24 Mag 2018

Vie verdi e turismo slow: la seconda vita delle ferrovie dismesse

Scritto da: Redazione

Conto alla rovescia per le Giornate delle Ferrovie delle Meraviglie, l’iniziativa che dal 26 al 27 maggio intende valorizzare migliaia di chilometri di ferrovie storiche e tracciati dismessi in un grande progetto di rigenerazione territoriale con l’organizzazione di numerosi eventi in tutta Italia.

Vi sono oltre 1400 chilometri di linee ferroviarie dismesse e abbandonate da tempo in Italia, linee di cui una buona parte possono diventare greenways per vivere la mobilità dolce nel paesaggio italiano. Oltre alla ferrovie dismesse, sono ben 1300 attualmente i chilometri di ferrovie sospese in Italia, che potrebbero essere riaperte per servizi turistici e in diversi casi essere anche una buona integrazione per i servizi ordinari per residenti e pendolari.

 

La Giornata delle Ferrovie delle Meraviglie è l’appuntamento centrale della Primavera della Mobilità Dolce avviata il 21 marzo scorso grazie ad A.MO.DO, l’Alleanza per la Mobilità Dolce – AmoDo, con il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dell’Anci, della Fondazione FS, di Asstra e dell’Associazione Europea delle Vie Francigene.

amodo 2

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

“L’iniziativa promuove la mobilità dolce per un turismo esperienziale e di qualità con eventi organizzati in tutta Italia su treni turistici e storici – dichiara Anna Donati portavoce di Amodo – per stupire, incantare e meravigliare chi attraversa i paesaggi suggestivi che le ferrovie attraversano. Sarà un’emozione lunga due giorni e migliaia di chilometri che servirà anche per chiedere alle Istituzioni e Ministeri una piena e rapida attuazione della legge 128/2017 per le ferrovie turistiche”.

 

Il 26 e 27 maggio in Irpinia si terrà l’evento di punta: il viaggio inaugurale per la riapertura della linea Avellino-Rocchetta Sant’Antonio, ferrovia che con l’approvazione della legge n. 128/2017 è stata inserita nell’elenco delle prime 18 tratte ferroviarie turistiche italiane ed è stata dichiarata di interesse culturale diventando il primo esempio di tutela diretta rivolto ad un tracciato ferroviario storico del territorio nazionale.

 

Per l’occasione è stato organizzato l’evento “Venga la ferrovia… ” in collaborazione con il Mibact, Fondazione FS, Regione Campania, associazione InLoCoMotivi, Legambiente, Touring Club Italiano e tante altre associazioni locali. Sarà possibile realizzare dei veri e propri viaggi emozionali sui treni storici e turistici, per riscoprire una delle tratte ferroviarie più antiche e suggestive d’Italia. Una manifestazione ricca di appuntamenti per fruire delle bellezze storiche, ambientali e architettoniche del territorio attraversato della linea ferroviaria: mostre, proiezioni cinematografiche, degustazioni enogastronomiche alla scoperta delle eccellenze locali, come il vino, ed escursioni a piedi alla scoperta del paesaggio e della cultura dei piccoli borghi.

 

Ad anticipare l’inaugurazione, il 25 maggio si terrà il convegno “Ferrovie turistiche, mobilità dolce e rigenerazione territoriale”, a cura di A.MO.DO., nel Complesso Monumentale del Carcere Borbonico di Avellino. L’incontro sarà l’occasione per avviare un’ampia riflessione sulla crescita delle ferrovie turistiche e della mobilità dolce in Italia.

amodo 1

Tante le iniziative in tutta Italia che animeranno la Giornata delle Ferrovie delle Meraviglie. Il 27 maggio si torna a sbuffare con il treno storico delle Ferrovie della Calabria in un giorno dedicato alla scoperta delle Vette della Sila: la stazione di San Nicola S.M., vetta Ferroviaria d’Italia e Monte Botte Donato, vetta dei Monti Silani. Le storica locomotiva a vapore FCL353 trainerà le carrozze a terrazzini degli anni ’20 e a bordo del treno ci sarà animazione con musica popolare e degustazioni a basi di prodotti tipici. Nelle Terre di Siena invece, sempre il 27 maggio, si potrà salire sul Treno degli Etruschi, una locomotiva a vapore che attraverserà i paesaggi spettacolari delle crete senesi da Siena ad Asciano fino ad arrivare a Chiusi.

 

In Sardegna partirà un archeotreno a vapore da Cagliari a Carbonia e ritorno, organizzato da SardegnaVapore con Fondazione FS. Anche il trenino verde della Sardegna, un’autentica meraviglia italiana, farà due corse il 27 maggio: una sulla Mandax-Sadali e l’altra sulla Santa Maria-Bosa. L’Alleanza per la Mobilità Dolce ribadisce la propria contrarietà al taglio della linea del trenino verde a Palau Marina, come vorrebbe fare il Comune di Palau per far posto ad un parcheggio: la Giornata delle Ferrovie delle Meraviglie serve anche a ribadire il valore del nostro patrimonio ferroviario storico da tutelare.

 

Ma in questo fine settimana per la Primavera della Mobilità Dolce del 26 e 27 maggio ci saranno anche tanti eventi a piedi e in bicicletta come l’iniziativa CamminaNatura, terza edizione delle Giornate Nazionali Guide Escursionistiche organizzato da AIGAE e Legambiente con centinaia di escursioni gratuite all’interno del calendario della 10a Giornata/Mese nazionale dei Cammini Francigeni, organizzato dalla La Rete dei Cammini, e la Randonnèe “La Via dei Templari da Melfi, tra le antiche vie battute dai cavalieri medievali e le evidenze templari dell’area nord nella Basilicata, alla scoperta di una terra capace di custodire i luoghi dell’incanto.

 

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Colombia, polizia fuori controllo – Io Non Mi Rassegno #364

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali

|

Plogging: un gruppo di amiche contagia l’intera città

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5