Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
6 Set 2018

“Siamo fatti per questi tempi?”: tornano gli incontri filosofici

Scritto da: Daniela Bartolini

Torna “Siamo fatti per questi tempi?” Il percorso di riflessione condivisa proposto dalle agenti del cambiamento Monica Smith e Maya Cristiano. Quattro nuovi appuntamento dal 20 settembre al 13 dicembre per confrontarsi sui nuovi grandi temi: salute, ambiente, economia e politica.

I tempi che stiamo vivendo presentano continue sfide che richiedono nuove soluzioni. Soluzioni originali per una transizione verso una società più equa, giusta e sostenibile. Dalla sfera individuale a quella collettiva, culturale e sociale, insieme possiamo confrontarci su grandi temi, formulando le giuste domande.

Nasce per questo “Siamo fatti per questi tempi?”, il cui percorso di riflessione si intreccia con quello dei Sette Sentieri dell’Italia che Cambia. I temi presi in considerazione negli incontri che nel metodo si ispirano alle pratiche filosofiche, sono infatti ispirati a queste strade di transizione verso una società più equa, giusta e sostenibile, al tempo stesso punti di arrivo e di partenza, che raccontano le basi su cui si muove Italia che Cambia.

Dedicare del tempo alla riflessione, offrirsi questa possibilità non è mai scontato, così come non lo è una vera condivisione, in cui cerchiamo di ascoltare realmente l’altro, cercando di andare oltre al pensiero già concepito per accogliere altre possibilità, soluzioni inedite frutto di un pensiero collettivo.

Il punto di partenza, come per i precedenti incontri, sarà la lettura collettiva di un testo per poi creare insieme domande e estrapolare parole chiave che creano una sorta di mappa mentale collettiva.

Gli appuntamenti si terranno alle ore 20 presso Equamente Bottega del Mondo-via Fratelli Vasco 6/b (angolo via Verdi), Torino.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Sgomberato il Cinema Palazzo! – Io Non Mi Rassegno #262

|

Il sogno di due giovani del Casentino diventa esempio virtuoso per le acquacolture nel mondo

|

L’aranceto di La Spezia che valorizza una tradizione dimenticata

|

Il Piemonte propone una tassa ai colossi del web per aiutare le piccole attività

|

I soldi danno la felicità

|

I ripopolanti della Val Taverone danno vita a una nuova comunità nella natura

|

Felcerossa, la casa di paglia dove si sperimenta il vivere sostenibile in autosufficienza – Io faccio così #308

|

Come potrebbero diventare l’Italia e il mondo dopo la pandemia?