Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
10 Ott 2018

300 Milioni di animali rinchiusi: “Stop all'era delle gabbie!”

Scritto da: ENPA

Nell’UE centinaia di milioni di animali d’allevamento passano la maggior parte della loro esistenza tenuti in gabbia in condizioni di grande sofferenza. Più di 130 associazioni hanno lanciato la petizione “End the cage age” per chiedere alla Commissione europea di porre fine a questo trattamento disumano degli animali d’allevamento.

Dai conigli alle galline, ai vitelli. In Europa oltre 300 milioni di animali sono costretti ogni anno, a vivere all’interno di un sistema crudele che limita o nega del tutto la loro libertà e che non permette di esprimere gli specifici comportamenti etologici. Una vita miserevole, lontana anni luce dal principio di “animali quali esseri senzienti” ex art. 13 del Trattato di Lisbona.

rabbits_are_not_cage_animals_by_tahmahma-d4k5hdp

Per questo, più di 130 associazioni hanno promosso “End the cage age”, una petizione europea (Ice, Iniziativa dei cittadini Europei) che chiede di mettere al bando la crudeltà delle gabbie. “L’Ice – spiega Manuela Giacomini, avvocato dello Studio Conte e Giacomini che da tempo collabora con Enpa – è uno strumento che consente ai cittadini europei di proporre modifiche legislative concrete in qualsiasi settore in cui la Commissione europea abbia iniziativa legislativa: ambiente, agricoltura, energia, trasporti o commercio”.

 

Tuttavia, quello riconosciuto ai cittadini europei è uno strumento “a tempo” perché i promotori, entro 12 mesi dalla registrazione dell’Iniziativa, devono raccogliere (tra i cittadini europei con diritto di voto al Parlamento Europeo) 1 milione di firme in almeno 7 Paesi membri. “Le firme possono essere raccolte su carta e/o online. Raggiunta la soglia prevista – prosegue Giacomini – l’Ice viene presentata alla Commissione che nei successivi 3 mesi deve adottare una risposta formale con le eventuali azioni che intende proporre e le motivazioni. Se la Commissione, in ossequio al già citato articolo 13, decidesse di formulare una proposta legislativa a seguito dell’Ice, dovrebbe poi trasmetterla al Parlamento Europeo e al Consiglio, che, a loro volta, dovranno votarla affinché possa avere forza di legge”.

factory_farmed_mother_pig_in_cage

Il tempo a disposizione non è molto, ma il traguardo è comunque alla portata di associazioni e cittadini.

 

Dopo il lancio internazionale di Bruxelles, la petizione “End the cage age” parte anche in Italia dove è promossa da ben 19 associazioni, tra cui l’Ente Nazionale Protezione Animali. Il via italiano all’iniziativa è in calendario a Roma martedì 16 ottobre (con inizio alle 11) nella sala della Sacrestia del Complesso Vicolo Vandina  con un evento (saranno presenti, tra gli altri, l’Eurodeputata Eleonora Evi; l’onorevole Ilaria Fontana; le senatrici Loredana De Petris e Rosellina Sbrana; Annamaria Pisapia, membro del comitato dei cittadini dell’Ice) che prevede, oltre alla presentazione della raccolta firme, l’inaugurazione di una mostra sulla crudeltà dell’allevamento in gabbia, ancora praticato nell’Unione Europea.

 

È possibile accedere su invito scrivendo a federica.dileonardo@ciwfonlus.it.

 

Le 19 associazioni italiane che hanno promosso l’Ice nel nostro Paese: Amici della terra Italia, Animal Aid, Animal Equality, Animal Law, Animalisti Italiani, CIWF Italia Onlus, Confconsumatori, ENPA, Il Fatto Alimentare, LAC – Lega per l’abolizione della caccia, LAV, Legambiente, Lega Nazionale per la Difesa del Cane, LEIDAA, Jane Goodall Institute Italia,OIPA, Partito Animalista, Terra Nuova, Terra! Onlus.

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Surgisphere e gli studi sull’Idrossiclorochina – Io Non Mi Rassegno #152

|

Allevatori che ballano coi lupi (e coi cani da guardiania)

|

Il progetto R2020: intervista a Sara Cunial

|

“Cambio vita e coltivo canapa industriale”: Francesco Procacci e il suo ritorno alla terra

|

Altipiano: le maestre del bosco che in cinque mesi hanno ribaltato la loro scuola – Scuola che Cambia #2

|

Che cos’è e come funziona la nutripuntura

|

Adotta il tuo Orto, scegli quali verdure seminare e aspettale a casa!

|

Imprese: come stringere partnership vincenti ed evitare clamorosi errori