Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
28 Set 2018

Fabbrica Roma, per raccontare tutto il bello che c’è

Scritto da: Redazione

Non solo capitale degli scandali e dell’inefficienza ma anche città del risveglio dell’impegno civico, di progetti di inclusione sociale e di riqualificazione del territorio. Nasce per valorizzare le esperienze virtuose e le nuove energie positive della “città eterna” il festival Fabbrica Roma costruito grazie alla collaborazione tra varie realtà impegnate in ambito culturale e sociale, tra cui la Rete Orti in Comune.

Fabbrica Roma è un festival nato per raccontare l’Altra Roma, un luogo in cui invertire la rotta del racconto dedicato alla città. È un evento dedicato al bello e al socialmente utile, alle energie vitali, capaci e creative e alla vivacità civica, culturale, sociale e imprenditoriale che abita la nostra città e che è il momento di riconoscere e valorizzare. Un luogo dove poter affacciarsi e trovare un’operosità a disposizione della città, con generosità e coraggio.

fabbrica-roma

L’idea di Roma che viene marchiata a fuoco nell’immaginario collettivo è svilente, la comunicazione mainstream e quella politicamente interessata dipinge la Capitale come una metropoli incapace. È innegabile, la nostra città è stata sede di scandali e inchieste, la sua classe dirigente non riesce a prendere il timone istituzionale per far uscire Roma dalle secche del malgoverno e del deficit. Eppure in città germogliano semi di vitalità artistica, creativa, eppure emergono nuove imprenditorialità che si mettono a disposizione di progetti di inclusione sociale, di ricreazione di nessi di comunità.

 

Roma, soprattutto in questi ultimi anni, è la città del risveglio dell’impegno civico, delle esperienze di comunità legate alla riscoperta del territorio, delle sue bellezze. Negli ultimi anni si sono diffuse pratiche che hanno puntato sul saper fare, sulla ricostruzione operativa della città. Progetti educativi di comunità, nuove imprese sociali, fab lab e coworking, orti urbani, turismo di prossimità, agricoltura sociale, progetti che in diversi ambiti e con molteplici competenze provano a territorializzare i luoghi, ad assegnare valore sociale in territori fisici e immateriali dove l’economia speculativa vorrebbe fare rendita e pirateria economica.

 

Fabbrica Roma è, quindi, anche un percorso di valorizzazione e riscoperta dei luoghi, della storia e della rinascita dei valori fondanti della città, una città capace di ingaggiare le sfide del proprio tempo promuovendo valori di inclusione, solidarietà e comunità.

dav

Per questo l’evento si costruisce grazie alla collaborazione di molti soggetti: associazioni, realtà formali e informali attive in ambito culturale e sociale, figure del mondo della cultura e della promozione dei diritti, che hanno a cuore il tema dello sviluppo culturale e della coesione a Roma. Collaborazioni preziose per ripensare e ridisegnare insieme una identità culturale e sociale aperta e condivisa: solidarietà, equità, impegno civile e sociale, tutela e promozione dei diritti umani, della partecipazione e della condivisione dei beni comuni sono i veicoli valoriali intorno ai quali promuovere un’altra idea di città. È da qui, dal racconto delle energie sane delle grandi potenzialità e del saper fare che la città muove, che vogliamo ripartire per la riconquista dello spazio pubblico attraverso la partecipazione.

 

Il festival promuove laboratori, presentazioni, incontri, dibattiti ed esposizioni, tutti ad accesso libero e gratuito. Tra questi, la proposta della Rete Orti In Comune che vuole raggruppare in unico luogo e mettere in successione una serie di condivisioni gratuite rivolte ad un pubblico di ortisti o apprendisti ortisti. Si costruisce così una giornata composta da brevi presentazioni tenute dagli orti urbani che partecipano, nel modulo Ortostorie, e incontri di autoformazione su tematiche precise, con l’Ortopensiero. Una spazio di scambio, pratica e racconto che coinvolga, oltre al pubblico di Fabbrica Roma, anche i membri degli orti che sono interessati o hanno bisogno di informazioni su alcune pratiche, che in alcune realtà si fanno da tempo mentre in altre si vorrebbero sperimentare.

 

I prossimi appuntamenti del festival in programma: 
Festival Fabbrica Roma 
Sabato 29 settembre Casetta Rossa Spa

 

Festival Fabbrica Roma ReACT
Dal 5 al 7 ottobre Ex Cartiera Latina
Lunedì 8 ottobre al Teatro Torlonia 

 

Articolo di Anna Pozzalli e Orti in Comune

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Lo stallo israeliano e i rischi dell’accordo Ue-Mercosur – Io Non Mi Rassegno #172

|

Sette produttori locali si uniscono e danno vita a un negozio-laboratorio a Km0

|

Il Filo di Paglia, la prima casa in paglia della Liguria

|

Movement Medicine: affidarsi alla danza per scoprire se stessi

|

IC3 Modena: la scuola digitale in cui luci e colori risvegliano l’anima – Scuola Che Cambia #6

|

Cambiare vita e lavoro, un viaggio responsabile e coraggioso verso la felicità

|

Mille alberi piantati dai cittadini per difendere il territorio

|

Verso un’economia post-covid per il bene comune