27 Giu 2019

Il gioco non vale la candela

Scritto da: Redazione

Pubblichiamo l'elaborato realizzato dai ragazzi della classe 4TA dell'Istituto di Istruzione Superiori V. Floriani di Vimercate nell'ambito del progetto di educazione alla legalità "Facci Caso!", realizzato da Co2 Crisis Opportunity Onlus in collaborazione con Italia che Cambia e Cross – Osservatorio sulla Criminalità Organizzata Università degli studi di Milano; con il supporto di Assolombarda Confindustria Milano, Monza, Brianza e Lodi.

ATTENZIONE: Questo testo è un racconto di fantasia. Ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti è puramente casuale

 

Sono un ragazzo di 18 anni, vivo a Crocetta. L’altra sera uscendo con i miei amici ho incontrato Mimmo che da poco è entrato in brutti giri. Così parlando mi ha proposto un affare facendo leva sui problemi economici della mia famiglia. Mi ha proposto di portare uno zainetto a Barona ad un suo amico dicendomi però di non aprirlo. A me del resto non interessava; ciò che contava per me erano i soldi promessi. Io ho accettato senza troppe esitazioni. Dovevo portare lo zaino a un bar di Barona alle 21.00.

 

Durante il tragitto avevo un’ansia terribile, il cuore che batteva a mille e continuavo a guardarmi attorno, però avendo sempre in mente la ricompensa. Ho consegnato lo zaino ad un uomo di mezza età che mi aveva precedentemente descritto Mimmo. Ad occhi bassi ho preso subito i soldi e me ne sono andato.

 

Il giorno seguente sono venuto a sapere dal giornale che Mimmo è stato arrestato insieme alla persona alla quale avevo dato lo zaino, arrestati entrambi per traffico di stupefacenti e rapina a mano armata nel corso della quale è stato ucciso il proprietario del locale.
Appena ho sentito la notizia la mia mente si è affollata di pensieri. “Ho veramente contribuito alla morte di una persona?”. “I mille euro che io ho preso valgono la vita di una persona?”.

 

Economicamente ho risolto alcuni problemi, avrò per sempre però sulla coscienza un padre di famiglia che faceva onestamente il proprio lavoro. Questa volta sono stata fortunato a cavarmela però sinceramente non mi va più di rischiare, ma soprattutto voglio sentirmi bene con me stesso e non guadagnare recando danni ad altri.

 

Leggi l’articolo di Daniel Tarozzi sul progetto Facci Caso!

Articoli simili
“Quanto lo pagate qui un chilo di coca?”. Via d’Amelio, Gratteri e la mafia che non è solo un problema del Sud
“Quanto lo pagate qui un chilo di coca?”. Via d’Amelio, Gratteri e la mafia che non è solo un problema del Sud

La società civile scende in piazza per Nicola Gratteri e contro la ‘ndrangheta
La società civile scende in piazza per Nicola Gratteri e contro la ‘ndrangheta

23 maggio: trent’anni dopo la strage di Capaci è ora di vedere di nuovo la gente incazzata
23 maggio: trent’anni dopo la strage di Capaci è ora di vedere di nuovo la gente incazzata

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Decreto risparmi, tetto al prezzo del gas e taglio al greggio – #595

|

We Make Market, una piattaforma per supportare i piccoli artigiani e i loro saperi

|

Patataplà, la compagnia teatrale immaginaria dell’artista contadina che è andata a vivere in un borgo

|

Ecco le matite giganti che colorano la val Borbera realizzate da un girovago sognatore

|

Dalle separazioni agli stereotipi di genere, ecco il racconto di chi cerca di costruire una nuova genitorialità

|

La realtà è più avanti: emozioni dal palco che porta in scena l’Italia che cambia

|

Fiori Florensi, il progetto di educazione in natura che valorizza talenti ed emozioni

|

La storia come strumento per ricostruire le comunità dilaniate dal terremoto