Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
18 Feb 2018

18 febbraio 2017: un anno fa l'inizio del viaggio di lancio di Piemonte che Cambia!

Scritto da: Daniela Bartolini

È passato (già) un anno dall’avvio di questo entusiasmante progetto alla scoperta del Piemonte che Cambia! Un anno dalla presentazione del primo portale regionale regionale di Italia che Cambia e del tour di promozione che ci ha portato per le strade del Piemonte alla scoperta di progetti, idee, persone in cambiamento. Il momento giusto non tanto per un bilancio ma per un rilancio del sogno che condividiamo.

un-anno-lancio-piemonte-che-cambiaUn anno fa eravamo in camper per le strade del Piemonte, alle spalle la prima di tappa di Cuneo di fronte a noi il Lago d’Orta.
Avevamo scelto di celebrare l’avvio del primo portale regionale di Italia che Cambia con un viaggio in camper, nove tappe in altrettante città, eventi ed incontri per raccogliere nuove storie e spunti dalle esperienze virtuose piemontesi, far conoscere questo nuovo progetto e sopratutto coinvolgere quante più persone nel realizzare il sogno di “entrare nei territori”, di poter fare a livello regionale quello che già facevamo a livello nazionale e nel Sogno “grande” di costruire davvero quel cambiamento che vogliamo vedere nel mondo.

Partire dall’incontro era fondamentale, è qui che si crea l’entusiasmo, la base per condividere il percorso, che si creano relazioni e si innesca lo scambio di idee, sogni, progetti, azioni.  Da Alto ad Omegna passando per Cuneo, da Biella alla Val di Susa e al novarese, e poi Alessandria, Asti, Venaria fino ad arrivare otto giorni dopo a Torino e concludere il viaggio con un bike tour nel centro della città insieme agli amici del Movimento della Decrescita Felice e di Bike Pride e con l’evento finale di presentazione del portale presso la Casa del Quartiere di Via Morgari con SlowFood, Cittadellarte – Fondazione Pistoletto, GAS di Torino, Piemex, cooperative e aziende biologiche del territorio, la rete di Etinomia della Val di Susa e tante bellissime persone.

Quello che già conoscevamo e ciò che abbiamo incontrato in quel viaggio oggi possiamo dire che era solo una piccolissima parte del grande fermento di questa regione. Ogni giorno arrivano segnalazioni, scopriamo nuove realtà ed esperienze, dal micro al macro l’anelito di un mondo più equo, giusto, attento e consapevole sta entrando capillarmente nelle azioni e decisioni di molte persone. Una “moltitudine inarrestabile” che con l’esempio e il proprio agire crea un impatto nella vita di tutti e tutte.

Se si guarda da vicino a volte si fa fatica a leggere un quadro così ricco, quello che cerchiamo di fare è renderlo visibile dando l’opportunità di “navigare” in questa prosperosa complessità. Informare, raccontare, per contribuire a dare un’immagine reale di questa ricchezza in atto e in potenza, per trarre ispirazione da chi ci offre il proprio esempio, far conoscere ciò che ci sta vicino e che potremmo decidere di sostenere nelle nostre scelte quotidiane.

Abbiamo definito più volte il progetto dei portali regionali come un progetto dal virtuale al reale, l’invito è ad uscire e ad andare ad incontrare le realtà, le persone, che raccontiamo o che si raccontano iscrivendosi a Piemonte che Cambia. Ad arricchire la propria vita con l’incontro di altre persone in cambiamento.
Questo è il mio augurio per questo primo anno…

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Lo stallo israeliano e i rischi dell’accordo Ue-Mercosur – Io Non Mi Rassegno #172

|

Sette produttori locali si uniscono e danno vita a un negozio-laboratorio a Km0

|

Il Filo di Paglia, la prima casa in paglia della Liguria

|

Movement Medicine: affidarsi alla danza per scoprire se stessi

|

IC3 Modena: la scuola digitale in cui luci e colori risvegliano l’anima – Scuola Che Cambia #6

|

Cambiare vita e lavoro, un viaggio responsabile e coraggioso verso la felicità

|

Mille alberi piantati dai cittadini per difendere il territorio

|

Verso un’economia post-covid per il bene comune