Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
31 Gen 2018

Asperger, un modo diverso di sentire e amare

Scritto da: Elena Risi

Sostenere i genitori dei ragazzi con disturbo dello spettro autistico, come l’Asperger, ma anche tutte le madri ed i padri che sentono la necessità di un sostegno per migliorare la comunicazione e la relazione bambini-adulti. Nasce con quest’obiettivo a Perugia l’associazione AltrEmenti insieme per l’Asperger.

Francesco ha 8 anni e fin da quando ne aveva 2 gli è stata riconosciuta la sindrome di Asperger. Un lungo percorso è stato intrapreso da quel giorno a oggi, in seguito al quale sua mamma Chiara ha deciso di fondare un’Associazione senza scopo di lucro che ha l’obiettivo di sostenere i genitori dei ragazzi con disturbi dello spettro autistico (come appunto l’Asperger) ma non solo, fornendo tutti i servizi necessari a promuovere l’autonomia e le relazioni sociali.

 

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

ATTIVATI

Si chiama AltrEmenti insieme per l’Asperger ed è una realtà giovanissima. Fondata a Perugia nel 2017 da Chiara Bacci con il marito Daniele e alcuni amici (Gabriele, Elisa, Elisabetta, Filomena, Federico), inizierà ad essere pienamente operativa a partire dal primo febbraio avviando un gran numero di attività per bambini e genitori. Tante le figure professionali che fanno parte del team: dal counselor pedagogico allo psicologo, dal logopedista al professionista della psicomotricità fino all’arte terapeuta e l’insegnante di comunicazione non verbale.

26903958_161731744450273_6451883429141374297_n

“Abbiamo deciso di non riservare questa possibilità solo alle famiglie dei bambini con disturbi comportamentali – ha spiegato la fondatrice Chiara Bacci – ma di lasciare accedere tutti i genitori che sentono la necessità di un sostegno per migliorare la comunicazione e la relazione bambini-adulti”.

 

Grazie alla tessera associativa, gli incontri con professionisti qualificati del settore sono garantiti ad un prezzo nettamente inferiore rispetto a quanto costerebbe tramite consulenza privata. La famiglia di Francesco ha sentito la necessità di compiere questo passo sia perché i costi per garantire l’accesso ai servizi è proibitivo, sia perché spesso i tempi di attesa sono troppo lunghi. Il rischio? Rimanere soli di fronte alle difficoltà. Per evitare di arrivare a questo punto “AltrEmenti insieme per l’Asperger” garantisce un supporto genitoriale attraverso servizi di qualità settimanali e a basso costo.

 

Ma quando si parla di Aspeger non si deve pensare solo ad ostacoli pratici. Anche spiegare al mondo esterno questo disturbo è complicato. La patologia non comporta alcuna disabilità mentale né intacca le capacità intellettive, ma produce nei bambini comportamenti “diversi”, come un’interazione sociale limitata o atteggiamenti motori ripetitivi. “All’inizio le persone che ci stavano intorno credevano che il bambino fosse maleducato o capriccioso – ricorda Chiara – In realtà Francesco ha solo un modo speciale di esprimersi.”

volantini e libri

Tra le attività per l’autofinanziamento del progetto “AltrEmenti”, Chiara ha aggiunto recentemente la vendita di un libro scritto a quattro mani per e con il suo bambino: “Amo solo te e i dinosauri”. Intitolato con una frase pronunciata dal piccolo Francesco a sua sorella, il libro è il modo in cui mamma Chiara spiega a suo figlio il percorso intrapreso insieme, dai primi anni di vita fino ad oggi. È un messaggio di amore e speranza, che trasforma le difficoltà vissute in opportunità. “Non voglio assolutamente che da grande mio figlio si senta malato – conclude – lui ha solo un modo diverso di sentire e amare.”

 

Per l’acquisto del libro scrivere a: altrementi.asperger@gmail.com

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Quando i leader battono i partiti – Io Non Mi Rassegno #215

|

Diffondere informazione positiva e gentilezza: arriva il Festival Mezzopieno!

|

Lucia Cuffaro e l’autoproduzione, la ricetta quotidiana per una società più giusta e resiliente

|

Zero Waste Italy: ecco come fermare lo spreco di mascherine nelle scuole

|

Glori: The Place To be, il borgo dove rinasce la comunità e si recuperano le terre – Io faccio così #300

|

La Bargazzina, l’azienda dei contadini scienziati che promuovono la cultura delle piante – Piccoli produttori #5

|

Officina del Fare e del Sapere: la scuola che punta su esperienza diretta ed educazione diffusa

|

Rientro a scuola: come stanno i bambini? L’opinione della pedagogista