Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
6 Giu 2017

L'uso della canapa in bioedilizia

Scritto da: Publiredazionale

Cresce in maniera esponenziale l’utilizzo della canapa nella bioedilizia. Grazie alle sue caratteristiche e alla versatilità che lo contraddistingue, questo materiale naturale è infatti sempre più apprezzato in Italia e all’estero.

L’utilizzo contemporaneo della canapa in edilizia è presente in Europa da ormai oltre trent’anni, mentre in Italia la prima casa in canapa è stata realizzata nel 2010 in Emilia Romagna, la Regione che poco più di 60 anni fa ne produceva la maggiore quantità a livello nazionale.

Hemp
La canapa può essere utilizzata nelle nuove costruzioni, nelle riqualificazioni energetiche, nel recupero, nelle ristrutturazioni e nel restauro del patrimonio edilizio esistente. Per saperne di più ne abbiamo parlato con Graziella Caria, Agente del Cambiamento e coordinatrice del corso “Tre giorni con la canapa” che si terrà dal 9 all’11 giugno a Guspini, in Sardegna.

Vuoi cambiare la situazione
dell'abitare in italia?

ATTIVATI

 

Graziella insieme alle sue sorelle gestisce l’azienda di arredamento ecologico Nuove Tecnologie,  è specializzata in inquinamento indoor e lavora anche come consulente, fornendo consigli e suggerimenti per creare un ambiente domestico sano e protetto.

 

Quali sono le applicazioni della canapa in bioedilizia?
Molteplici. Della canapa non si butta via nulla: canapulo, fibra, come riempimento per intecapedini, con la calce e canapulo per tamponamenti, in pannelli coibenti, in miscela per gli intonaci, materassini di vari spessori per coibentazioni dei tetti etc.

 

Quali vantaggi comporta l’utilizzo della canapa?
La canapa è un prodotto naturale, a ciclo chiuso, non è attaccabile dai parassiti, durevole, totalmente riciclabile alla dismissione. Le sue applicazioni vanno dall’alimentazione, al tessile, alla medicina. La canapa viene inoltre usata per bonificare i terreni contaminati e fertilizzare quelli terreni stressati. È anche adatta come coltura di rotazione.

[av_button_big label=’COSTRUIRE CON LA CANAPA: PARTECIPA AL CORSO!’ description_pos=’below’ link=’manually,https://goo.gl/l4kJ7A’ link_target=’_blank’ icon_select=’no’ icon=’ue800′ font=’entypo-fontello’ custom_font=’#ffffff’ color=’theme-color’ custom_bg=’#444444′ color_hover=’theme-color-subtle’ custom_bg_hover=’#444444′][/av_button_big]

Nel nostro Paese è diffuso l’utilizzo della canapa in bioedilizia?
Sì e soprattutto, sempre più, ne viene fatto un utilizzo consapevole nell’architettura naturale.

 

A chi si rivolge questo corso?
Il corso è rivolto ai professionisti, alle imprese edili e agli appassionati.

 

Cos’è l’Associazione nazionale di architettura bioecologica (ANAB), promotrice del corso?
Un’associazione di esperti che hanno come indirizzo comune l’architettura naturale e bioecologica. L’obiettivo è quello di promuovere la tutela della salute di chi abita una casa e far capire che da un edificio costruito con materiali da petrolchimica possono derivare molte patologie dei tempi moderni. L’ “inquinamento indoor”, infatti, è molto comune nelle nuove case costruite con materiali chimici che esalano composti dannosi, causa di allergie, problemi respiratori etc.

[av_button_big label=’COSTRUIRE CON LA CANAPA: PARTECIPA AL CORSO!’ description_pos=’below’ link=’manually,https://goo.gl/l4kJ7A’ link_target=’_blank’ icon_select=’no’ icon=’ue800′ font=’entypo-fontello’ custom_font=’#ffffff’ color=’theme-color’ custom_bg=’#444444′ color_hover=’theme-color-subtle’ custom_bg_hover=’#444444′][/av_button_big]

 

#IoNonMiRassegno 24/1/2020

|

La Fondazione Laureus a Roma, tra Calcio Sociale, basket e pallavolo

|

Foodbusters: acchiappacibo in azione per salvare gli avanzi degli eventi

|

Così le compagnie fossili denunciano gli Stati per bloccare la transizione ecologica

|

Vazapp, l’hub che insegna ai contadini a coltivare… le relazioni! – Io faccio così #276

|

Un chilometro al giorno: la passeggiata che diventa lezione nelle scuole

|

Costituita a Roma la RIES, Rete Italiana per l’Economia Solidale

|

Blocco del traffico contro lo smog? Servono misure a lungo termine

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l'editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.