Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
21 Mar 2018

Luciano Remigio e il Centro Recupero Animali Selvatici di Bernezzo

Scritto da: Elena Risi

Salvano, curano e liberano gli animali selvatici in difficoltà. Sono i C.R.A.S. regionali, i Centri di Recupero di Animali Selvatici che fanno della passione per la fauna un impegno a tempo pieno. Oggi vi parliamo del centro di Bernezzo in provincia di Cuneo.

Oggi vi parliamo dell’avventura di Luciano Remigio che dal 2001 gestisce il C.R.A.S. di Bernezzo in provincia di Cuneo. Nato dalle spoglie di un vecchio zoo che sorgeva nell’area, chiuso in seguito alla morte naturale degli animali che vi risiedevano, inizialmente il Centro viene gestito grazie all’appoggio e alla collaborazione con la LIDA (la Lega Italiana Diritti degli Animali). La partnership prosegue fino al 2004, quando Luciano insieme a un gruppo di altri volontari decidono di costituirsi come associazione diventando Centro di Recupero Animali Selvatici Onlus.
Da quel giorno di strada ne è stata fatta tanta e il grande lavoro di questi anni ha consentito l’apertura di un Centro nel Comune di Novello (oggi indipendente e specializzato nel soccorso dei ricci) e alla messa in sicurezza di una sede distaccata C.R.A.S. a Sommariva Perno, deputata al ricovero del gran numero di testuggini palustri americane (le comuni tartarughine acquatiche) giunte al Centro nel corso degli anni in seguito ai sequestri giudiziari o alle cessioni da parte di privati.

“Quando abbiamo iniziato questa attività nel 2001 passavano da qui circa 150/200 animali l’anno – ricorda Luciano – nel 2017 abbiamo raggiunto quota 1200 animali l’anno”.
Nel corso del 2009 il centro si è adeguato alle linee guida regionali e sono stati effettuati grandi lavori di ristrutturazione, linee guida emesse per una gestione coordinata e organizzata di tutti i Centri del territorio alle quali è seguita l’erogazione di un finanziamento che ha permesso di adattare la struttura ma anche di definire l’intero processo di cura e rilascio degli animali soccorsi. Impiego di attrezzature specifiche, strategie di contenimento per la messa in cattività durante la cura e graduale riadattamento alla vita in libertà. Nulla è lasciato al caso. Nell’eventualità di una mancata guarigione dell’animale, le legge prevede sia l’opzione detenzione sia quella eutanasia. Il C.R.A.S. di Bernezzo ha scelto il mantenimento in detenzione, purché l’animale non sia in uno stato di sofferenza.

Anche il recupero degli animali segue le regole molto rigide dettate dalla normativa. Chiunque trovi un animale ferito o infortunato ha l’obbligo di chiamare la ASL. Quando interviene, il veterinario valuta se può curare sul momento il “paziente” o se è necessario un ricovero nelle strutture predisposte. Dopo l’accudimento, anche il rilascio avviene sotto il controllo della sanità pubblica. “A volte mi sembra di avere a che fare più con la burocrazia che con gli animali – scherza Luciano – d’altronde prima di riportare in libertà un animale è fondamentale controllare che non abbia contratto malattie pericolose o contagiose per l’uomo o per gli altri animali”.

Il salvataggio e recupero è un servizio fondamentale reso dai centri regionali, ma è solo la parte più visibile del lavoro. Nel dietro le quinte anche l’attività di raccolta dati (come la mappatura del territorio e delle strade con maggior numero di incidenti o la catalogazione delle principali cause di ricovero degli animali) ha una grande rilievo per la Regione. Ma nonostante l’impegno eccezionale di queste strutture le risorse a disposizione non sono molte. “Dal 2009, anno in cui siamo entrati nella rete regionale dei C.R.A.S. non abbiamo più ricevuto finanziamenti – conclude Luciano – e da cinque Centri che eravamo, oggi siamo rimasti solo in tre”.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Di buco nell’ozono e Nazioni Unite – Io Non Mi Rassegno #105

|

“Pronto? Come stai?”. Ai tempi del coronavirus la solidarietà passa per il telefono

|

Fuori è chiuso, un racconto collettivo dei giorni dell’emergenza

|

Caffè sospeso online, uno spazio di condivisione per uscire dall’isolamento

|

Eppur si muove! Anche se restiamo a casa, non siamo fermi

|

Ridi, ama, vivi: Lara Lucaccioni e la coerenza cardiaca – Meme #32

|

Coronavirus, l’ambiente sorride: nel nord Italia cala lo smog

|

Violenza domestica, troppo lavoro e diritti negati: le donne al tempo del coronavirus

Copy link
Powered by Social Snap