Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
20 Feb 2018

Monsanto attacca Avaaz e i firmatari delle petizioni anti-glifosato

Scritto da: Redazione

E-mail, appunti, documenti e i dati di chi ha sottoscritto le petizioni per bandire il glifosato. È quanto la multinazionale americana Monsanto ha chiesto ad Avaaz, il sito di raccolte di firme online, attraverso un ordine di esibizione della Corte del Missouri. Ecco l’appello del team di Avaaz per organizzare la difesa.

Abbiamo appena ricevuto un ordine di esibizione di 168 pagine da parte di Monsanto. È un documento legale che ci “intima” di consegnare entro pochissimi giorni ogni email, appunto o documento che menzioni Monsanto, compresi i nomi e gli indirizzi e-mail dei membri di Avaaz che hanno firmato campagne su di loro!

avaaz1È una cosa seria. Parliamo di una multinazionale da 50 miliardi di dollari, famosa per strategie legali aggressive come questa. Hanno risorse economiche praticamente illimitate, e se riescono a mettere le mani sulle nostre informazioni personali non possiamo prevedere per cosa le useranno.

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

ATTIVATI

 

E quindi combatteremo. Perché Monsanto avrà pure risorse illimitate per le sue intimidazioni, ma anche Avaaz ha un potere enorme, quello delle persone. Che non si fanno intimidire. Dobbiamo assumere urgentemente ottimi avvocati per tenere testa a quelli di Monsanto. Già solo difenderci da questo ordine di esibizione (qui il testo) sarà molto costoso, e potrebbe essere solo l’inizio.

 

Non conosciamo i loro piani, ma sappiamo bene perché sono arrivate queste 168 pagine. Avaaz ha battuto ripetutamente Monsanto in enormi battaglie normative, per esempio bloccando il rinnovo a lungo termine della licenza sul glifosato, il diserbante su cui si regge tutto il loro impero agrochimico. Stiamo vincendo. E quindi vogliono cambiare gioco.

 

Secondo l’ordine di esibizione, Monsanto avrebbe bisogno di tutte le nostre informazioni personali per difendersi nei processi in cui il glifosato è accusato di provocare il cancro. Se la cosa vi sembra assurda, non siete soli! Purtroppo però la loro richiesta è stata autorizzata da un tribunale statunitense, quindi non possiamo fare altro che procurarci urgentemente gli avvocati migliori. Dona ora per aiutare a difendere Avaaz e far capire a Monsanto che non ci faremo intimidire.

 

Al mondo ci sono poche multinazionali più potenti di Monsanto. Il fatto che possiamo davvero tenergli testa e a volte sconfiggerli dimostra la concretezza e la potenza del nostro movimento cittadino. Se siamo uniti, con speranza e determinazione, POSSIAMO davvero cambiare il mondo.

 

Con speranza e determinazione,

Ricken, Emma, Fatima, Danny, Hui-Ting, Spyro, Marigona e tutto il team di Avaaz.

 

#IoNonMiRassegno speciale Natale

|

COP25: i genitori di tutto il mondo lanciano un appello urgente

|

GEN Ucraina, una rete di ecovillaggi per uscire dall’isolamento

|

Tibet Festival: al via un lungo viaggio sul tetto del mondo

|

“Mamme imprenditrici, voglio raccontare le vostre storie!”

|

Circolo Wood: il ristorante solidale che crea comunità – Io faccio così #271

|

COP25: tra la “capitolazione” e la “speranza” vinca l’azione

|

IT.A.CÀ, il primo Festival itinerante di Turismo Responsabile racconta l’Italia del futuro