22 Nov 2019

Il cortometraggio sulle foreste vetuste di Sasso Fratino vince al Festival delle Foreste

Scritto da: Daniela Bartolini

“Le meravigliose foreste vetuste di Sasso Fratino e del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi” del regista Marco Civinelli e prodotto e coordinato dall’Ente Parco Foreste Casentinesi si è aggiudicato il premio come “Miglior Cortometraggio Italiano” al Festival Cinematografico delle Foreste - I polmoni verdi della Terra, organizzato a Bergamo dall’Associazione Montagna Italia con ERSAF.

Si è svolto nei giorni scorsi a Bergamo il Festival Cinematografico delle Foreste. Un Festival che, nato nel 2018 a Mantova nell’ambito del World Forum on Urban Forests e promosso dall’Associazione Montagna Italia con ERSAF (Ente Regionale lombarda per i Servizi all’Agricoltura e alle Foreste), desidera promuovere le foreste di tutto il mondo, non solo attraverso il cinema, ma anche attraverso eventi collaterali legati a momenti artistici, musicali, presentazioni, premiazioni e ospiti.

Il Festival Cinematografico delle Foreste – I polmoni verdi della Terra, l’unico evento europeo che affronta, attraverso il cinema, i grandi problemi ambientali, è stato in particolare dedicato a opere che affrontano la tematica delle foreste del mondo (le vaste aree di vegetazione naturale costituite soprattutto da alberi ad alto fusto) e le foreste urbane (alberi e foreste che stanno dentro e attorno agli ecosistemi delle comunità urbane). Con l’obiettivo di parlare di foreste utilizzando il linguaggio visivo, permettendo al pubblico di scoprire queste realtà attraverso immagini da tutto il mondo.

festival delle foreste

Il Festival ambisce a diventare negli anni un punto di riferimento internazionale per questa tematica. Valorizzazione, promozione turistica, conoscenza delle esperienze culturali e non, che le foreste sono in grado di offrire: sono questi gli obiettivi principali a cui il progetto aspira. E, nella parole di Roberto Gualdi, presidente del Festival, permettere a tutti gli appassionati di cinema di conoscere, attraverso immagini affascinanti, le foreste del mondo, avviando un percorso culturale su questo argomento che possa coinvolgere e riunire le diverse realtà cittadine sensibili a questa tematica. 

Ottanta i film giunti in selezione, venticinque le opere scelte dalla Giuria e proiettate durante le varie serate al Cinema San Marco di Bergamo, otto le nazioni del mondo da cui sono giunte le opere: Italia, Spagna, Gran Bretagna, Portogallo, Ecuador, Paraguay, Perù e Madagascar.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Quattro le opere premiate tra cui il premio come “Miglior Cortometraggio Italiano” al film “Le meravigliose foreste vetuste di Sasso Fratino e del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi” del regista Marco Civinelli e prodotto e coordinato dall’Ente Parco Foreste Casentinesi con la collaborazione del Reparto Biodiversità dei Carabinieri Forestali di Pratovecchio. 

Le faggete vetuste e la Riserva Integrale di Sasso Fratino, entrate a far parte del patrimonio mondiale Unesco, sono una delle foreste più antiche dell’Emisfero Nord.

La  Riserva di Sasso Fratino è una riserva naturale integrale; la prima costituita in Italia, Questa foresta che grazie alla sua impervia collocazione, priva di vie d’accesso dirette, ha evitato la colonizzazione umana,  dal 1959  è un’area formalmente protetta all’interno della quale l’attività dell’uomo è preclusa se non per fini scientifici. 

L’uomo non interviene, non modifica l’ambiente, se un albero cade rimane a terra. Gli alberi qui nascono, crescono e invecchiano per secoli seguendo le leggi della Natura.  La natura, nella sua totalità, segue i propri ritmi senza alterazioni.

Un luogo ricco di biodiversità e habitat di una fauna particolare tra cui il picchio nero  (Dryocopus martius), il più grande dei picchi europei. A Sasso Fratino i faggi possono superare i quattro e, addirittura, i cinque secoli di età: questi faggi sono quindi  coevi di Cristoforo Colombo e Leonardo da Vinci.

La Giuria ha apprezzato la qualità delle immagini proposte accompagnate dai suoni delle foreste concedendo allo spettatore un’interessante visione di queste zone.

riprese film
Le riprese del cortometraggio

A ritirare il premio, oltre al regista, anche il Dr. Nevio Agostini, Responsabile Servizio Promozione, Conservazione, Ricerca e Divulgazione della Natura del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna che ha prodotto il film.

Immagine di copertina tratta dalla pagina FB del Festival delle Foreste

Articoli simili
Piccoli sguardi: inaugurazione della stagione 2017/2018
Piccoli sguardi: inaugurazione della stagione 2017/2018

Cos’è la felicità? Se ne parla al Festival di Terra Nuova

Il Museo dell’Arte della Lana: tramandare la storia per rigenerare il senso della comunità
Il Museo dell’Arte della Lana: tramandare la storia per rigenerare il senso della comunità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Tutta Europa a rischio black-out – #421

|

Creative Mornings Ancona: incontrarsi a colazione e parlare di… – Io Faccio Così #336

|

La Dog Therapy arriva tra i banchi di scuola per donare il sorriso ai bambini

|

Piantare una food forest per seminare il futuro di una comunità

|

2021 anno boom del turismo a piedi: ecco l’identikit del camminatore tipo

|

Un mercato contadino biologico diventa un’agorà per fare “agricultura” in città

|

La storia di cinque “Donne di Terra” che hanno deciso di cambiare vita nel Sud Italia

|

Irene Borgna e i suoi cieli neri: “L’inquinamento luminoso ci ha rubato le notti”