6 Dic 2019

COP25: i genitori di tutto il mondo lanciano un appello urgente

Scritto da: Redazione

222 gruppi di genitori di 27 paesi hanno lanciato un appello ai negoziatori riuniti alla Conferenza mondiale sul clima (Cop 25) per spingerli ad un’azione ambiziosa sul clima per proteggere la salute dei nostri figli, le loro vite e il loro futuro climatico prima che sia troppo tardi.

“Prima di prendere una decisione al Summit, fermatevi qualche minuto, chiudete gli occhi e visualizzate il volto dei vostri bambini. Immaginate il futuro che desiderate per i vostri figli, i vostri nipoti e i vostri pronipoti. Farete ciò che serve per rendere questo futuro una realtà? Per i nostri figli che erediteranno la Terra. Sappiamo che potete farlo, e confidiamo che lo farete”.

È questo uno dei passaggi dell’accorato appello che 222 gruppi di genitori di 27 paesi hanno lanciato alla Conferenza mondiale sul clima (Cop 25) per spingere i negoziatori riuniti a Madrid ad un’azione ambiziosa sul clima.

La dichiarazione completa è stata tradotta finora in 20 lingue e un elenco aggiornato dei firmatari è disponibile su plea.parentsforfuture.org. La dichiarazione resta aperta per l’adesione di ulteriori gruppi di genitori per il clima. L’iniziativa è stata lanciata dai genitori appartenenti ai movimenti Our Kids’ Climate, una coalizione di 56 gruppi di genitori per il clima di 18 paesi, e Parents For Future, che riunisce tutti i genitori che s’impegnano con il movimento For Future che si ispira a Greta Thunberg, la giovane attivista svedese che proprio in queste ore è arrivata a Madrid per partecipare al vertice sul clima.

parents for future torino 1

“I nostri figli – si legge nella lettera-appello – sono il più grande amore della nostra vita. Nonostante ciò, stiamo consegnando loro un mondo spezzato sull’orlo del caos climatico e del collasso ecologico. Come genitori, vedere questo è straziante. In questo preciso momento i disastri legati al clima sono sotto gli occhi di tutti, i bambini stanno perdendo la vita, la salute e il futuro a causa del caos climatico.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

I cicloni tropicali in Africa e in Asia, le inondazioni e le frane di fango in varie parti d’Europa e del Brasile, gli incendi violenti peggiorati dalla siccità in California e in Australia colpiscono le famiglie e le comunità in ogni angolo del mondo. La calotta glaciale della Groenlandia si sta sciogliendo a velocità mai viste prima e lo stato di emergenza climatica sta rapidamente diventando la nuova normalità”.

La dichiarazione sottolinea che gli attuali impegni politici ci mettono sulla buona strada per un catastrofico aumento della temperatura globale di 3-4 ° C. “Ogni ulteriore tonnellata di carbonio emessa ci avvicina a pericolosi punti di non ritorno, che potrebbero minare la civiltà umana nell’arco delle nostre Vite e quelle dei nostri bambini”.

“Milioni di bambini con gli scioperi scolastici ci stanno mostrando la strada e ci stanno dando l’esempio con la loro forza di volontà e la loro ferma decisione di combattere la catastrofe che ci minaccia tutti, e ora anche noi genitori ci stiamo sollevando insieme a loro per sostenerli e chiedere un’azione per il clima. Insieme faremo tutto il necessario per proteggerli. Affrontare la crisi climatica non è una responsabilità dei nostri figli, è una responsabilità nostra. Come adulti e genitori dobbiamo agire per cercare di dare ai nostri figli il futuro che meritano”.

I firmatari dell’appello sottolineano che il vertice ONU sul clima è un’opportunità cruciale, soprattutto per i genitori nei negoziati, di difendere i bambini e agire con coraggio per attuare azioni ambiziose per il clima in linea con il mantenimento di un aumento della temperatura globale al di sotto di 1,5 ° C.

“Non possiamo accettare che questo sia il mondo che stiamo consegnando ai nostri figli. La domanda pubblica di azione è ai massimi livelli storici e la scienza non è mai stata più chiara su qual è la posta in gioco se non si abbracciano le soluzioni che già esistono: smettere di bruciare combustibili fossili e trasformare le nostre società”.

“Siamo a un punto di svolta nella storia della nostra specie e voi, delegati di questo influente vertice sul clima delle Nazioni Unite, avete l’opportunità di scegliere cosa accadrà dopo. Chiediamo un futuro sicuro per i nostri figli – per tutti i bambini – e per le generazioni future”.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Colombia, polizia fuori controllo – Io Non Mi Rassegno #364

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali

|

Plogging: un gruppo di amiche contagia l’intera città

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5