11 Lug 2017

La meditazione in supporto di detenuti e polizia penitenziaria

Alleviare il disagio e migliorare il benessere psicologico dei membri della comunità del carcere. Questo l'obiettivo del corso di meditazione per detenuti e agenti di polizia penitenziaria proposto dall'Agente del Cambiamento Marcello Bellomo. La sperimentazione parte oggi in Sicilia.

Un corso di meditazione rivolto ai detenuti e al personale del carcere al fine di migliorare il benessere psicologico di chi vive una condizione stressante che, come spesso è accaduto, conduce ad atti di violenza e al suicidio. È questa la proposta di Marcello Bellomo, Agente del Cambiamento e agente di polizia penitenziaria presso la Casa di Reclusione di San Cataldo provincia di Caltanissetta.

maxresdefault

Cosa ti ha spinto a proporre questa iniziativa?
La volontà di attivare circoli virtuosi, avendo trovato terreno fertile.

 

Puoi descrivere i benefici che trarranno coloro che parteciperanno?
Se lo vorranno, riusciranno ad acquisire strumenti per essere consapevoli che tutto parte da noi , nessuno escluso.

 

Quali sono le condizioni psico-fisiche dei membri della comunità del carcere, ovvero i detenuti e gli agenti?
Non si può generalizzare , ogni caso è a sé, ma la privazione della libertà (per i detenuti o utenti), lo scollamento dalla vita quotidiana , la vita di routine intramuraria segna parecchio, in modo particolare chi è innocente. I più deboli spesso mettono in atto atti di autolesionismo, fino ad arrivare in casi estremi al suicidio. Per le ”guardie” (poliziotti penitenziari) vivere questa quotidianità particolare – i turni di servizio prolungati alle 8 ore e più, la mancanza cronica di personale, il pendolarismo che tiene lontani dalle famiglie, il frequente disinteresse da parte della politica – fa sì che si accumuli stress negativo con una casistica elevata di suicidi tra i più deboli.

151002001035-cnnmoney-schools-prisons-exlarge-169

Da parte della Direzione com’è stata accolta la tua proposta?
Il Direttore, il Comandante ed anche il responsabile degli educatori sono molto attivi in tal senso. Dopo aver in passato proposto varie attività (che per il momento non abbiamo potuto attivare per mancanza di fondi ) , qualche settimana fa mi hanno chiesto cosa potevamo proporre agli utenti per il periodo estivo. Da qui è nata l’idea del corso che tutti hanno accettato positivamente, e mi sono attivato subito.

 

Pensi che ci siano i presupposti affinché questa esperienza si possa replicare anche in altre strutture italiane?
Sì, in effetti so di altri casi isolati del genere, ma sempre lasciati alla buona volontà dei singoli. Servirebbe invece una regia centrale da parte dell’Amministrazione Penitenziaria o seguire l’esempio dell’India che, legiferando in materia, ha inserito la meditazione come strumento di recupero rivolto ai detenuti. Anche per chi lavora negli istituti penitenziari dovrebbero essere previsti centri di ascolto e la possibilità di partecipare a corsi di meditazione.

 

Quando dovrebbe partire il progetto? Che strutture e chi coinvolgerà?
Il progetto parte oggi 11 luglio, inizialmente per due mesi, ma con l’intenzione di farlo continuare qualora susciti interesse da parte degli utenti. La struttura che ospita il corso è la Casa di Reclusione di San Cataldo provincia di Caltanissetta, diretta dalla Dottoressa Francesca Fioria, Comandata dal Commissario Alessio Cannatella. I corsi sono coordinati dall’educatore Sig. Michele Lapis . Il corso è tenuto da Rosolino Di Martino (Saro) presente nel libro di Daniel Tarozzi “Io faccio cosi”, coadiuvato dai coniugi Giuseppina Lo Monaco (Pina) e da Carlo Paternò, e dai dieci utenti che parteciperanno.

 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Da principessa “vittima e passiva” ad autrice della mia vita: una storia di tante donne
Da principessa “vittima e passiva” ad autrice della mia vita: una storia di tante donne

L’antropologa Laura Di Pasquale racconta l’incidente che le ha cambiato la vita: “Il mio consiglio è darsi da fare”
L’antropologa Laura Di Pasquale racconta l’incidente che le ha cambiato la vita: “Il mio consiglio è darsi da fare”

Questo autunno fermiamoci a osservare la natura: quale lezione può darci una foglia?
Questo autunno fermiamoci a osservare la natura: quale lezione può darci una foglia?

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il governo olandese vuole chiudere gli allevamenti intensivi, fra le proteste – #627

|

Basta una Zampa: dopo il Covid i “dottori a quattro zampe” tornano a portare sollievo ai piccoli pazienti

|

GivingTuesday, oggi in oltre 80 paesi si celebra il “martedì del dare”

|

Circ’Opificio: disciplina, impegno e condivisione arrivano nei quartieri più emarginati grazie alle arti circensi

|

Abbiamo ribaltato l’Italia!

|

Remedia: erbe medicinali e alberi per la cura del corpo e per una vita più consapevole – Dove eravamo rimasti #6

|

Al suo esordio Dalen canta Crotone, le sue alluvioni e l’urgenza di non tacere

|

Sopravvivere alla crisi della democrazia (e creare alternative) – A tu per tu + #1