Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
12 Lug 2017

Ecologia e musica: in Umbria torna il Wao Festival

Scritto da: Ezio Maisto

Dal 19 al 23 luglio nei boschi del Monte Peglia, in provincia di Terni, si terrà la terza edizione del WAO Festival: cinque giorni di musica, arte, cultura ed ecologia.

Dopo il successo delle prime due edizioni, cui hanno partecipato circa 2500 persone da tutto il mondo, torna “We Are One” (WAO), il festival ispirato ai Rainbow Gatherings  nel quale musica, arte, cultura ed ecologia si fondono insieme per regalare al pubblico un’esperienza unica di consapevolezza, condivisione e creatività.

Wao1

Come l’anno scorso, il WAO Festival sarà ospitato nel bellissimo scenario naturale del Parco dei Sette Frati, sul Monte Peglia, tra le verdi colline del comune di San Venanzo, in Umbria.

 

L’evento ospiterà 85 tra i più interessanti artisti della musica elettronica provenienti da diversi continenti, che diffonderanno sonorità psytrance e techno accompagnate da contaminazioni jazz e rock per accontentare ogni gusto.

 

Ma WAO è molto più di un semplice evento musicale. Il progetto ha infatti una solida matrice etica. L’idea è quella di creare, per cinque giorni, un laboratorio temporaneo basato sul principio della partecipazione attiva, dove apprendere e sperimentare un modello di vita alternativo nel profondo rispetto di se stessi, degli altri e della natura che ci accoglie.

Wao2

Nell’ottica “open source” della conoscenza condivisa, ciò si traduce in una ricca offerta di seminari, laboratori e workshop dedicati alla crescita personale, alle attività olistiche, a soluzioni pratiche come eco-architettura e agricoltura sinergica. L’evento viene inoltre gestito con le logiche del riciclo, dell’utilizzo di energia verde, del consumo di prodotti a filiera corta e del turismo turismo sostenibile.

 

Per info e biglietti: http://www.waofestival.org
Facebook: https://it-it.facebook.com/waofestivalofficial/
LINK all’aftermovie 2016: https://www.youtube.com/watch?v=W-lt1enBPg8

 

 

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Lo stallo israeliano e i rischi dell’accordo Ue-Mercosur – Io Non Mi Rassegno #172

|

Sette produttori locali si uniscono e danno vita a un negozio-laboratorio a Km0

|

Il Filo di Paglia, la prima casa in paglia della Liguria

|

Movement Medicine: affidarsi alla danza per scoprire se stessi

|

IC3 Modena: la scuola digitale in cui luci e colori risvegliano l’anima – Scuola Che Cambia #6

|

Cambiare vita e lavoro, un viaggio responsabile e coraggioso verso la felicità

|

Mille alberi piantati dai cittadini per difendere il territorio

|

Verso un’economia post-covid per il bene comune