Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
30 Lug 2019

L'Etiopia pianta oltre 350 milioni di alberi in 12 ore

Scritto da: Redazione

L’Etiopia batte il record mondiale dell’India e pianta oltre 350 milioni di alberi in 12 ore. L’iniziativa è stata lanciata dal Governo e l’obiettivo finale prevede la piantumazione di 4 miliardi di alberi autoctoni per affrontare i cambiamenti climatici.

Per contrastare i cambiamenti climatici, la deforestazione e le frequenti siccità in Etiopia sono stati piantati oltre 350 milioni di alberi in sole 12 ore. L’iniziativa rientra nella campagna “Green legacy” lanciata dal Governo che per questo ha concesso la chiusura di alcuni uffici governativi per permettere ai dipendenti di partecipare alle attività in programma.

etiopia-alberi

Vuoi cambiare la situazione
dell'ambiente in italia?

ATTIVATI

Secondo Farm Africa, un’organizzazione delle NU che lavora alla riforestazione nell’Africa orientale, ormai meno del 4% del territorio etiope è coperto da foreste. Un declino devastante al quale il Paese ha deciso di far fronte piantando quattro miliardi di alberi indigeni.

 

«L’ambiente è una preoccupazione, certo, a livello mondiale ma lo è ancora di più per questo Paese. Può sussistere uno stretto legame fra i maggiori problemi di questo Paese, inclusa l’emergenza alimentare, e la vulnerabilità in cui versa l’ambiente», ha spiegato il professor Samuel Geleta scienziato del territorio presso l’ateneo di Salisbury. In Etiopia, infatti, dipende dall’agricoltura come mezzo di sostentamento, ma il 35% degli etiopi non ha abbastanza cibo.

Senzanome

Quella di ieri in Etiopia è stata la più grande operazione di piantagione di alberi autoctoni in un solo giorno. Come riporta la CNN, infatti, è stato superato il record stabilito dall’India nel 2017, con 66 milioni di alberi piantati in 12 ore. “Quello che è successo oggi è la testimonianza che l’unità è potere”, ha twittato il primo ministro etiope Abiy Ahmed, promotore dell’iniziativa. “Gli etiopi hanno di nuovo scritto la storia”.

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Il mondo nel guado della transizione energetica – Io Non Mi Rassegno #174

|

Le erbe spontanee: una ricchezza da riscoprire e tutelare

|

Nel borgo di montagna arriva una “scuola ispirazionale” per combattere lo spopolamento

|

Con Junker app i rifiuti si riconoscono (anche) grazie all’intelligenza artificiale

|

Può esistere una lobby buona?

|

Integrazione e solidarietà nel cuore di Ballarò

|

The Honey bar, qualcosa di nuovo ronza nel centro di Genova

|

Buone riunioni: possono fare la differenza!