5 Lug 2019

Uam TV: la web tv indipendente che racconta il bello

Scritto da: Paolo Cignini

Film e documentari che raccontano il bello e che oggi sui circuiti mainstream vengono snobbati o censurati. È pensando a questi contenuti che Thomas Torelli ha avuto l'idea di lanciare una web tv indipendente, Uam TV. In questa intervista ci racconta in cosa consiste e a che punto si trova il progetto.

Anche Thomas Torelli ha una convinzione: quella che la televisione non fornisce alle persone contenuti di qualità che diffondano consapevolezza e conoscenza per creare un modello sociale e culturale diverso. Regista e produttore molto noto, Thomas da cinque anni gira l’Italia per presentare e proiettare i suoi documentari, e puntualmente riempie sale e piazze di persone appassionate che hanno voglia di contribuire a creare un altro mondo. O che, perlomeno, hanno voglia di ascoltare storie diverse e costruttive. 

 

 “La mia frustrazione” ci racconta Torelli “è che non sono mai riuscito a far passare i miei documentari in televisione. È incredibile: l’interesse c’è, lo vedo grazie alla grande quantità di pubblico che segue le nostre presentazioni ovunque. Inoltre mi è capitato spesso di partecipare ad alcuni festival sul cinema documentario e di vedere tantissime opere di grande qualità di altri registi. La mia grande frustrazione è che, quando chiedo il DVD o come potermi rivedere l’opera casa, spesso non trovo nessuna risposta. E allora l’idea: perché non creiamo un tv indipendente per i documentari e per tutti i contenuti legati alla consapevolezza e alla sostenibilità?”.

 

A questo scopo, sta nascendo UAM TV, acronimo di Un Altro Mondo TV, una web tv indipendente che si pone l’obiettivo di diffondere documentari, notizie e vari contenuti che propongano modelli culturali e sociali che documentino quella parte di società che si attiva nel proporre un cambiamento costruttivo.

 

Una piattaforma digitale, un collettore culturale e di progetti che diffondano gioia, consapevolezza e conoscenza. Sono previsti “un telegiornale in cui si da spazio alle cose belle che accadono nel mondo, un palinsesto con documentari italiani ed internazionali dedicati all’evoluzione di uno spirito critico sulla realtà, un canale che tratterà di sviluppo economico sostenibile, approfondimenti a tema scientifico-filosofico-medico-economico”.

 

UAM TV è nella sua fase di pre-abbonamento, che scade tra diciotto giorni, e ai primi utenti che sosterranno questa nuova piattaforma verrà data la possibilità di poter vedere i primi contenuti già a partire da settembre 2019. La partenza ufficiale è prevista per novembre 2019.

 

Per tutte le informazioni riguardante UAM TV e per pre-abbonarvi alla piattaforma, potete consultare questo link.

 

 

Articoli simili
We Africans United, il progetto di giovani narratori che vogliono ribaltare l’immaginario sull’Africa
We Africans United, il progetto di giovani narratori che vogliono ribaltare l’immaginario sull’Africa

Un caffè con Italia Che Cambia – Scopri i nuovi servizi in esclusiva
Un caffè con Italia Che Cambia – Scopri i nuovi servizi in esclusiva

Libertà di stampa e industria petrolifera: come fare giornalismo ambientale al tempo della transizione ecologica?
Libertà di stampa e industria petrolifera: come fare giornalismo ambientale al tempo della transizione ecologica?

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Decreto risparmi, tetto al prezzo del gas e taglio al greggio – #595

|

We Make Market, una piattaforma per supportare i piccoli artigiani e i loro saperi

|

Patataplà, la compagnia teatrale immaginaria dell’artista contadina che è andata a vivere in un borgo

|

Ecco le matite giganti che colorano la val Borbera realizzate da un girovago sognatore

|

Dalle separazioni agli stereotipi di genere, ecco il racconto di chi cerca di costruire una nuova genitorialità

|

La realtà è più avanti: emozioni dal palco che porta in scena l’Italia che cambia

|

Fiori Florensi, il progetto di educazione in natura che valorizza talenti ed emozioni

|

La storia come strumento per ricostruire le comunità dilaniate dal terremoto