Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
30 Lug 2019

In Val Maira il corso di Permacultura che ci insegna la gestione etica della Terra

Scritto da: Lorena Di Maria

Dall’8 al 20 settembre a Roccabruna (CN) avrà luogo il PDC – ‘Permaculture Design Certificate’, un corso di 72 ore riconosciuto a livello internazionale per progettare in permacultura. Una formazione tenuta dall’esperto Rhamis Kent che porterà tutta la sua esperienza per insegnare a prendersi cura della terra, progettare e gestire gli ecosistemi naturali e ripensare insieme il territorio in un’ottica sostenibile.

Agricoltura sostenibile, osservazione della natura, gestione etica della terra: Per chi ancora non la conoscesse, la permacultura è “un metodo di progettazione che si ispira ed emula gli ecosistemi naturali per aiutare a spostare il nostro impatto da distruttivo a rigenerativo”.

Una pratica che nasce dalla fusione dei termini “permanente” e “agricoltura”, raccontandoci che è possibile creare un modello agricolo che, sull’esempio degli ecosistemi naturali, può contribuire sul nostro pianeta con innumerevoli vantaggi: preserva la biodiversità, impiega un quantitativo ridotto di lavoro umano, valorizza l’esistente evitando l’utilizzo di energie fossili.
Si tratta di un sistema di progettazione per insediamenti ecosostenibili che si fonda sulla centralità dell’agricoltura e su una conservazione consapevole del territorio, agendo su più livelli: ambientale, energetico, sociale, politico ed economico. Insomma, una pratica che si ispira alla resilienza e alla capacità dell’essere umano di prendersi cura del territorio, creando delle società rispettose della natura e dell’uomo.

Diventare esperti di permacultura… è possible!
Per chi volesse avvicinarsi a questo variegato mondo o per chi già lo conosce e ha interesse nell’approfondirlo, troverà un’occasione proprio qui in Piemonte dall’8 al 20 settembre, dove avrà luogo il “Permaculture Design Certificate” presso il Rifugio Carlo Fissore nel Comune di Roccabruna (CN), nella splendida cornice della Val Maira.
Il “Permaculture Design Certificate” è un corso di 72 ore riconosciuto a livello internazionale che fornisce solide conoscenze nella progettazione in permacultura a partire dal manuale scritto dal fondatore del movimento: Bill Mollison.

Proprio come mi racconta Marco Regoli, co-fondatore dell’Associazione Conmoi, naturalista, educatore e permacultore sociale, si tratta di un corso aperto a tutti che coinvolgerà in particolare persone profughe, con lo scopo di «catalizzare le forze per un percorso di riscatto, di restituzione civica e attiva, che contenga in sé la capacità di creare comunità e superare culturalismi».

Sarà l’occasione per dare loro l’opportunità, tramite un certificato in permacultura, di dare vita a nuove e positive occasioni di dialogo, inserimento e partecipazione all’interno della comunità in cui vivono ed offrendo nuovi insegnamenti da mettere in pratica sul territorio. Ed è proprio questa dimensione internazionale che consentirà di valorizzare il Piemonte come terra di ricerca e sperimentazione.

Il corso:
Il corso sarà tenuto da Rhamis Kent, istruttore in permacultura certificato dal PRI – Permaculture Research Institute, Australia, il quale ha tenuto corsi di formazione in tutto il mondo, progettando soluzioni a basso impatto ed emissioni zero e per garantire possibilità rigenerative degli ecosistemi su scala mondiale.
Gli insegnamenti, tenuti in lingua inglese, saranno supportati e tradotti da Ignazio Schettini, agronomo e permacultore nonché presidente dell’Associazione MEDIPERlab, attraverso la quale ha promosso e coordinato la realizzazione della prima traduzione italiana del manuale fondativo di Bill Mollison sulla permacultura.
Oltre a MEDIPERlab, il corso sarà tenuto dall’Associazione Conmoi, che a Torino esprime e rappresenta una “convergenza di popoli”, dall’incontro di artisti, esperti in permacultura, cittadini italiani e stranieri e persone profughe, portatrici di capacità, esperienze e vocazioni.

Come descritto negli obiettivi del corso, “la formazione copre i sistemi di vita sostenibili per una grande varietà di paesaggi e climi con particolare attenzione al Mediterraneo. Esso comprende l’applicazione dei principi di permacultura alla produzione alimentare, design per la casa, la costruzione, il risparmio energetico, conservazione e generazione di energia, ed esplora le strutture economiche alternative e le strategie legali che sostengono soluzioni permaculturali”.

Inoltre, la formazione si specificherà sull’analisi di sistemi di vita sostenibili per una grande varietà di paesaggi e climi, con particolare attenzione al Mediterraneo.

«Il corso di Permacultura – racconta Marco – diventa quindi un momento di incontro tra persone, un’occasione di sostenibilità per i territori, per dare uno sguardo nuovo e diverso alle Alpi. Obiettivo della formazione è capire come contribuire a favorire da un lato il ripopolamento delle montagne, dall’altro la coesione sociale dando voce a nuove categorie».

Saranno 72 ore in cui si alterneranno lezioni teoriche, discussioni, esercitazioni all’aperto, attività pratiche, sopralluoghi e tutto ciò che consente una buona progettazione.
Durante il corso i partecipanti avranno la possibilità di riflettere insieme sull’applicazione degli insegnamenti a partire da alcuni casi-studio quali la propria azienda agricola, il proprio giardino o terrazzo o beni comuni urbani e rurali, ovvero spazi della propria quotidianità.
Il corso rappresenta nel complesso un’opportunità per lavorare insieme e per cambiare il modo con cui noi vediamo e progettiamo il paesaggio.

Per maggiori informazioni sul programma del corso è possibile consultare la pagina fb dell’evento, contattare l’indirizzo email info@mediperlab.com o il numero 3475249272.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La crisi del petrolio e la potenza degli oceani – Io Non Mi Rassegno #110

|

Stop agli attendismi: d’inquinamento e di traffico si muore!

|

Un modello di produzione e distribuzione alimentare sostenibile e resiliente

|

Coronavirus e sostegno economico a lavoratori, stagisti e imprese: facciamo il punto!

|

“La salute non è in vendita”: sei richieste per salvare la sanità pubblica

|

“La condivisione ci salverà!”: Gabriele e tutti i volontari dell’emergenza coronavirus

|

Una app per rimettere in pista le piccole botteghe verso una nuova economia

|

Ashoka: la rete degli imprenditori sociali che stanno trasformando il mondo – Io faccio così #285

Copy link
Powered by Social Snap