7 Gen 2020

Lo spazio pubblico come scuola: la comunità locale ripensa la città

Rendere lo spazio pubblico intorno alle scuole accessibile, funzionale e bello attraverso progetti pensati e realizzati dall’incontro tra studenti, cittadini del quartiere, insegnanti, educatori, progettisti e amministratori locali. “Lo spazio pubblico come scuola” è il seminario organizzato dall’associazione Laqup che avrà luogo il 17 gennaio a Torino, per ripensare nuovi spazi educativi a dimensione di bambini e adulti.

Torino - È possibile che una città sia ripensata da cittadini che ne diventano i veri progettisti? È possibile che scuole, amministrazioni, insegnanti, genitori e architetti possano lavorare insieme per migliorare un luogo in modo che sia bello e funzionale? Ed è possibile che uno spazio pubblico davanti a una scuola diventi colorato, vivibile e accogliente?

La risposta è sì! Nel Europa esiste un metodo comunemente chiamato “Planning for Real“, una strategia di progettazione condivisa che nasce negli anni settanta in Gran Bretagna attraverso la quale gli abitanti del quartiere hanno l’opportunità di costruire, intorno a un tavolo, lo spazio che desiderano.

Laqup2

Ora questa pratica si sta sempre più diffondendo nelle nostre città, attraverso un processo dal basso che vuole essere inclusivo e partecipato, condotto dalla comunità locale: insieme si identificano le problematiche di un’area di intervento e si riflette sulle possibili alternative, individuando le soluzioni più adatte. In questo modo ognuno ha la possibilità di esprimersi liberamente e di far emergere le proprie esperienze ed opinioni confrontandosi a fianco delle istituzioni e degli esperti del settore.

Lo spazio pubblico come scuola”, organizzato dall’associazione Laqup, è un seminario pensato per mettere in atto questa pratica e creare un momento di incontro per ragionare insieme sul futuro della città. L’evento, che avrà luogo venerdì 17 gennaio dalle ore 13.30 alle ore 18.30 in piazza Bernini 5 a Torino, vedrà la presenza di relatori qualificati provenienti da realtà italiane ed estere che racconteranno esperienze concrete di rigenerazione degli spazi.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Laqup a Torino promuove la cittadinanza attiva Laboratorio di Qualità Urbana, Ambiente e Partecipazione la cui missione, come vi abbiamo raccontato in un precedente articolo, è ripensare la città avvicinandola alle necessità di tutti, col presupposto che debba essere “non solo vivibile ma anche bella da vivere”.

Laqup1

Laqup da diversi anni porta avanti progetti di riqualificazione urbana, le cui azioni sono volte a garantire strade più sicure, maggior presenza di verde, un minor peso dell’automobile e spazi più accessibili ai pedoni.

Proprio come la trasformazione di un parcheggio a Rivalta, che è stato trasformato in un’area verde pedonale o come nel caso di Avigliana, il cui parcheggio è diventato uno spazio di attesa dedicato ai genitori e arredato con panchine o ancora come la colorazione del manto stradale di una via a Bruino progettata per favorire gli attraversamenti pedonali tra due scuole e un giardino pubblico.

Laqup3

«Oggi la strada delle nostre città è prevalentemente pensata ad uso e consumo delle automobili – riporta la descrizione dell’evento – riteniamo invece sia fondamentale ripensare e proporre alternative per una nuova strada, dove sia possibile non solo spostarsi tutti in sicurezza, ma anche vivere, incontrarsi e socializzare, in primo luogo proprio davanti agli edifici scolastici».

Articoli simili
“Io vorrei restare a casa”. Come aiutare le persone senza fissa dimora?
“Io vorrei restare a casa”. Come aiutare le persone senza fissa dimora?

Ti accompagno: i giovani aiutano gli anziani a riprendere fiducia dopo la pandemia
Ti accompagno: i giovani aiutano gli anziani a riprendere fiducia dopo la pandemia

“In che lingua giochiamo?” Ritrovare le proprie origini tramite il gioco

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’asse anti cinese di Joe Biden – #527

|

La cosmetologa Gloriana Assalti: “Non vergognatevi del vostro corpo, valorizzatelo”

|

Da Tunisi a Milano in bicicletta: “Lo faccio per sostenere chi salva vite umane”

|

Pnrr: nominati i commissari grandi opere, ma alcuni sono sotto processo

|

23 maggio: trent’anni dopo la strage di Capaci è ora di vedere di nuovo la gente incazzata

|

Cosa sta succedendo al procuratore anti ‘ndrangheta Gratteri, in Calabria

|

Chiusa di Pesio: il Comune dove i muli si prendono cura del verde pubblico

|

Abitare insieme: dal buon vicinato alla comunità solidale, impariamo a vivere con altre persone