Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
14 Gen 2020

Roma Best Practices Award, un premio ai progetti migliori della capitale

Scritto da: Redazione

Torna il Roma Best Practices Award, fondato e presieduto da Paolo Masini per premiare le buone pratiche messe in atto nella capitale. Tante le novità di questa quarta edizione alla quale è possibile iscriversi sino al 21 marzo prossimo.

C’è ancora tempo per partecipare al Roma Best Practices Award, il concorso che premia i progetti migliori nella capitale giunto alla sua quarta edizione. Il Premio valorizza, sostiene e mette in rete le diverse realtà capitoline che ogni giorno e in ogni quartiere fanno qualcosa di concreto per Roma. Associazioni, scuole, aziende: ma non solo.

Questa edizione si arricchisce di alcune novità, illustrate da Paolo Masini, presidente e fondatore del RomaBpa.

Nuove categorie e nuove importanti collaborazioni, tra cui quella con il TgR Lazio, con la fondazione Adriano Olivetti che si occuperà in maniera particolare della responsabilità d’impresa delle varie aziende romane e con l’Anaci Roma (associazione nazionale amministratori di condominio), che da quest’anno premierà il progetto migliore all’interno della categoria “Roma abita bene”.

«La nostra idea di città-comunità sta man mano prendendo corpo – spiega Paolo Masini – Fino ad oggi abbiamo realizzato più di 80 progetti, ma per essere sempre più incisivi c’è bisogno del contributo della parte migliore di Roma. Da un lato il mondo volontariato – che già fa molto – dall’altro quello delle aziende romane, che potranno contribuire a realizzare i progetti presentati attraverso beni, servizi, finanziamenti e ore-lavoro».

Come sempre per partecipare al concorso bisognerà scegliere una categoria di appartenenza e anche qui ci sono alcuni cambiamenti rispetto alle edizioni passate, perché il Roma Best Practices Award riconosce i cambiamenti cittadini e sostiene le attività che generano maggior impegno civico.

Per l’edizione 2020 le categorie sono 7:
Roma Accoglie Bene (dedicata al mondo della solidarietà, accoglienza e integrazione);
Roma Sviluppa Bene (dedicata alle imprese e start up);
Roma Cresce Bene (dedicata al mondo della cultura, dello sport e della memoria);
Roma Studia Bene (dedicata al mondo della scuola);
Roma Bene Comune (dedicata a chi si prende cura della città, del decoro urbano e del verde);
Roma Abita Bene (dedicata alle nuove esperienze condominiali e di vicinato);
Roma Parla Bene (dedicata al mondo del Media e della pubblicità).

«Con quest’ultima categoria abbiamo voluto inserire un riconoscimento per quei giornalisti, web influencer e pubblicitari che raccontano le cose belle della città e che parlano di Roma con serietà e rispetto dei cittadini – continua Paolo Masini. Le parole sono importanti, si possono e si devono denunciare le difficoltà, mantenendo però uno stile e un’aderenza ai fatti consoni al mestiere che si svolge. Vogliamo riconoscere queste professionalità in un momento in cui i Media hanno una grande responsabilità».

Per partecipare al premio si dovrà compilare, entro il 21 marzo, un modulo on line sul sito www.romabpa.it indicando progetto e categoria prescelta, mentre le aziende sponsor potranno inviare le propria adesione entro il 31 marzo.

A giudicare i progetti una giuria di altissimo livello che va da Luca Barbarossa a Paco Lanciano, da Rebecca Spitzmiller a Lorenzo Tagliavanti, da Carlo Fontana a Luisa Arezzo e molti altri. Anche quest’anno Italia che Cambia sarà in giuria con Daniel Tarozzi.

La premiazione si svolgerà sabato 9 maggio, giornata dedicata all’Europa, presso l’Aula Magna Libera del Dipartimento di Architettura di Roma Tre. Ma le sinergie con i luoghi della formazione capitolina non finiscono qui: l’istituto alberghiero Amerigo Vespucci si occuperà dell’ospitalità il giorno del Premio, mentre l’Istituto Cine e tv Rossellini, che ha realizzato gli spot del RomaBpa, si occuperà anche di seguire e documentare la realizzazione dei progetti selezionati. Grazie a Telesia sarà trasmesso lo spot del Premio Romabpa nelle metropolitane di Roma.

Tutte le informazioni si possono trovare sul sito realizzato da Artsmedia.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Un po’ di aggiornamenti sul covid nel mondo – Io Non Mi Rassegno #175

|

Si conclude la XII edizione di IT.A.CÀ, il festival del turismo responsabile

|

Sei anni di energia rinnovabile, etica, sostenibile: ènostra festeggia con sconti e promozioni

|

Le erbe spontanee: una ricchezza da riscoprire e tutelare

|

Nel borgo di montagna arriva una “scuola ispirazionale” per combattere lo spopolamento

|

Con Junker app i rifiuti si riconoscono (anche) grazie all’intelligenza artificiale

|

Può esistere una lobby buona?

|

Integrazione e solidarietà nel cuore di Ballarò