11 Dic 2018

“Porte AperTE” alla Fondazione Baracchi

Scritto da: Daniela Bartolini

Sabato 15 dicembre alle ore 10 a Bibbiena presso la sede della Fondazione Giuseppe e Adele Baracchi in via Bosco Casina 10, si presenta il progetto “Porte AperTE”, un percorso di riflessione e gioco per genitori e bambini da 0 a 6 anni. Quattro sabati al mese per quattro porte da aprire è lo slogan di questo percorso, e le quattro porte sono quelle del gioco, della crescita, del confronto, della conoscenza

“In un periodo storico e culturale come quello attuale”, si legge nella presentazione del progetto diffusa dalla Fondazione Baracchi, “In cui si sono infrante o indebolite molte delle alleanze socio-educative sulle quali poteva contare la comunità, la Fondazione intende investire sulla promozione della famiglia. Anche in una realtà di vallata protetta come il Casentino, dove fino a qualche anno fa il tessuto sociale aveva garantito un buon legame tra famiglie e un senso stabile di appartenenza alla collettività, si percepisce sempre più nelle ultime generazioni – sebbene iper connesse virtualmente – un vuoto di solitudine nelle relazioni reali e la difficoltà a integrare e ad integrarsi delle “nuove famiglie” (stranieri, nuclei mono genitoriali, famiglie ricomposte)”.

progetto-porte-aperte-fondazione-baracchi

Sullo sfondo di questo scenario complesso e a tutela di valori educativi cardine, la Fondazione – in collaborazione con il Nuovo Laboratorio di Psicologia di Arezzo – promuove dunque il ciclo di incontri “Porte AperTE” all’interno del quale si inserisce il “Percorso 4 x 4” rivolto alle famiglie del territorio con bambini di età compresa fra 0 e 6 anni. 4 incontri al mese x 4 obiettivi: conoscere, confrontarsi, giocare, crescere, insieme… genitori e figli, coinvolti con attività dedicate.

“È una scommessa, che intende offrire un tempo e uno spazio di riflessione agli adulti, guidati da esperti, e di gioco ai piccoli, seguiti da educatrici. La finalità del percorso, interamente gratuito, è rinforzare una rete di relazioni autentiche tra famiglie che desiderano condividere vissuti e difficoltà a partire dalla propria esperienza e che avvertono il bisogno di confrontarsi in gruppo o singolarmente con un professionista. Un’opportunità per riscoprire le proprie risorse genitoriali e far emergere la creatività educativa di ciascuna famiglia”.

progetto-porte-aperte-fondazione-baracchi-1544517673

Sabato dunque il percorso verrà illustrato in un incontro pubblico, l’inizio del percorso sarà invece sabato 12 gennaio sempre alle 10 nel la nuova sede della Fondazione a Bibbiena in Via Bosco di Casina 12. Il percorso 4×4 è tenuto dai professionisti del Nuovo Laboratorio di Psicologia di Arezzo (psicologhe psicoterapeute sistemico-relazionali) dott.sse Stefania Ballerini, Claudia Bernardini, Maria Teresa Fantacchiotti e Francesca Nofri.

Per informazioni 347-1187313 email porteaperte4x4@gmail,com

Foto copertina
Didascalia: Porte AperTe

Articoli simili
Ecco perché è fondamentale coltivare l’immaginazione, soprattutto nei bambini
Ecco perché è fondamentale coltivare l’immaginazione, soprattutto nei bambini

Sfide, negligenze, vittorie e sogni: la missione educativa in un piccolo borgo colpito dal terremoto
Sfide, negligenze, vittorie e sogni: la missione educativa in un piccolo borgo colpito dal terremoto

Giocolibrio, il parco dove si incontrano outdoor education e neuroscienze
Giocolibrio, il parco dove si incontrano outdoor education e neuroscienze

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

No, la Cina non ha voltato le spalle alla Russia – Io Non Mi Rassegno #590

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

|

In val di Vara uno storico mulino del settecento tornerà a macinare castagne e cereali

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale