Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
2 Set 2019

Il Pianeta brucia, piantiamo alberi. Ecco come fare

Scritto da: Redazione

Alla luce delle tragiche notizie riguardanti gli incendi in vaste aree del mondo, in tantissimi hanno deciso di mobilitarsi in prima persona per contrastare i devastanti effetti che le fiamme potrebbero avere su tutto il Pianeta. Anna Cadoni, fondatrice dell'associazione “L'uomo che pianta gli alberi gli alberi”, ha deciso quindi di rivolgersi a tutti coloro che desiderano piantare e seminare alberi per dar loro dei consigli su come procedere.

Dopo i gravi incendi che stanno affliggendo il pianeta, in tanti hanno interpellato l’Associazione L’uomo che pianta gli alberi, per chiedere consigli, e tantissimi hanno preso coscienza del fatto che tutti insieme possiamo cambiare le cose in meglio! C’è quella voglia irrefrenabile di agire, prima che sia troppo tardi. Abbiamo capito che l’egoismo di poche persone, che agiscono in nome del dio denaro, stanno portando il nostro meraviglioso pianeta alla distruzione, ma insieme possiamo cambiare le cose.

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'ambiente in italia?

ATTIVATI

Il regista Alessandro Jodorowsky lancia la proposta su Facebook: “Il 7 Settembre, seminiamo o piantiamo tutti un albero per l’ Amazzonia, riequilibriamo la tragedia degli incendi con un atto mondiale psicomagico”. Possiamo ancora fare molto per la nostra Terra, quindi per noi stessi! Il modo migliore per invertire il cambiamento climatico, e tutte le problematiche che si sono create con i devastanti incendi, è piantare alberi. Senza gli alberi non ci sarebbe vita.

piantare-alberi

Stefano Mancuso, neurobiologo vegetale di fama mondiale dice che ci stiamo giocando il futuro: “La deforestazione è un crimine contro l’umanità. Dobbiamo mettere piante ovunque, ce ne vogliono tantissime per salvare il pianeta dalle conseguenze del cambiamento climatico. Tecnicamente ed economicamente non costerebbe nulla e i vantaggi che ne avremmo in termini ambientali, estetici di salute e psichici sarebbero incommensurabili.

 

Senza le piante la Terra sarebbe una sterile palla di roccia, quindi non possiamo farne a meno. Senza le piante non ci sarebbe l’acqua perché la temperatura della Terra sarebbe così elevata da farla evaporare. E poi, è grazie alla traspirazione delle piante nella foresta amazzonica che si formano le nuvole, le perturbazioni e tutti i componenti del ciclo dell’acqua che a sua volta garantisce in tutto il mondo la pioggia, e quindi la vita, ciò che beviamo e mangiamo. Senza la vegetazione la Terra sarebbe come Marte”.

 

Gli incendi non riguardano solo l’Amazzonia, ma anche l’Africa e tantissimi altri stati nel mondo, per non parlare della Sardegna, gli incendi hanno devastato migliaia di ettari di territorio, lasciando la desolazione.

bosco-alberi

Chiediamo che si faccia prevenzione! Tornando quindi al 7 Settembre, il suggerimento dell’associazione L’Uomo che pianta gli alberi” è: sì piantiamo un albero, preferibilmente in un vaso del nostro balcone, lo curiamo e lo annaffiamo, in autunno dopo le prime piogge lo travasiamo in piena terra, in un posto protetto, continuando a curarlo soprattutto la prima estate innaffiandolo. Ma se piantate un albero in campagna il 7 di settembre senza innaffiarlo, sicuramente morirà perchè da noi fa ancora molto caldo.

 

Piantiamo piante della flora mediterranea e piante da frutta, le andremo a rinvasare poi nel terreno che diventerà un Bosco protetto, un luogo di tutti e per tutti, dove ogni uno metterà il suo impegno e il suo Amore per Madre Terra. Presto vi daremo notizia sugli eventi che organizzeremo per finanziare la creazione del Bosco Protetto, e gli eventi per le giornate di piantumazione e lancio delle palline di argilla, siete  tutti invitati a partecipare.

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Si fa presto a dire “buone vacanze”! – Io Non Mi Rassegno #197

|

La parola “bellezza” è la sintesi perfetta del viaggio nella Sicilia che Cambia

|

Quo Vado? Un percorso per giovani alla ricerca della propria rotta nel mondo

|

“I parchi naturali possono salvarci dalla crisi ecologica ed economica”

|

L’ecovillaggio Torri Superiore, il cantiere del vivere sostenibile che ha fatto la storia – Io faccio così #295

|

Elena e Sara: la rivoluzione degli abiti usati per “riformare” il sistema moda

|

Il cammino delle panchine invita le persone a sostare su ciò che è importante

|

A Palermo i ragazzi del carcere minorile ripartono dai biscotti