Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
12 Lug 2019

“Montagne Biellesi”: il progetto che scopre luoghi, itinerari gastronomici e tradizioni locali

Scritto da: Lorena Di Maria e Diego Garassino

Slow Food Travel propone un nuovo modello di viaggio alla scoperta delle identità nascoste del biellese e delle tradizioni legate all’enogastronomia. Il progetto “Montagne Biellesi”, recentemente inaugurato, coinvolge già decine di realtà che hanno scommesso sulla biodiversità e sulla ricchezza dei prodotti locali, con lo scopo di diffonderne la conoscenza all’interno di itinerari pensati per turisti e viaggiatori.

La più piccola provincia piemontese offre mille spunti turistici a chi si lascia affascinare dal suo richiamo: Slow Food Travel propone un nuovo modello di viaggio, fatto di incontri e scambi con agricoltori, casari, pastori, fornai, viticoltori che saranno i narratori dei loro territori e guide speciali alla scoperta delle tradizioni locali.

A giugno è stato inaugurato “Montagne Biellesi”, progetto che fa della valorizzazione della cucina tradizionale la sua missione e che nasce con l’obiettivo di stimolare l’interesse verso la gastronomia e le produzioni locali, creando una vera e propria alleanza tra i produttori e le piccole realtà del luogo.

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

ATTIVATI

Il progetto prevede la messa in rete dei diversi produttori dei Presìdi Slow Food, degli chef, degli osti, delle nascenti comunità Slow Food e di coloro che sono interessati ad aprire le porte ai viaggiatori alla scoperta di questi luoghi.
Aziende agricole, locande casalinghe tradizionali, B&b, ristoranti, piccole aziende che scommettono sui rapporti di buon vicinato e sul passaparola per la distribuzione dei propri prodotti e che offrono la loro tipicità mettendosi a disposizione dei visitatori.

“Nell’arco di un fine settimana – come raccontato nella descrizione del progetto – è possibile scoprire una miniera d’oro di epoca romana, soggiornare in un monastero-alpeggio nuovamente abitato o visitare un lanificio storico lungo un impetuoso torrente, o ancora vivere esperienze gastronomiche uniche legate alle le tradizioni dei paesi di montagna disseminati lungo le valli”.

Il progetto di Slow Food Montagne Biellesi comprende l’area della Serra e delle valli Elvo e Cervo: “ montagne, torrenti, boschi, alpeggi e santuari: seguendo i nostri suggerimenti, potrete conoscere la storia della regione attraverso i suoi prodotti, godere di natura e paesaggio e soprattutto conoscere chi quel paesaggio lo vive” si legge sul sito. Inoltre “vogliamo mettere a disposizione dei viaggiatori tutta la bellezza e la bontà della biodiversità. In cambio chiediamo a chi viaggia di prestare attenzione proprio al valore di tale biodiversità, ad approfondire le culture, l’identità e le gastronomie locali che vi andiamo a presentare, anche e soprattutto in luoghi meno battuti, più nascosti ma non per questo meno preziosi”.

Come organizzare il proprio viaggio?
Consultando l’elenco completo delle strutture che aderiscono al progetto, è possibile scegliere tra diversi itinerari:
1. Da soli, consultando la mappa con la descrizione delle realtà coinvolte e contattando direttamente le strutture interessate, costruendo insieme a loro il proprio viaggio!
2. In compagnia, facendosi accompagnare a piedi, in bici, a cavallo o da un asino da un luogo all’altro di Slow Food Travel Montagne Biellesi.
3. Con un tour operator che organizza viaggi per gruppi di almeno otto persone, come nel caso di Viaggi e Miraggi, facente parte di una rete di turismo responsabile presente sul territorio.

#IoNonMiRassegno 23/1/2020

|

Così le compagnie fossili denunciano gli Stati per bloccare la transizione ecologica

|

Vazapp, l’hub che insegna ai contadini a coltivare… le relazioni! – Io faccio così #276

|

Un chilometro al giorno: la passeggiata che diventa lezione nelle scuole

|

Costituita a Roma la RIES, Rete Italiana per l’Economia Solidale

|

Blocco del traffico contro lo smog? Servono misure a lungo termine

|

Alessia d’Epiro: “Aiuto le donne a diventare imprenditrici… e ad essere felici!”

|

Il Piano rom nella città di Roma, tra diritti violati e marginalità sociale

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l'editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.