Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
22 Gen 2018

InVento Lab: innovazione sociale contro la povertà energetica

Un programma formativo per studenti finalizzato a fornire elementi di autoimprenditorialità, educazione alla sostenibilità ambientale e lotta alla povertà energetica con l’obiettivo di far creare loro start up green e farli diventare Green Leaders del futuro. Questa la proposta dell’impresa sociale InVento Lab, tra i vincitori dell’edizione 2017-2018 dell’iniziativa europea “Social Innovation to Tackle Fuel Poverty” (innovazione sociale contro la povertà energetica).

Combattere la povertà energetica e promuovere la sostenibilità energetica nei loro Paesi e in tutta Europa. Questo l’obiettivo comune del gruppo eterogeneo di innovatori sociali (provenienti da Germania, Grecia, Italia, Portogallo e Spagna) vincitori dell’edizione 2017-2018 dell’iniziativa europea “Social Innovation to Tackle Fuel Poverty” (innovazione sociale contro la povertà energetica), lanciata dalla Fondazione Schneider Electric, sotto l’egida della Fondation de France, e Ashoka.

 

Tra i 15 vincitori del bando anche InVento Lab, impresa sociale registrata come B Corp, che propone un programma formativo misto per studenti delle scuole superiori nel quale fornisce elementi di autoimprenditorialità, educazione alla sostenibilità ambientale e lotta alla povertà energetica con l’obiettivo di far creare loro start up green e farli diventare Green Leaders del futuro. Abbiamo intervistato l’amministratrice delegata Giulia Detomati.

InVento Lab tra i vincitori dell’edizione 2017-2018 dell’iniziativa europea “Social Innovation to Tackle Fuel Poverty”

InVento Lab tra i vincitori dell’edizione 2017-2018 dell’iniziativa europea “Social Innovation to Tackle Fuel Poverty”

Qual è stato sinora il riscontro da parte dei ragazzi e degli insegnanti coinvolti?
Il riscontro è stato molto positivo, i ragazzi sono entusiasti, abbiamo ricevuto recensioni molto belle. Per citarne alcune quella di una ragazza che ha affermato di “Mi sono sentita finalmente rappresentata (…) in questo progetto ho potuto mettere in luce le mie capacità”. Un professore ci ha detto di “aver visto davvero attivarsi le classi. Inoltre ci siamo accorti che il progetto è riuscito a trasmettere ai ragazzi contenuti e competenze molto utili per il loro percorso professionale, che con la normale didattica non riusciamo a veicolare”.

 

Quali argomenti usate per avvicinare i ragazzi alle tematiche ambientali e spingerli ad agire?
Partiamo dall’analisi dei problemi sociali e ambientali del loro territorio, lavorare sulla loro città o sul comune rende il progetto molto concreto. Anche il tema del digitale affascina molto, sulla nostra piattaforma online school.inventolab.com possono trovare moltissimi materiali sulle innovazioni legate alla sostenibilità, con video lezioni brevi e d’impatto.

 

Il tema della povertà energetica è conosciuto?
Per quanto riguarda la nostra esperienza, notiamo poca conoscenza del tema.

 

Quali sono le aziende con cui collaborate per l’alternanza scuola-lavoro?
Lavoriamo insieme a una rete di aziende globale, le b corp. Si tratta di aziende che portano un beneficio ambientale, sociale alla comunità in cui operano e che monitorano i propri impatti attraverso un framework di valutazione riconosciuto a livello internazionale, l’impact assessment. Sono aziende che, come dice il motto, usano il business come forza positiva.

Giulia Detomati, amministratrice delegata di InVento Lab

Giulia Detomati, amministratrice delegata di InVento Lab

Ritieni che far leva sulle passioni e sui talenti di ciascun ragazzo sia un buon metodo educativo?
Sicuramente partire dalle passioni può far apprezzare la conoscenza di temi anche complessi come ad esempio quello della povertà energetica o del cambiamento climatico e soprattutto spingere ad agire per portare un cambiamento positivo.

 

Avete già feedback da parte di studenti che sono passati dal vostro programma per poi entrare nel mondo dell’imprenditoria etica ed ecologica?
Attualmente abbiamo feedback di studenti che hanno scelto l’università sulla base delle esperienze fatte con noi, in particolare preferendo percorsi green o comunque legati all’ambiente o facendo esperienze di volontariato nel settore. Diverse classi hanno candidato il progetto, con successo, a premi nazionali e internazionali, qualche team è andato avanti con il processo di ottenimento dei brevetti. Molti sono ora all’università, in prevalenza infatti lavoriamo con i Licei.

 

Com’è stata l’esperienza con Ashoka e FondazioneSchneider Electric?
L’esperienza è stata davvero positiva. Ashoka e i partner di progetto, Enel e Schneider, ci hanno supportato e valorizzato dando rilevanza comunicativa alle nostre iniziative a favore delle giovani generazioni. Ed è solo il primo step di un percorso che sembra farsi sempre più appassionante e che ci aiuta a lavorare su elementi importanti come la scalabilità e l’impatto di InVento Lab.

 

 

#IoNonMiRassegno 17/1/2020

|

Gli allenatori di Laureus: “Lo sport educa alla passione”

|

Tamera, l’ecovillaggio in Portogallo che sperimenta una Terra Nova

|

Assicurazione etica: la proposta di CAES rivolta agli under 35

|

La Scuola italiana di Arte del Processo e Democrazia Profonda

|

Borgopo’: “Così ho fatto rinascere la libreria che amavo da bambina”

|

La Vita al Centro, la scuola parentale immersa nel verde – Io faccio così #275

|

Womanboss Academy: quattro storie di fioritura

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l'editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.