6 Giu 2017

L'uso della canapa in bioedilizia

Scritto da: Publiredazionale

Cresce in maniera esponenziale l'utilizzo della canapa nella bioedilizia. Grazie alle sue caratteristiche e alla versatilità che lo contraddistingue, questo materiale naturale è infatti sempre più apprezzato in Italia e all'estero.

L’utilizzo contemporaneo della canapa in edilizia è presente in Europa da ormai oltre trent’anni, mentre in Italia la prima casa in canapa è stata realizzata nel 2010 in Emilia Romagna, la Regione che poco più di 60 anni fa ne produceva la maggiore quantità a livello nazionale.

Hemp
La canapa può essere utilizzata nelle nuove costruzioni, nelle riqualificazioni energetiche, nel recupero, nelle ristrutturazioni e nel restauro del patrimonio edilizio esistente. Per saperne di più ne abbiamo parlato con Graziella Caria, Agente del Cambiamento e coordinatrice del corso “Tre giorni con la canapa” che si terrà dal 9 all’11 giugno a Guspini, in Sardegna.

 

Graziella insieme alle sue sorelle gestisce l’azienda di arredamento ecologico Nuove Tecnologie,  è specializzata in inquinamento indoor e lavora anche come consulente, fornendo consigli e suggerimenti per creare un ambiente domestico sano e protetto.

 

Quali sono le applicazioni della canapa in bioedilizia?
Molteplici. Della canapa non si butta via nulla: canapulo, fibra, come riempimento per intecapedini, con la calce e canapulo per tamponamenti, in pannelli coibenti, in miscela per gli intonaci, materassini di vari spessori per coibentazioni dei tetti etc.

 

Quali vantaggi comporta l’utilizzo della canapa?
La canapa è un prodotto naturale, a ciclo chiuso, non è attaccabile dai parassiti, durevole, totalmente riciclabile alla dismissione. Le sue applicazioni vanno dall’alimentazione, al tessile, alla medicina. La canapa viene inoltre usata per bonificare i terreni contaminati e fertilizzare quelli terreni stressati. È anche adatta come coltura di rotazione.

[av_button_big label=’COSTRUIRE CON LA CANAPA: PARTECIPA AL CORSO!’ description_pos=’below’ link=’manually,https://goo.gl/l4kJ7A’ link_target=’_blank’ icon_select=’no’ icon=’ue800′ font=’entypo-fontello’ custom_font=’#ffffff’ color=’theme-color’ custom_bg=’#444444′ color_hover=’theme-color-subtle’ custom_bg_hover=’#444444′][/av_button_big]

Nel nostro Paese è diffuso l’utilizzo della canapa in bioedilizia?
Sì e soprattutto, sempre più, ne viene fatto un utilizzo consapevole nell’architettura naturale.

 

A chi si rivolge questo corso?
Il corso è rivolto ai professionisti, alle imprese edili e agli appassionati.

 

Cos’è l’Associazione nazionale di architettura bioecologica (ANAB), promotrice del corso?
Un’associazione di esperti che hanno come indirizzo comune l’architettura naturale e bioecologica. L’obiettivo è quello di promuovere la tutela della salute di chi abita una casa e far capire che da un edificio costruito con materiali da petrolchimica possono derivare molte patologie dei tempi moderni. L’ “inquinamento indoor”, infatti, è molto comune nelle nuove case costruite con materiali chimici che esalano composti dannosi, causa di allergie, problemi respiratori etc.

[av_button_big label=’COSTRUIRE CON LA CANAPA: PARTECIPA AL CORSO!’ description_pos=’below’ link=’manually,https://goo.gl/l4kJ7A’ link_target=’_blank’ icon_select=’no’ icon=’ue800′ font=’entypo-fontello’ custom_font=’#ffffff’ color=’theme-color’ custom_bg=’#444444′ color_hover=’theme-color-subtle’ custom_bg_hover=’#444444′][/av_button_big]

 

Articoli simili
Fra agroecologia e abitare sostenibile prosegue il percorso di Seminare Comunità
Fra agroecologia e abitare sostenibile prosegue il percorso di Seminare Comunità

Canapa industriale: perché in Italia siamo così indietro?
Canapa industriale: perché in Italia siamo così indietro?

Arriva il rigeneratore urbano: ecco l’identikit della figura che cambierà le nostre città
Arriva il rigeneratore urbano: ecco l’identikit della figura che cambierà le nostre città

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza