Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
6 Nov 2018

Semi di cambiamento: la montagna scende in città!

Scritto da: Daniela Bartolini

Per un’intera giornata, sabato 10 novembre, la Borgata Paraloup a riva a Torino, virtualmente e non solo… tanti eventi a sostegno della campagna “semi di cambiamento” per realizzare la seconda edizione della Scuola Giovani Agricoltura di Montagna e conoscere questo luogo resistente dove passato e futuro si incontrano.

Qualche settimana abbiamo dedicato la nostra video storia a Paraloup, torniamo oggi a parlarvi di questa borgata e della Fondazione Nuto Revelli, dedicata al partigiano e scrittore cuneese, che si occupa della diffusione e della valorizzazione della cultura della Resistenza e di progetti ad impatto socio-ambientale riguardanti il ripopolamento montano e la salvaguardia della memoria del mondo rurale.

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

ATTIVATI

Sabato 10 novembre la città di Torino si arricchirà di una serie di eventi a sostegno della campagna “Semi di cambiamento” promossa dalla Fondazione per realizzare la seconda edizione della Scuola Giovani Agricoltura di Montagna di Paraloup. Questa borgata alpina della Valle Stura (Cuneo), recuperata con un importante progetto architettonico, ha ospitato nel 2017 la prima edizione della SGAM rivolta alla formazione teorica e pratica di giovani aspiranti agricoltori che in montagna ci vivono, vogliono e progettano di viverci, o che più semplicemente si interrogano sul futuro di questi territori e lavorano affinché non siano più aree marginali.
Consapevole di non poter guardare soltanto al passato, la Fondazione si pone come obiettivo quello di combinare il meglio della tradizione con la conoscenza scientifica e le nuove tecnologie per consentire di vivere e produrre in montagna con la dignità della vita contemporanea.

La giornata si aprirà alle 10 alla torteria Luna’s Torta (via Belfiore 50), dove sino alle 16 si terrà un brunch solidale accompagnato da letture tratte da “L’anello forte” di Nuto Revelli ed esperienza di realtà virtuale. Grazie agli studenti del progetto Talenti per il Fundraising della Fondazione CRT, sarà infatti possibile esplorare la borgata Paraloup senza muoversi da Torino
attraverso la tecnologia immersiva della virtual reality, indossando per qualche minuto un visore.

Dalle 15 alle 18 Paraloup si sposta al Mercatino Extravaganza organizzato dall’Associazione Effettovintage, fra via Buozzi e via Amendola
mentre dalle 19 alle 21 sarà la volta dell’aperitivo resistente al Blah Blah (via Po 21).

Conclusione della giornata alle 21 al Piccolo Cinema (via Cavagnolo 7), con la proiezione del documentario “Domani”, di Cyril Dion e Mélanie Laurent, evento in collaborazione con Associazione Museo Nazionale del Cinema e Cinemambiente Torino. Il film, al quale abbiamo dedicato questo articolo alla sua uscita italiana nel 2016. I registi francesi, a seguito della pubblicazione di uno studio che annuncia la probabile futura scomparsa dell’umanità e di buona parte dell’ecosistema oggi conosciuto, nel film viaggiano attraverso 10 paesi per documentare con esempi concreti il cambiamento che si sta avviando nel mondo nel campo dell’alimentazione, dell’energia, dell’economia, dell’istruzione e della democrazia, proprio per evitare che tale catastrofe si realizzi e dimostrare che non solo un cambiamento di paradigma è possibile, ma sta già avvenendo. Un’occasione preziosa per informarsi e per capire che il cambiamento, ormai necessario, non è solo possibile ma alla portata di tutti.

Ingresso gratuito con donazione up to you a sostegno della Fondazione Nuto Revelli. La proiezione sarà introdotta da Marco Revelli.
Sarà possibile esplorare la Borgata Paraloup attraverso la realtà virtuale durante tutti gli eventi della giornata.

Ti piace il progetto ma non potrai esserci?
Bastano 30 euro per donare un modulo di formazione della Scuola Giovani Agricoltori di Montagna di Paraloup: fai una scelta resistente, fai una donazione online https://bit.ly/2RyP4su

#IoNonMiRassegno 17/1/2020

|

Gli allenatori di Laureus: “Lo sport educa alla passione”

|

Tamera, l’ecovillaggio in Portogallo che sperimenta una Terra Nova

|

Assicurazione etica: la proposta di CAES rivolta agli under 35

|

La Scuola italiana di Arte del Processo e Democrazia Profonda

|

Borgopo’: “Così ho fatto rinascere la libreria che amavo da bambina”

|

La Vita al Centro, la scuola parentale immersa nel verde – Io faccio così #275

|

Womanboss Academy: quattro storie di fioritura

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l'editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.