Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
21 Set 2018

Sotto sgombero la Cianfrusoteca, uno dei primi negozi senza soldi d'Italia

Scritto da: Redazione

Da otto anni in Salento era attiva la Cianfrusoteca, uno spazio dedicato al riuso e alla condivisione, dove si cercava di costruire un modello di scambio basato sul dono non mercificato. L’obiettivo era quello di portare un cambiamento positivo in termini ambientali e di relazioni sociali. Purtroppo da qualche giorno questo “negozio senza soldi” è sotto sgombero per ordine dell’amministrazione comunale. Ecco il comunicato diffuso dai fondatori del progetto.

Questo è il post che scriviamo con maggiore dispiacere. Prima di scriverlo, ci siamo concessi qualche settimana di riflessione anche perché non è affatto semplice scrivere queste righe. Nel pieno di agosto ci è stata recapita la richiesta da parte dell’Amministrazione comunale di Salice Salentino di sgomberare i locali adibiti al progetto Cianfrusoteca per destinarli ad “altro uso”, senza fornire spiegazioni e proposte d’alternativa.

cianfrusoteca 1Il progetto, nato nel 2010, avviato grazie al bando regionale “Principi Attivi” è stato realizzato con la disponibilità del Comune di Salice Salentino ad accoglierlo sul proprio territorio, valutato l’innovativo profilo ambientale, sociale e culturale. Adesso, il progetto, che in questi anni ha raccolto onori in campo nazionale, primo esempio in tutta Italia di mercato stabile dello scambio non monetario, entra nel suo momento peggiore.

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

ATTIVATI

 

Non nascondiamo la difficoltà di gestione avuta negli ultimi anni per un progetto totalmente fondato sull’impegno volontaristico e nella radicalità di un’idea che ha voluto collocarsi in uno spazio di non mercato, di economia non monetaria, puntando tutto su scambio, dono e reciprocità. Nella società del consumo compulsivo, dove l’economia gira solo intorno al denaro, la scelta di un progetto critico e alternativo nello stesso tempo a quel modello non poteva presentarsi in altro modo.

 

Concepita come bene comune, la Cianfrusoteca, in questo lungo periodo intercorso dal 2010 ad oggi, ha accolto una vastità incredibile di beni, che sono stati ricollocati prima che diventassero inutilmente un rifiuto. Oltre alla funzione ambientale, per la quale è stata concepita, ha svolto negli anni una funzione sociale importante.

 

Moltissime famiglie sono state aiutate in questi anni di crisi profonda, moltissimi bambini che vivono in povertà sono stati resi felici attraverso il dono di una bicicletta, di un gioco. Oggetti, beni, tutte cose che ancora in buono stato non finivano in una discarica ma attraverso il riuso tornavano a nuova vita fino al loro deperimento definitivo.

cianfru

La Cianfrusoteca è un progetto culturale, è un processo culturale, critico e alternativo a quello attuale e come tutti i processi culturali hanno bisogno di moltissimo tempo e costanza. Viviamo da anni la difficoltà di agire in territori sprovvisti di una politica di lunga visione. Sempre abbiamo dovuto batterci e combattere con una politica di corto respiro guidata e pervasa da logiche che nulla hanno a che vedere con il bene comune.

 

Noi ci arrendiamo di fronte all’incapacità politica di recepire, accettare e supportare la proposta di sfida culturale.

 

Non ci arrenderemo nel portare avanti le nostre idee e i nostri progetti pensando ancora che una altro mondo è possibile!

 

Il piano di sgombero dell’immobile per la consegna delle chiavi: mercoledì 19 e 26 settembre dalle ore 17:00 alle ore 19:30 apertura ai CianfrusoAmici per scarico crediti acquisiti sulla CianfrusoCard. Aperto anche ad Associazioni, famiglie e singole persone. Chiediamo agli amici, sostenitori e a tutte quelle realtà con cui in questi anni abbiamo collaborato, di far girare quanto più è possibile la notizia per far sì che quasi nulla dei beni all’interno della Cianfrusoteca vada a finire in discarica ma torni, per l’ultima volta, a nuova vita. Grazie.

 

Info: 3478425837

 

#IoNonMiRassegno 17/1/2020

|

Gli allenatori di Laureus: “Lo sport educa alla passione”

|

Tamera, l’ecovillaggio in Portogallo che sperimenta una Terra Nova

|

Assicurazione etica: la proposta di CAES rivolta agli under 35

|

La Scuola italiana di Arte del Processo e Democrazia Profonda

|

Borgopo’: “Così ho fatto rinascere la libreria che amavo da bambina”

|

La Vita al Centro, la scuola parentale immersa nel verde – Io faccio così #275

|

Womanboss Academy: quattro storie di fioritura

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l'editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.