11 Dic 2017

“LupoNero, LupoBianco”: la permacultura in Sicilia

Scritto da: Ezio Maisto

Un viaggio attraverso le esperienze di permacultura diffuse sull'isola per scoprire i valori della comunità siciliana, l'importanza del mutuo aiuto e delle relazioni sociali. Il documentario di Ottavia Nigris Cosattini “LupoNero, LupoBianco – Viaggio nel gruppo Permacultura Sicilia” racconta i primi anni della giovane, ma già solida, rete siciliana quale esempio virtuoso anche per altre regioni italiane.

Un piccolo indiano d’America chiede a suo nonno perché i suoi pensieri a volte sono buoni e altre volte cattivi. Il nonno gli risponde che in ognuno di noi vive un lupo bianco e un lupo nero in perenne lotta. “E chi è che vince, nonno?” “Vince quello a cui tu darai più nutrimento.” Con questa leggenda Cherokee inizia “LupoNero, LupoBianco – Viaggio nel gruppo Permacultura Sicilia”, di Ottavia Nigris Cosattini. Un viaggio che racconta i valori di chi, nella comunità siciliana, ha deciso di restare e provare a cambiare le cose attraverso il mutuo aiuto e le relazioni sociali che si sviluppano fra chi ha individuato nel rispetto e nell’emulazione della natura il proprio modus operandi.

 

Prodotto dall’Associazione Culturale G.G. International, il film è una sorta di collage di conversazioni a metà fra l’intervista e la chiacchierata informale che l’autrice ha registrato nel 2016 durante un viaggio alla scoperta delle più significative tra le ormai numerose realtà siciliane operanti attraverso i principi della permacultura.

 

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

 

Protagonisti del film, tuttavia, non sono soltanto coloro i quali sono impegnati in attività di produzione agricola, ma anche chi ha aderito alla permacultura come approccio culturale. Dal primo corso di permacultura sull’isola, tenutosi nel 2010, il più innovativo tra i metodi di progettazione per insediamenti umani ecosostenibili si è infatti diffuso a macchia d’olio, al punto da diventare il riferimento principale della maggior parte dei giovani che dopo gli studi ha scelto di restare (o tornare) nella Sicilia rurale invece di trasferirsi nei grandi centri urbani, italiani o europei, inseguendo la chimera del lavoro tradizionale.

 

Nato con lo scopo di diffondere la permacultura come stile di vita e di sostentamento, questo piccolo documentario low budget – che fa della sua allegra spontaneità e della mai celata imperfezione una gradevole cifra stilistica – può essere considerato un prezioso documento da consegnare agli archivi della storia regionale. Un documento in grado di raccontare i primi anni della giovane, ma già solida, rete siciliana quale esempio virtuoso anche per altre regioni italiane.

Regista

La regista con Giuseppe Arena, uno dei permacultori protagonisti del film

La prima sessione di proiezioni, che si è protratta dal 24 novembre al 10 dicembre in 11 centri siciliani e che si è appena conclusa al Giardino delle Biodiversità di Palermo, è stata effettuata con entrata gratuita per precisa scelta degli autori/distributori, impegnati nella diffusione del lavoro a livello nazionale. Resta tuttavia la possibilità di contribuire al progetto, completamente autofinanziato, attraverso donazioni volontarie. L’eventuale surplus verrebbe destinato al progetto A.P.E (Aula Permanente di Ecologia), che promuove e diffonde la permacultura urbana sul suolo siciliano.

 

“LupoNero, LupoBianco” può essere proiettato ovunque ci sia qualcuno che ne faccia richiesta all’autrice organizzando un evento nel proprio territorio. Potrà essere accompagnato da un concerto, da un incontro con la regista e/o con le realtà permaculturali della zona, da una cena a km zero, o da tutte queste cose insieme.

 

FB: LupoNero, LupoBianco
Contatti: ottavianigris@yahoo.it

 

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
A Comunità di Etica Vivente si adotta e si insegna la permacultura “dalla pratica alla teoria” – Io Faccio Così #357
A Comunità di Etica Vivente si adotta e si insegna la permacultura “dalla pratica alla teoria” – Io Faccio Così #357

L’Asino e la Luna: cambiare vita nel segno della permacultura – Io Faccio Così #347
L’Asino e la Luna: cambiare vita nel segno della permacultura – Io Faccio Così #347

Mondeggi, la fattoria senza padroni, chiama a raccolta il mondo della permacultura per riprogettarsi
Mondeggi, la fattoria senza padroni, chiama a raccolta il mondo della permacultura per riprogettarsi

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Tremendo terremoto in Afghanistan – #548

|

Parte The Climate Route: oggi i primi passi della spedizione che vuole testimoniare il cambiamento climatico

|

Riabitare un borgo abruzzese: NEO lancia l’appello per nuove esperienze ospitali

|

Siccità: il Piemonte ha sete e chiede lo stato di calamità

|

Ripopolare i borghi: oltre l’utopia ci sono litigi, problemi e possibili soluzioni

|

In Puglia insieme alla Fondazione Vincenzo Casillo alla scoperta del territorio che cambia

|

Cuoche combattenti, il laboratorio culinario dove le donne vittime di violenza riprendono in mano la loro vita

|

L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk