20 Feb 2018

Biodiversità: l’Italia ha la flora più ricca d’Europa

Scritto da: Redazione

Con oltre ottomila entità autoctone, l’Italia è il paradiso europeo della biodiversità botanica. Le regioni con il più alto numero di specie autoctone sono il Piemonte, la Toscana, la Lombardia e l’Abruzzo.

Con 8.195 specie e sottospecie, di cui 1708 endemiche (cioè esclusive del territorio italiano) e 26 probabilmente estinte, l’Italia si colloca al primo posto in Europa per numero di entità vegetali autoctone. Nell’intero bacino del Mediterraneo, che è considerato uno delle aree mondiali a maggiore biodiversità, soltanto la Turchia ospita un numero di specie più elevato rispetto all’Italia. È quanto rivela l’elenco aggiornato di felci e affini, conifere e piante a fiore – la cosiddetta flora vascolare – autoctone d’Italia, pubblicato sulla rivista internazionale Plant Biosystems.

11667365_876728782398048_2037889989315326654_n

“An updated checklist of the vascular flora native to Italy” è il risultato di un lavoro corale portato avanti dal Gruppo per la Floristica, Sistematica ed Evoluzione della Società Botanica Italiana, coordinato da Fabrizio Bartolucci e Fabio Conti del Centro Ricerche Floristiche dell’Appennino dell’Università di Camerino e del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, Lorenzo Peruzzi dell’Università di Pisa e Gabriele Galasso del Museo di Storia Naturale di Milano, realizzato con la collaborazione di 51 ricercatori, italiani e stranieri.

 

In Italia le regioni che hanno il più alto numero di entità autoctone sono il Piemonte (3.464), la Toscana (3.370), la Lombardia (3.272), e l’Abruzzo (3.190).

 

“Negli ultimi anni – spiega il prof. Conti – le esplorazioni sul campo, la stesura di elenchi regionali e gli studi comparativi riguardanti la flora italiana sono aumentati notevolmente. Tuttavia, per numerose specie vi sono ancora significative lacune di conoscenza. Per questo motivo, l’inventario appena pubblicato servirà come base tassonomica e nomenclaturale per ulteriori ricerche botaniche“.

 

 

Articoli simili
Macchia Mediterranea: custodirla è necessario per salvare la biodiversità
Macchia Mediterranea: custodirla è necessario per salvare la biodiversità

“Mescolate contadini, mescolate”: una strada per l'agricoltura di domani

Sea-Ty: “Ecco come valorizziamo e tuteliamo le meraviglie del mar ligure”
Sea-Ty: “Ecco come valorizziamo e tuteliamo le meraviglie del mar ligure”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Aumento delle bollette 2021: cosa c’è dietro ai rincari dei prezzi di gas ed energia?

|

Cosa possiamo aspettarci dalla COP26 sul clima?

|

Perché scendere in piazza per il clima? Anche il Piemonte sciopera con Fridays for Future

|

Fridays for Future e il Parco di Portofino: “Il Ministero non cancelli il nostro futuro”

|

Cambiamenti climatici: inizia un autunno molto caldo

|

Dall’arte alla psicologia, l’impegno di Paolo Valerio per il mondo transgender – Amore Che Cambia #25

|

I detenuti scrivono una lettera aperta ai cittadini: “Investite su di noi”