusta!”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Calabria che cambia: il primo incontro per cambiare insieme l’immaginario di questa terra

|

Porto di Genova: “Staremo qui finché non otterremo quello che ci spetta”

|

Persefone di ieri e di oggi… storie di miti moderni

|

Arriva Cambia-menti di Daniel Tarozzi: “Perché non lo faccio se posso farlo?”

|

Green pass, ecco le nostre opinioni: libere, rispettabili e aperte al confronto

|

Fra borghi antichi e natura incontaminata, lungo la Ciclovia dei Parchi della Calabria

|

Le ambulanze veterinarie in Liguria: chi vuole dedicarsi agli animali in difficoltà?