10 Mag 2017

Volontariato nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi

Scritto da: Daniela Bartolini

Sta per ripartire, a cura della cooperativa InQuiete, il progetto di Volontariato nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna. Un’esperienza unica in un territorio straordinario ammantato di foreste secolari, attraverso la quale ogni volontario potrà partecipare attivamente a progetti di promozione e conservazione della natura del Parco.

Il progetto di Volontariato nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi è ormai al suo settimo anno di vita! 
I partecipanti avranno l’occasione anche questo anno di collaborare nella manutenzione di sentieri e piccole strutture dell’ente, nel controllo del territorio, nel monitoraggio della fauna, nell’assistenza ai visitatori e in varie altre mansioni utili. Ogni attività sarà facoltativa e commisurata alle forze, capacità e sensibilità dei partecipanti. Il progetto, ideato per studenti, famiglie, pensionati, appassionati o semplici curiosi che decidono di trascorrere un po’ del proprio tempo a contatto con la natura, permetterà ai partecipanti di scoprire il mondo delle aree protette dando una mano concreta al suo funzionamento.

La scadenza per le domande d’iscrizione è 10 giorni prima dell’inizio di ciascun turno.
La quota d’iscrizione per tutti i turni è di euro 50,00 e comprende le spese per la copertura assicurativa dei volontari, il mantenimento delle strutture che ospitano i partecipanti, le attrezzature utilizzate e il coordinamento per l’intera durata del turno.

Il programma di volontariato è finalizzato a fornire un’esperienza ai partecipanti per sostenere concretamente le finalità del Parco Nazionale, entrando a contatto con l’organizzazione dell’Ente anche per meglio conoscerne le attività e le difficoltà in cui si trova ad operare.

Novità: da quest’anno possibilità di turni personalizzati, scoprite come all’interno del Regolamento! 

volontariato parco nazionale foreste casentinesi 2017 1494405472

 Queste le date di tutti i turni in calendario per il 2017:
  
– dal 9 al 11 giugno: turno breve dedicato all’avifauna

  • dal 16 al 18 giugno: turno breve dedicato ai lepidotteri (Life Wetflyamphibia)

  • dal 10 al 24 luglio: turno internazionale (in collaborazione con Yap Italia)

  • dal 28 al 30 luglio: turno breve dedicato agli insetti (Life Eremita)

  • dal 7 al 20 agosto: turno ordinario d’estate

  • dal 22 settembre al 1 ottobre: turno dedicato al censimento del cervo al bramito

  • dal 6 al 8 ottobre: turno breve dedicato al lupo (Wolfnet 2.0)

  • dal 2 al 5 novembre: turno breve dedicato al lupo (Wolfnet 2.0)

  • dal 28 dicembre al 5 gennaio: turno ordinario di capodanno

Per maggiori informazioni scrivete a volontariato@parcoforestecasentinesi.it

Nuovo regolamento e modulo d’iscrizione al link: www.parcoforestecasentinesi.it/it/vivi-il-parco/attivita/volontariato-nel-parco

Articoli simili
Marika, Andrea e il campera4zampe: “Vivere in camper si può, anche con sei animali”
Marika, Andrea e il campera4zampe: “Vivere in camper si può, anche con sei animali”

Marta Mingucci sulle caretta caretta: “Mettiamo da parte il nostro ego e rispettiamo la schiusa”
Marta Mingucci sulle caretta caretta: “Mettiamo da parte il nostro ego e rispettiamo la schiusa”

La Biblioteca del Lupo: alla scoperta dei selvatici, i veri abitanti della valle
La Biblioteca del Lupo: alla scoperta dei selvatici, i veri abitanti della valle

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Decreto risparmi, tetto al prezzo del gas e taglio al greggio – #595

|

We Make Market, una piattaforma per supportare i piccoli artigiani e i loro saperi

|

Patataplà, la compagnia teatrale immaginaria dell’artista contadina che è andata a vivere in un borgo

|

Ecco le matite giganti che colorano la val Borbera realizzate da un girovago sognatore

|

Dalle separazioni agli stereotipi di genere, ecco il racconto di chi cerca di costruire una nuova genitorialità

|

La realtà è più avanti: emozioni dal palco che porta in scena l’Italia che cambia

|

Fiori Florensi, il progetto di educazione in natura che valorizza talenti ed emozioni

|

La storia come strumento per ricostruire le comunità dilaniate dal terremoto