19 Gen 2018

L'Altralena, altalene artigianali sempre a portata di mano

Scritto da: Elena Risi

Un'altalena artigianale, realizzata con materiali naturali, facilmente trasportabile e montabile su qualsiasi supporto. Da un'idea di Achille e Claudia, architetti e artigiani, L'Altralena nasce per sopperire all'assenza di attrezzature nelle poche aree gioco di Napoli.

Napoli, Campania - L’Altralena , ovvero libertà di dondolare ovunque vi trovate. Per sopperire all’assenza di attrezzature nelle poche aree gioco per bambini nella zona di Napoli in cui vivono, Achille e Claudia – architetti e artigiani – hanno pensato di portarsi un’altalena da casa. All’inizio non immaginavano che ne sarebbe nato un progetto di artigianato di successo, ma in pochi mesi l’iniziativa ha conquistato un gran numero di persone.

13015412_1197307153621732_3776819827554109089_n

Progettato il primo prototipo, si passa alla pratica con la lavorazione del legno e l’arte del cucito. Achille mette mano ad ago e filo per la prima volta guidato dall’esperienza della moglie Claudia e insieme cominciano ad assemblare le stoffe creando modelli originali e sicuri. Alla prima “Altralena” seguono nuove produzioni e in pochi mesi Achille e Claudia si ritrovano a esporre al Mercato Meraviglia , una fiera di design ospitata annualmente dalla Chiesa di San Giuseppe delle Scalze che promuove i talenti emergenti del territorio.

 

Dal 2014, anno in cui la nuova attività ha iniziato a prendere piede, la produzione è cresciuta e si è diversificata. Oltre alle “Altralene” per bambini è nato un modello per adulti, entrambi adattabili indoor e outdoor, e le prime culle neonatali. Lo studio di architettura si è ingrandito e due nuove stanze ospitano un laboratorio artigianale fatto di macchine taglia e cuci e una piccola falegnameria.

18222397_1543576495661461_3682849762914029222_n

Qui tutti i materiali utilizzati sono naturali al 100%. Per la realizzazione delle “Altralene” vengono impiegati cotone o canapa tinti naturalmente e il legno, lavorato dalle mani sapienti di Achille, è faggio italiano con certificazione FSC. Per le imbottiture, infine, solo fibre naturali come la pula di farro biologica e il kapok, una lana vegetale. Lo stesso vale per le culle, sempre in canapa e fibre naturali.

 

Da quando esiste “L’Altralena”, Achille e la sua famiglia girano per fiere e mercati in Campania e non solo. “Saliamo sul nostro camper – racconta l’architetto artigiano – e partiamo tutti insieme”. Fuori dal circuito dei mercati, gli ordini arrivano direttamente in studio o tramite la pagina Facebook, attraverso cui è possibile ordinare on-line e ricevere il prodotto richiesto con una semplice spedizione.
“Molto più che un business – conclude Achille – ‘L’Altralena’ mi ha dato l’occasione di riavvicinarmi al lavoro manuale, facendomi riscoprire la soddisfazione di toccare con mano i materiali della natura”.

 

Articoli simili
Autosufficienza e consumo critico: ecco come vivere in maniera etica ed ecologica – Un viaggio lungo dieci anni #5
Autosufficienza e consumo critico: ecco come vivere in maniera etica ed ecologica – Un viaggio lungo dieci anni #5

Da Berrino a Lumera, appuntamento al Macrolibrarsi Fest per parlare di stili di vita sostenibili
Da Berrino a Lumera, appuntamento al Macrolibrarsi Fest per parlare di stili di vita sostenibili

Alan e Francesca, due “itineranti della domenica” che riscoprono attivamente le Valli dell’Ossola col progetto Itinerarium
Alan e Francesca, due “itineranti della domenica” che riscoprono attivamente le Valli dell’Ossola col progetto Itinerarium

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

No, la Cina non ha voltato le spalle alla Russia – Io Non Mi Rassegno #590

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

|

In val di Vara uno storico mulino del settecento tornerà a macinare castagne e cereali

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale