Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
16 Apr 2018

“Così la benzina ci sta uccidendo”. Si dà fuoco un avvocato americano

È morto dopo essersi dato fuoco in un parco di New York per protestare contro l’inquinamento e l’uso di combustibili fossili un noto avvocato americano, David Buckel, specializzato in cause a difesa dei diritti dei gay e di recente impegnato per la tutela ambientale.

“L’inquinamento distrugge il nostro pianeta. La maggior parte degli abitanti della terra respira aria resa insalubre dai combustibili fossili e molti muoiono prematuramente per questa ragione. Che la mia morte prematura con la benzina rispecchi quel che stiamo facendo a noi stessi”. È quanto David Buckel, noto avvocato americano per i diritti gay, ha scritto in un biglietto prima di darsi fuoco in un parco di Brooklyn per protestare contro l’inquinamento e l’uso di combustibili fossili.

david-buckel

David Buckel

Buckel, suicidatosi sabato di prima mattina quando il parco era ancora deserto, ha lasciato i documenti in un carrello della spesa trovato poco lontano dal corpo carbonizzato. Qui è stato trovato anche il suo ultimo messaggio (inviato dall’uomo anche ai principali media) contenente le ragioni del suo gesto estremo ed un invito a condurre una vita meno egoista per proteggere il clima del pianeta.

 

David Buckel era divenuto noto per avere guidato, in difesa dei parenti di un giovane trans stuprato e ucciso in Nebraska, il processo portato sul grande schermo nel film “Boys Don’t Cry”. Buckel era stato anche la guida di importanti casi giudiziari a New York e New Jersey che avevano accompagnato il processo di legalizzazione delle nozze tra coppie omosessuali.

 

Recentemente l’avvocato aveva dedicato le sue energie alla questione ambientale: aveva lavorato come giardiniere urbano e ecologo al giardino botanico di Brooklyn, contribuendo a dar vita al più grande programma di riciclaggio dell’ ‘umido’ in America che usa soltanto energie rinnovabili.

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Si consuma meno carne, ma gli allevamenti sono sempre più grandi – Io Non Mi Rassegno #151

|

Altipiano: le maestre del bosco che in cinque mesi hanno ribaltato la loro scuola – Scuola che Cambia #2

|

Che cos’è e come funziona la nutripuntura

|

Adotta il tuo Orto, scegli quali verdure seminare e aspettale a casa!

|

Imprese: come stringere partnership vincenti ed evitare clamorosi errori

|

I segni del corpo della Terra

|

Nasce un Sentiero dei Parchi per valorizzare le aree protette d’Italia

|

Persone, famiglie e comunità: l’innovazione di CIFA per i suoi 40 anni