27 Giu 2017

Tre giorni di festa per Mondeggi Bene Comune

Scritto da: Redazione

Dal 30 giugno al 2 luglio si terranno tre giorni di festa, giochi, confronto e cibo genuino per celebrare il terzo anno di custodia e gestione popolare della Fattoria di Mondeggi, a pochi chilometri da Firenze, e per sviluppare un dibattito sulla gestione civica di un bene comune.

Tre giorni di festa, dal 30 giugno al 2 luglio, per celebrare il terzo anno di custodia popolare delle terre di Mondeggi e per sviluppare un dibattito sulla gestione civica di un bene comune, una strada che ha avuto successo in diversi contesti accomunati dalla volontà delle istituzioni di dialogare con delle realtà nate con una logica di reale democrazia dal basso e di valorizzazione della funzione sociale di un bene.

 

Da oltre tre anni il comitato Mondeggi Bene Comune – Fattoria Senza Padroni lavora e si impegna nel contrastare la vendita della fattoria di Mondeggi, rivendicando la terra come bene comune, grazie alla comunità che la presidia, la cura e la custodisce attraverso pratiche di autogoverno per trasmetterla in buone condizioni alle generazioni future.

18881993_1911372695555276_4319315097266551123_n

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

In stato di semi abbandono per anni, questa terra sta rivivendo grazie al lavoro e agli sforzi di decine di donne e uomini. Da tre anni la Fattoria di Mondeggi viene infatti gestita dalla comunità che l’ha trasformata in un bene comune.

 

“Nonostante le istituzioni, proprietarie del bene e responsabili del suo degrado, rifiutino ancora un confronto costruttivo con questa ormai grande porzione di popolazione attiva – scrive il Comitato Mondeggi Bene Comune – abbiamo deciso di continuare la nostra sperimentazione e di fare un grande passo in avanti. Noi comunità di Mondeggi siamo infatti l’unico soggetto che da più di tre anni si occupa della terra e degli immobili impedendone un degrado irreversibile: abbiamo pertanto deciso di formalizzare questo nostro impegno e responsabilità all’interno di una ‘Dichiarazione di gestione civica’  del bene comune agricolo di Mondeggi.

 

Partendo da questo documento, grazie anche alla collaborazione e al confronto con altre esperienze nazionali più evolute in questa direzione, nel corso dei tre giorni di festa potremo discutere e approfondire il significato di uso civico, gestione civica di un bene comune, e tutto ciò che concerne le pratiche di autogoverno caratterizzate dall’orizzontalità decisionale”.

 

 

La storia di Mondeggi: leggi il dossier e guarda le foto

 

 

Vuoi cambiare la situazione
della legalità in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
“Quanto lo pagate qui un chilo di coca?”. Via d’Amelio, Gratteri e la mafia che non è solo un problema del Sud
“Quanto lo pagate qui un chilo di coca?”. Via d’Amelio, Gratteri e la mafia che non è solo un problema del Sud

La società civile scende in piazza per Nicola Gratteri e contro la ‘ndrangheta
La società civile scende in piazza per Nicola Gratteri e contro la ‘ndrangheta

23 maggio: trent’anni dopo la strage di Capaci è ora di vedere di nuovo la gente incazzata
23 maggio: trent’anni dopo la strage di Capaci è ora di vedere di nuovo la gente incazzata

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi