30 Dic 2019

Matteo Sormani, lo chef che fa il panettone a 1800 metri

Scritto da: Lorena Di Maria

Matteo Sormani è lo chef che, a Riale, un piccolo paese sulle alpi Lepontine, realizza il panettone più alto d’Italia. E lo fa a 1800 metri di altezza all’interno del suo laboratorio nato dall’esigenza di sopperire alla chiusura dell’unico panettiere della valle, contribuendo a rilanciare il territorio attraverso un prodotto locale e artigianale che valorizza la montagna.

Verbania - Riale è il primo paese della colonia Walser, localizzata in Valle Formazzo in provincia di Verbania, tra le splendide alpi Lepontine. Un luogo d’incanto dove d’inverno la neve copre ogni cosa, e dove sembra che il tempo si fermi, nella contemplazione di quel suggestivo paesaggio.

In questo luogo magico vive Matteo Sormani, uno chef d’alta quota che realizza un prodotto davvero speciale: il panettone artigianale preparato a 1800 metri. E lo realizza all’interno del ristorante “Walser Schtuba” a cui ha dato vita sedici anni fa.

Il laboratorio del locale nasce da un’esigenza, quella di sopperire alla chiusura dell’unico panettiere della valle. Così Matteo decide di realizzare un laboratorio che gli permettesse di essere indipendente al 100% per tutto ciò che riguardava gli approvvigionamenti di pane all’interno del ristorante.

Matteo Sormani3

Matteo Sormani vive da sempre nella bellissima conca di Riale che, oltre a lui, conta tre abitanti, la cui missione è proprio quella di fare ristorazione promuovendo l’ospitalità al 100%. «Noi da sempre viviamo in questo luogo. Il paese più vicino è a otto chilometri di distanza, dove sono presenti abitanti tutto l’anno. Ma qua, insieme a mia sorella e mio cognato, abbiamo dato vita a tre strutture alberghiere, un negozio che ci permette di vendere i nostri prodotti e qualche bed & breakfast, per un totale di circa duecento posti letto. In questo modo valorizziamo e facciamo conoscere il nostro territorio».

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

All’interno del laboratorio Matto Sormani ha iniziato con la produzione di pane realizzato con il lievito madre e poi, in un secondo tempo, tra l’impegno, la voglia e i risultati positivi ottenuti, ha deciso di sperimentare anche alimenti dolci. Così nasce il “panettone di montagna”.

A 1800 metri tutto cambia: «come dico sempre, la qualità del lievito a queste altitudini ha una vita migliore rispetto a un lievito che vive in una città perchè l’aria è più pulita, perchè l’acqua è più pura e perchè la qualità del prodotto deriva da un lavoro completamente artigianale. Ci impegniamo ad utilizzare materie prime del territorio affinchè il risultato finale sia un panettone di alta qualità e digeribilità, che deve essere eccellente in ogni singolo ingrediente che lo compone».

Matteo Sormani

Per questo motivo Matteo Sormani ha scelto di utilizzare solo prodotti piemontesi: il burro è prodotto nelle vallate alpine, le farine arrivano dal cuneese e le uova dal territorio. Unica eccezione per la frutta candita, che giunge fino a Riale da produttori che lavorano biologico garantendo un’alta qualità della materia prima».

Una delle caratteristiche principali del panettone riguarda la fermentazione che, a 1800 metri, è più lunga rispetto a quella di pianura. «La scelta è stata quella di non lavorare con celle di fermentazione ma bensì sfruttando la temperatura dell’ambiente in ogni tipo di lavorazione. Si ottiene quindi una fermentazione completamente spontanea che si adatta alle temperature dell’ambiente» mi racconta Matteo.

Quest’anno Matteo Sormani ha prodotto e venduto quasi cinquecento panettoni. Negli anni hanno iniziato ad acquistarlo i clienti del ristorante, che si sono affezionati e che lo prenotano di anno in anno. Ma il panettone è venduto anche sul territorio, grazie alla collaborazione con un negozio biologico di Domodossola che ne cura la spedizione.

Lo chef, col suo panettone, da anni contribuisce a valorizzare la montagna e a far conoscere i prodotti locali di una zona di confine sconosciuta ai più. «Abbiamo iniziato tenendo aperta la nostra attività solo sette mesi all’anno e oggi, viste le numerose richieste, siamo arrivati a tenere aperto undici mesi. I prodotti che stiamo realizzando sono molto apprezzati e la richiesta è tanta. Lavorare a quest’altitudine è sicuramente una sfida ma è, proprio per questo, la soddisfazione più grande».

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Da ingegnere ambientale a dietista: la storia di Paolo, il genovese con l’amore per la pizza napoletana
Da ingegnere ambientale a dietista: la storia di Paolo, il genovese con l’amore per la pizza napoletana

Io faccio così #149 – A Cesena camminate serali per il benessere e la socialità

PFAS, storia di una contaminazione a catena

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Ulivi malati e biodiversità in pericolo: la Puglia non si avvelena!

|

Stagione di caccia: nessuno stop nonostante gli incendi abbiano decimato gli animali

|

La Foresta in Testa: musica e natura per far emergere i talenti

|

Buddies, i nuovi dog sitter migranti che combattono l’abbandono degli animali

|

Amore, sesso, relazioni. Cosa sta succedendo in Italia? Ne parliamo il 25 settembre

|

Non Siamo Atlantide: il mito rivive in un evento dedicato alla sostenibilità

|

Matteo Saudino: “Vi parlo della filosofia, bella proprio perché apparentemente inutile”