28 Nov 2017

Social farming contro l'abbandono dell'Appennino bolognese

Scritto da: Redazione

Promuovere il ripopolamento delle aree montane bolognesi tramite progetti di impresa agricola volti all'inclusione sociale e lavorativa di soggetti svantaggiati. Con quest'obiettivo la Fondazione Grameen Italia lancia la sfida Social Farming in the Apennines.

La Fondazione Grameen Italia lancia la sfida Social Farming in the Apennines: una chiamata rivolta a startup, imprese e organizzazioni del terzo settore interessate ad avviare piccole attività agricole o extra-agricole con finalità sociali nell’Appennino bolognese. La call è aperta a soggetti di tutta Italia ed Europa. L’obiettivo della sfida è di promuovere il ripopolamento delle aree montane bolognesi, percorse da tempo dal fenomeno dell’abbandono, attraverso progetti d’impresa agricola volti all’inclusione sociale e lavorativa di soggetti svantaggiati.

monteacuto-delle-alpi

La sfida della Fondazione bolognese è una delle 30 già online sulla piattaforma Social Challenges Innovation Platform, espressione del progetto europeo Horizon 2020 coordinato da META con i partner European BIC Network (EBN) e Impact Hub, promosso in Italia da Aster. Un grant di 30 mila euro a fondo perduto sarà erogato a chi proporrà le migliori soluzioni alla sfida, fino ad un massimo di tre progetti vincitori (senza frazionamento del grant). L’erogazione del finanziamento avverrà in due tranches distinte: l’80% verrà assegnato in anticipo il restante 20% al termine di un periodo di sei mesi. Inoltre, per i progetti vincitori verrà realizzato da Grameen Italia un programma di affiancamento per l’implementazione della soluzione. La scadenza per sottoporre la propria candidatura è il 21 dicembre 2017.

 

Social Farming in the Apennines fa riferimento al Modello Social Farm ideato da Grameen Italia: un modello d’impresa altamente inclusivo che genera valore economico, ambientale e sociale per tutti i soggetti coinvolti e per la Comunità che ospita le Social Farm (“fattorie sociali”). Il Modello promuove la sinergia tra settore privato profit e non-profit per la costruzione di filiere produttive di qualità nel rispetto della tradizione territoriale e dell’ambiente.

 

Come partecipare?
La piattaforma europea Social Challenges Innovation Platform mira a costruire un ecosistema digitale di sfide sociali e soluzioni per incoraggiare l’interazione tra i settori del Pubblico e del Privato con il fine di co-sviluppare progetti innovativi con chiare finalità sociali e adatti al mercato. È online il testo del regolamento della call for proposals. Possono candidare un progetto, redatto in lingua inglese, le startup, le imprese e le organizzazioni del terzo settore.

 

Si possono presentare anche progetti di gruppo, in un numero non superiore ai 3 soggetti partecipanti È disponibile inoltre una guida in italiano che spiega come caricare il progetto sulla piattaforma Social Challenges. La Fondazione Grameen Italia si dichiara a disposizione per chiarimenti all’indirizzo email info@grameenitalia.it.

 

 

 

Articoli simili
Nascono gli orti collettivi di Imperia, sociali e solidali
Nascono gli orti collettivi di Imperia, sociali e solidali

A Sanremo nonni e bimbi si incontrano al parco e curano l’orto collettivo della città
A Sanremo nonni e bimbi si incontrano al parco e curano l’orto collettivo della città

Arrivano i “Custodi del Suolo” che si prendono cura della terra
Arrivano i “Custodi del Suolo” che si prendono cura della terra

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza