7 Giu 2017

Studenti e migranti si incontrano a scuola

Scritto da: Daniela Bartolini

Venerdì 9 giugno termina il progetto di integrazione attraverso la conoscenza e il dialogo avviato dall'Istituto Comprensivo Guido Monaco di Castel Focognano. Per promuovere vere forme di integrazione sociale e superare gli stereotipi culturali.

L’anno scolastico volge ormai al termine, ma propri in questi giorni a Rassina si conclude un progetto particolare dell’Istituto Comprensivo Guido Monaco. Allo scopo di promuovere vere forme di integrazione sociale e per superare stereotipi culturali l’Istituto basso-casentinese ha organizzato durante l’anno un ciclo di incontri tra i richiedenti asilo ospitati nei comuni di Castel Focognano, Talla e Chiusi della Verna e gli studenti delle scuole primaria e secondaria.
La giornata conclusiva, durante la quale i bambini, le insegnanti e i richiedenti asilo racconteranno i risultati di un mese di lavoro, sarà venerdì 9 giugno presso la Sede dell’istituto a Rassina, alla presenza dell’Assessore regionale Vittorio Bugli, del Prefetto di Arezzo Dott.ssa Clara Vaccaro e dei Sindaci dei Comuni coinvolti.

Il percorso, iniziato ai primi di maggio, ha visto coinvolte una trentina di classi e una ventina di immigrati individuati per le loro capacità comunicative e per la voglia di raccontare il “viaggio” che hanno dovuto affrontare per raggiungere il nostro Paese.
Per quanto riguarda il percorso svolto nelle scuole primarie, i richiedenti asilo (su coinvolgimento delle maestre) hanno raccontato i particolari della loro vita quotidiana nel loro paese di origine sotto forma di “fiaba” e di “racconto”, senza affrontare gli aspetti più drammatici, per lasciare ai bambini la magia dell’immaginazione e per far loro focalizzare i temi più importanti come l’accettazione e rispetto delle culture e realtà diverse dalla nostra.
Nelle classi secondarie invece si è preferito un approccio più “linguistico” per dimostrare avvicinamento e rispetto degli altri: gli incontri si sono svolti sotto forma di intervista attraverso domande rivolte direttamente dai ragazzi in lingua francese o inglese ai richiedenti asilo provenienti da Paesi francofoni o anglofoni. Tutti gli incontri si sono tenuti con la presenza di un mediatore linguistico per affiancare le insegnanti di francese e inglese delle scuole.

Articoli simili
Incontri "viandanti" a Monteriggioni: Barbara Pierro e Stefania Rossini

Poppi Deposito d’Arte: un percorso d’arte contemporanea nel centro storico
Poppi Deposito d’Arte: un percorso d’arte contemporanea nel centro storico

Io Faccio Così #107 – Rondine, il piccolo borgo dove si costruisce la pace

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Microfinanza: l’economia a misura di persona riparte dalla Calabria

|

In Sudafrica per proteggere gli animali: la storia di Alberto e Francesco

|

“È stregoneria”, ovvero come il colonialismo europeo ha cancellato millenni di storia africana

|

Maghweb: raccontare il cambiamento è parte integrante dell’azione sociale

|

La nuova vita di Claudio e Lara, custodi di un antico castagneto sul Pratomagno

|

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”