Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
12 Lug 2019

“Montagne Biellesi”: il progetto che scopre luoghi, itinerari gastronomici e tradizioni locali

Scritto da: Lorena Di Maria e Diego Garassino

Slow Food Travel propone un nuovo modello di viaggio alla scoperta delle identità nascoste del biellese e delle tradizioni legate all’enogastronomia. Il progetto “Montagne Biellesi”, recentemente inaugurato, coinvolge già decine di realtà che hanno scommesso sulla biodiversità e sulla ricchezza dei prodotti locali, con lo scopo di diffonderne la conoscenza all’interno di itinerari pensati per turisti e viaggiatori.

La più piccola provincia piemontese offre mille spunti turistici a chi si lascia affascinare dal suo richiamo: Slow Food Travel propone un nuovo modello di viaggio, fatto di incontri e scambi con agricoltori, casari, pastori, fornai, viticoltori che saranno i narratori dei loro territori e guide speciali alla scoperta delle tradizioni locali.

A giugno è stato inaugurato “Montagne Biellesi”, progetto che fa della valorizzazione della cucina tradizionale la sua missione e che nasce con l’obiettivo di stimolare l’interesse verso la gastronomia e le produzioni locali, creando una vera e propria alleanza tra i produttori e le piccole realtà del luogo.

Il progetto prevede la messa in rete dei diversi produttori dei Presìdi Slow Food, degli chef, degli osti, delle nascenti comunità Slow Food e di coloro che sono interessati ad aprire le porte ai viaggiatori alla scoperta di questi luoghi.
Aziende agricole, locande casalinghe tradizionali, B&b, ristoranti, piccole aziende che scommettono sui rapporti di buon vicinato e sul passaparola per la distribuzione dei propri prodotti e che offrono la loro tipicità mettendosi a disposizione dei visitatori.

“Nell’arco di un fine settimana – come raccontato nella descrizione del progetto – è possibile scoprire una miniera d’oro di epoca romana, soggiornare in un monastero-alpeggio nuovamente abitato o visitare un lanificio storico lungo un impetuoso torrente, o ancora vivere esperienze gastronomiche uniche legate alle le tradizioni dei paesi di montagna disseminati lungo le valli”.

Il progetto di Slow Food Montagne Biellesi comprende l’area della Serra e delle valli Elvo e Cervo: “ montagne, torrenti, boschi, alpeggi e santuari: seguendo i nostri suggerimenti, potrete conoscere la storia della regione attraverso i suoi prodotti, godere di natura e paesaggio e soprattutto conoscere chi quel paesaggio lo vive” si legge sul sito. Inoltre “vogliamo mettere a disposizione dei viaggiatori tutta la bellezza e la bontà della biodiversità. In cambio chiediamo a chi viaggia di prestare attenzione proprio al valore di tale biodiversità, ad approfondire le culture, l’identità e le gastronomie locali che vi andiamo a presentare, anche e soprattutto in luoghi meno battuti, più nascosti ma non per questo meno preziosi”.

Come organizzare il proprio viaggio?
Consultando l’elenco completo delle strutture che aderiscono al progetto, è possibile scegliere tra diversi itinerari:
1. Da soli, consultando la mappa con la descrizione delle realtà coinvolte e contattando direttamente le strutture interessate, costruendo insieme a loro il proprio viaggio!
2. In compagnia, facendosi accompagnare a piedi, in bici, a cavallo o da un asino da un luogo all’altro di Slow Food Travel Montagne Biellesi.
3. Con un tour operator che organizza viaggi per gruppi di almeno otto persone, come nel caso di Viaggi e Miraggi, facente parte di una rete di turismo responsabile presente sul territorio.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Di buco nell’ozono e Nazioni Unite – Io Non Mi Rassegno #105

|

“Pronto? Come stai?”. Ai tempi del coronavirus la solidarietà passa per il telefono

|

Fuori è chiuso, un racconto collettivo dei giorni dell’emergenza

|

Caffè sospeso online, uno spazio di condivisione per uscire dall’isolamento

|

Eppur si muove! Anche se restiamo a casa, non siamo fermi

|

Ridi, ama, vivi: Lara Lucaccioni e la coerenza cardiaca – Meme #32

|

Coronavirus, l’ambiente sorride: nel nord Italia cala lo smog

|

Violenza domestica, troppo lavoro e diritti negati: le donne al tempo del coronavirus

Copy link
Powered by Social Snap