Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
15 Apr 2019

“Un-learn / re-learn / re-act”: quando la protesta per il clima si trasforma in arte

Scritto da: Luca Deias

Un’installazione ispirata ai 17 obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite è il risultato del laboratorio che si è tenuto a Cittadellarte in previsione della Design Week 2019 di Milano. Un progetto dal nome “Un-learn / Re-learn / Re-act” (dis-imparare, re-imparare, re-agire) in riferimento ai cortei di protesta dei ‘Fridays for Future’ ispirati da Greta Thunberg.

“Una scuola dove studiare i metodi per rigenerare il nostro modo di vivere in ogni suo aspetto e sperimentare l’applicazione dei metodi alla realtà. In BASE uno spazio-aula, dove, simbolicamente e concretamente, trasformare le proteste in occasione di proporre azioni concrete. Siete invitati sedervi, discutere, prendere posizione”.

Questo quanto scritto nel pannello informativo che presenta l’installazione Un-Learn / Re-learn / Re-act, opera – realizzata dall’Ufficio Arte di Cittadellarte – che fa parte della mostra Un-Learn / Re-learn inserita nel contesto della Design Week 2019 di BASE.

L’installazione, nello specifico, è realizzata con ‘cartelloni da manifestazione’ – in riferimento ai cortei di protesta dei ‘Fridays for Future’ ispirati da Greta Thunberg – che compongono questa struttura a tavolo, attorno al quale i partecipanti possono dialogare per confrontarsi sulle tematiche evocate dagli slogan dei cartelloni.

Il concept dell’opera è stato ideato da Paolo Naldini, direttore di Cittadellarte, mentre l’installazione è stata curata da Juan Sandoval, direttore Ufficio Arte di Cittadellarte.
Questi sono stati realizzati da un gruppo di studenti e di membri del gruppo del FridaysForFuture Biella il 29 marzo scorso, in occasione di un workshop curato dall’Ufficio Arte di Cittadellarte.

Questo laboratorio, ispirato all’Agenda 2030 e ai relativi Sdgs, è organizzato nel contesto della UNIDEE – Università delle Idee, fondata sul mito del Terzo Paradiso.

Gli attivisti del ‘Fridays for Future’ si sono incontrati per confrontarsi attorno a dei tavoli di lavoro per condividere idee e buone pratiche per la lotta al cambiamento climatico. A seguire, gli studenti biellesi si sono occupati della realizzazione dei manifesti per comporre l’installazione.

Segnali positivi nell’ottica dell’obiettivo dell’opera: trasformare le proteste in occasione di confronto per gruppi di lavoro spontanei o organizzati, ritrovandosi intorno all’installazione nella sua doppia veste di spazio-aula.

“Si tratta – ha spiegato Paolo Naldini – di un laboratorio, un dispositivo per performare le tre fasi, Un-learn / Re-learn / Re-act. L’installazione è uno spazio-aula in cui, simbolicamente e concretamente, le proteste si trasformano in occasione per gruppi di lavoro per proporre azioni concrete. La protesta, da sola, non è più sufficiente. È tempo di tradurre la nostra protesta, scaturita da bisogni e consapevolezza, in proposte condivise e concrete per costruire il cambiamento”.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La crisi del petrolio e la potenza degli oceani – Io Non Mi Rassegno #110

|

Stop agli attendismi: d’inquinamento e di traffico si muore!

|

Un modello di produzione e distribuzione alimentare sostenibile e resiliente

|

Coronavirus e sostegno economico a lavoratori, stagisti e imprese: facciamo il punto!

|

“La salute non è in vendita”: sei richieste per salvare la sanità pubblica

|

“La condivisione ci salverà!”: Gabriele e tutti i volontari dell’emergenza coronavirus

|

Una app per rimettere in pista le piccole botteghe verso una nuova economia

|

Ashoka: la rete degli imprenditori sociali che stanno trasformando il mondo – Io faccio così #285

Copy link
Powered by Social Snap