Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
19 Giu 2017

Giovani fotografi indagano sul tema del consumo di suolo

Scritto da: Redazione

Nell'ambio dell'Elefante Festival del tempo lungo (15-25 giugno, Padova), di cui Italia Che Cambia è media partner ufficiale, si terrà Re-Visioni, un concorso fotografico dedicato ai giovani con meno di 35 anni che immortaleranno il degrado provocato dalla cementificazione, con l'obiettivo di innescare una necessaria riflessione sul tema.

Ha preso il via la settimana scorsa a Padova L’Elefante Festival del tempo lungo, una rassegna incentrata sulla necessità di cambiare il nostro rapporto con il tempo: rallentare, conservare la memoria del passato, vivere il presente e affacciarsi al futuro con fiducia. Nell’ambito del Festival, si terrà un concorso fotografico molto particolare dedicato ai giovani, con l’obiettivo di rappresentare e diffondere le immagini del degrado legato alla cementificazione del territorio.

Foto di Simone Motta

Foto di Simone Motta

Lo sguardo di cinque fotografi under 35, coordinati dal visual artist Orlando Myxx, sul tema del consumo di suolo a Padova. È questa la proposta al centro del progetto RE-VISIONI, nell’ambito del Festival del tempo lungo (15-25 giugno, Padova), promosso dall’associazione Pop Economix con una rete di partner grazie al sostegno del Bando culturalmente 2016 della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. Italia Che Cambia è media partner ufficiale della manifestazione.

 

Sabato 17 giugno gli esiti del laboratorio – che ha coinvolto i fotografi Giovanna Bison, Antonio Colucci, Pierpaolo Maso, Simone Motta, Giulia Pasinato – sono stati presentati per la prima volta al Parco La Fenice, in apertura dell’evento Torneranno i prati? Parole e immagini sul consumo di suolo a Padova. Le fotografie sono esposte a Ca’ Sana (via Ss.Fabiano e Sebastiano 13) fino a domenica 25 giugno.

Foto di Giovanna Bison

Foto di Giovanna Bison

“Padova come altre città ha vissuto una trasformazione urbana legata allo sviluppo che è stata segnata anche da storture e depauperamenti – spiega Nadia Lambiase, Presidente dell’associazione Pop Economix – Il consumo di suolo è così divenuto un prezzo a volte troppo alto pagato alla crescita, mentre si indebolivano via via i criteri di razionalità urbanistica nelle politiche del territorio”. Il progetto nasce quindi “per dare respiro a una riflessione che ci pare necessaria e risvegliare il bisogno, che abbiamo tutti, di osservare il mondo in cui viviamo con occhi nuovi”. 

 

Per info e programma completo del Festival cliccate qui.

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

L’Europa approva il diritto alla riparabilità! – Io Non Mi Rassegno #267

|

Cinquecento psicologi per aiutare le persone in difficoltà a causa della pandemia

|

La bibliofficina di quartiere: promuovere la socialità tra letture e riparazioni

|

LaCasaRotta: da cascina abbandonata ad ecovillaggio diffuso dove ritornare a essere comunità – Io faccio così #309

|

Pace, inclusione e solidarietà: l’impegno di Melagrana per la tutela dei diritti umani

|

The Great Reset, il futuro prossimo. Come la crisi del Covid potrebbe cambiare il mondo

|

Progetto Happiness: in viaggio intorno al mondo alla ricerca della felicità

|

Irene, la pittrice che dipinge gli sguardi delle donne vittime di violenza