Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
21 Feb 2018

L’arte del Riuso sbarca ad Asti

L’artigianato per molti anni è sembrato qualcosa di antico e superato. Ultimamente, è invece tornato in voga. Ad Asti, si è deciso di far incontrare queste pratiche tradizionali con i fondamentali processi di riutilizzo dei materiali che evitano così di essere trasformati in rifiuti.

Sono ufficialmente aperte le iscrizioni per i workshop in creazioni con materiale di recupero ed arte del riuso, promossi dall’Università dell’Artigianato nel Comune di Asti.

Un corso ideale per tutti coloro che vogliono imparare o perfezionare i mestieri d’arte che circondano la sfera storico-teatrale. Acquisire abilità manuale nell’ambito della sartoria e cucito storico-teatrale, negli allestimenti vetrinistici e scenografici teatrali e nell’arte del riuso dei materiali riclicati. Comprendere come lavorare e gestire le varie progettazioni e realizzazioni.

Il corso inizerà il 19 giugno 2018 (le iscrizioni si chiudono il 12 giugno) ed è rivolto a persone che intendano acquisire competenze in materia, senza limiti di età. Si svolgerà due volte a settimana (martedì e giovedì) per quattro settimane.

L’obiettivo è trasmettere le conoscenze di base per apprezzare l’arte del riuso dei materiali che possono essere riutilizzati e portati a nuova vita grazie al recupero ed alla creazione di nuovi oggetti e strutture funzionali.

Il corso sarà ospitato dall’Università popolare dell’Artigianato e delle tecniche di lavorazione artigiana – A.T.L.A -, un ente senza scopo di lucro che ha come principale finalità la diffusione della cultura e la divulgazione della conoscenza del settore artigianale italiano.

Si legge sulla pagina facebook ufficiale dell’università: “Creata nel 2017 è un vero e proprio veicolo di cultura cittadina. Una dirigenza attiva e attenta ai cambiamenti sociali insieme a un’équipe docente altamente qualificata, permettono che diventi realtà lo scopo per cui è stata fondata: contribuire mediante la propria attività didattica all’elevazione civile, culturale e artigianale della persona e della collettività”.

Informazioni:

Costo 265 euro
Posti disponibili: 6
Durata del corso: 16 ore in 4 incontri da 4 h

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La crisi del petrolio e la potenza degli oceani – Io Non Mi Rassegno #110

|

Stop agli attendismi: d’inquinamento e di traffico si muore!

|

Un modello di produzione e distribuzione alimentare sostenibile e resiliente

|

Coronavirus e sostegno economico a lavoratori, stagisti e imprese: facciamo il punto!

|

“La salute non è in vendita”: sei richieste per salvare la sanità pubblica

|

“La condivisione ci salverà!”: Gabriele e tutti i volontari dell’emergenza coronavirus

|

Una app per rimettere in pista le piccole botteghe verso una nuova economia

|

Ashoka: la rete degli imprenditori sociali che stanno trasformando il mondo – Io faccio così #285

Copy link
Powered by Social Snap