2 Set 2019

Il Pianeta brucia, piantiamo alberi. Ecco come fare

Scritto da: Redazione

Alla luce delle tragiche notizie riguardanti gli incendi in vaste aree del mondo, in tantissimi hanno deciso di mobilitarsi in prima persona per contrastare i devastanti effetti che le fiamme potrebbero avere su tutto il Pianeta. Anna Cadoni, fondatrice dell'associazione “L'uomo che pianta gli alberi gli alberi”, ha deciso quindi di rivolgersi a tutti coloro che desiderano piantare e seminare alberi per dar loro dei consigli su come procedere.

Salva nei preferiti

Dopo i gravi incendi che stanno affliggendo il pianeta, in tanti hanno interpellato l’Associazione L’uomo che pianta gli alberi, per chiedere consigli, e tantissimi hanno preso coscienza del fatto che tutti insieme possiamo cambiare le cose in meglio! C’è quella voglia irrefrenabile di agire, prima che sia troppo tardi. Abbiamo capito che l’egoismo di poche persone, che agiscono in nome del dio denaro, stanno portando il nostro meraviglioso pianeta alla distruzione, ma insieme possiamo cambiare le cose.

 

Il regista Alessandro Jodorowsky lancia la proposta su Facebook: “Il 7 Settembre, seminiamo o piantiamo tutti un albero per l’ Amazzonia, riequilibriamo la tragedia degli incendi con un atto mondiale psicomagico”. Possiamo ancora fare molto per la nostra Terra, quindi per noi stessi! Il modo migliore per invertire il cambiamento climatico, e tutte le problematiche che si sono create con i devastanti incendi, è piantare alberi. Senza gli alberi non ci sarebbe vita.

piantare-alberi

Stefano Mancuso, neurobiologo vegetale di fama mondiale dice che ci stiamo giocando il futuro: “La deforestazione è un crimine contro l’umanità. Dobbiamo mettere piante ovunque, ce ne vogliono tantissime per salvare il pianeta dalle conseguenze del cambiamento climatico. Tecnicamente ed economicamente non costerebbe nulla e i vantaggi che ne avremmo in termini ambientali, estetici di salute e psichici sarebbero incommensurabili.

 

Senza le piante la Terra sarebbe una sterile palla di roccia, quindi non possiamo farne a meno. Senza le piante non ci sarebbe l’acqua perché la temperatura della Terra sarebbe così elevata da farla evaporare. E poi, è grazie alla traspirazione delle piante nella foresta amazzonica che si formano le nuvole, le perturbazioni e tutti i componenti del ciclo dell’acqua che a sua volta garantisce in tutto il mondo la pioggia, e quindi la vita, ciò che beviamo e mangiamo. Senza la vegetazione la Terra sarebbe come Marte”.

 

Gli incendi non riguardano solo l’Amazzonia, ma anche l’Africa e tantissimi altri stati nel mondo, per non parlare della Sardegna, gli incendi hanno devastato migliaia di ettari di territorio, lasciando la desolazione.

bosco-alberi

Chiediamo che si faccia prevenzione! Tornando quindi al 7 Settembre, il suggerimento dell’associazione L’Uomo che pianta gli alberi” è: sì piantiamo un albero, preferibilmente in un vaso del nostro balcone, lo curiamo e lo annaffiamo, in autunno dopo le prime piogge lo travasiamo in piena terra, in un posto protetto, continuando a curarlo soprattutto la prima estate innaffiandolo. Ma se piantate un albero in campagna il 7 di settembre senza innaffiarlo, sicuramente morirà perchè da noi fa ancora molto caldo.

 

Piantiamo piante della flora mediterranea e piante da frutta, le andremo a rinvasare poi nel terreno che diventerà un Bosco protetto, un luogo di tutti e per tutti, dove ogni uno metterà il suo impegno e il suo Amore per Madre Terra. Presto vi daremo notizia sugli eventi che organizzeremo per finanziare la creazione del Bosco Protetto, e gli eventi per le giornate di piantumazione e lancio delle palline di argilla, siete  tutti invitati a partecipare.

 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
La pesca nello Stretto di Messina, tradizionale e sostenibile, diventa presidio Slow Food
La pesca nello Stretto di Messina, tradizionale e sostenibile, diventa presidio Slow Food

Coolcity 2024: Napoli si prepara alla Biennale dell’Acqua esplorando nuovi modelli
Coolcity 2024: Napoli si prepara alla Biennale dell’Acqua esplorando nuovi modelli

Gestione dell’acqua sostenibile: come fare ce lo insegna La Tabacca
Gestione dell’acqua sostenibile: come fare ce lo insegna La Tabacca

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Diritti animali, spiagge depredate e accessibilità – INMR Sardegna #38

|

Nasce un nuovo impianto fotovoltaico collettivo: servirà 75 famiglie

|

La pesca nello Stretto di Messina, tradizionale e sostenibile, diventa presidio Slow Food

|

Discarica di Lentini, tra chiusure e riaperture emerge la gestione dei rifiuti fallimentare in Sicilia

|

Consumi idrici: Italia ai primi posti in Europa per usi agricoli, industriali e domestici

|

Fotovoltaico in casa: è più ecologico vendere o accumulare l’energia in eccesso?

|

In Sardegna la rivolta degli ulivi contro il Tyrrhenian Link ma Todde rimarca: “L’opera è necessaria”

|

Empatia, vita itinerante, mal di denti e revisioni di camper

string(8) "sardegna"