7 Ago 2018

“Forhum”, quando l’arte urbana trasforma un mercato

Scritto da: Luca Deias

Dieci artisti di "Urban art" realizzeranno opere murarie dipingendo le parenti esterne del mercato coperto di Cossato, comune in provincia di Biella. Il progetto è curato dall’associazione di promozione sociale Better Places Aps di Biella.

A Biella, ancora una volta, tracce di trasformazione sociale responsabile innestate dall’arte: nel comune di Cossato, il mercato coperto sarà oggetto di uno speciale restyling che coinvolgerà gli artisti e la comunità locale. Il progetto s’intitola “Forhum”: il nome evocativo è un richiamo ai forum dell’antica Roma e sta per for-humans (per gli umani), in quanto deriva dalla necessità di scendere in piazza e coinvolgere in maniera diretta chi vive il mercato coperto, centro nevralgico della città. L’obiettivo finale? Creare simbiosi e continuità tra gli artisti, che lavoreranno all’esterno, e tra i venditori e i clienti che vivono il mercato all’interno. Una proposta artistica avviata oltre sei mesi fa con il lavoro preventivo dell’associazione di promozione sociale Better Places Aps: i suoi membri, in particolare la Howler Cru, in collaborazione con il Laboratorio Artistico Pietra, hanno gestito lo svolgimento dell’intero progetto utilizzando differenti metodi di partecipazione che hanno prodotto una mappatura sociale, sonora e visiva del luogo.

forhum arte trasforma mercato 1533631300

La fase clou
Dopo una lunga organizzazione ecco arrivare il momento clou di Forhum: dal 3 al 20 agosto dieci artisti internazionali specializzati in arte urbana dipingeranno tutte le pareti esterne del mercato coperto di Cossato, in un mosaico di opere d’arte una diversa dall’altra. Anche oltre il 20 agosto il progetto continuerà, con le opere che dialogheranno con il mercato nella sua attività giornaliera, mostrando così la scopo iniziale del progetto, ovvero creare un continuum tra l’interno e l’esterno.

Il dietro le quinte
Il progetto Forhum, è curato dall’associazione di promozione sociale Better Places Aps di Biella con la direzione artistica di Howler Cru e del Laboratorio Artistico Pietra (Torino). L’iniziativa, inoltre, è promossa dal Comune di Cossato e sostenuta da Cittadellarte.

Gli artisti
Scopriamo tutti gli artisti che metteranno la loro impronta nel mercato coperto: Artez, artista serbo con uno stile illustrativo che ricerca ricerca concetti nelle scene di vita reale e ne restituisce rappresentazioni personali, pur lasciando spazio all’immaginazione del fruitore; Seacretive, artista che spazia dai muri ai tessuti, proponendo uno stile lineare che riempie le superfici di personaggi e dettagli naturalistici, spesso formando grandi texture decorative; Kamimani, art director molisana, che fonde pulizia e modernità grafica con una naturalezza primitiva delle figure umane; Julia Rio, artista svedese con uno stile geometrico e spigoloso che si contraddistingue per cromie accese e composizioni dinamiche; Smake, calligrafo campobassano, che fa emergere nelle sue opere l’armonia fra l’arte antica della calligrafia e l’evoluzione della lettera moderna; Etnik, artista nato come writer, che opera su forme architettoniche attraverso l’analisi e la critica di agglomerati urbani; Vostok & Hide, due artisti che operano in coppia e lavorano come designer e fotografi fondatori dello studio creativo Quiet Propaganda a Torino; Chofele e Meliska, coppia di illustratori e componenti della Howler cru che si è occupata della direzione artistica del progetto Forhum.

Articolo tratto dal Journal

forhum arte trasforma mercato 1533631312

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Alessandra, di ReChiclo: “Insegno le tecniche per rinnovare il guardaroba a costo zero”
Alessandra, di ReChiclo: “Insegno le tecniche per rinnovare il guardaroba a costo zero”

Riccardo La Rosa, l’artigiano che sta rivoluzionando il mondo della pietra lavica
Riccardo La Rosa, l’artigiano che sta rivoluzionando il mondo della pietra lavica

Nasce il distretto laniero siciliano per trasformare la lana in concime liquido
Nasce il distretto laniero siciliano per trasformare la lana in concime liquido

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Europa accelera sui sistemi di riuso – #630

|

OZ-Officine Zero, la multifactory che porta rigenerazione e innovazione nel cuore di Roma – Io Faccio Così #348

|

La storia di Paola, la mamma “scomoda” che si batte affinché la disabilità diventi di tutti

|

Nomadi d’Occidente, storie di viaggiatori che cambiano la vita

|

Iran, molto più che proteste: è iniziata la rivoluzione

|

Daisy, la scuola elementare che adotta il metodo finlandese per crescere bambini consapevoli

|

Filo.sofia: “Attraverso i nostri capi in bamboo cerchiamo di diffondere la sostenibilità mentale”

|

Asha Nayaswami: “Il mondo sta cambiando, oggi la sfida è educare i giovani alla vita”