Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
23 Gen 2020

Un chilometro al giorno: la passeggiata che diventa lezione nelle scuole

Scritto da: Lorena Di Maria

In sempre più istituti scolastici gli insegnanti interrompono l'ora di lezione per portare gli studenti a passeggiare all'aria aperta, dedicando un chilometro al giorno per allenare la salute, la concentrazione e il benessere psicofisico dei giovani.

Una mela al giorno toglie il medico di torno, ci ricorda un saggio detto. Ma se a togliere il medico di torno fosse invece… un chilometro? A Coggiola, in territorio biellese, c’è una scuola primaria nella quale ogni giorno gli insegnanti portano i loro studenti a passeggiare, trasformando quest’attività in una vera e propria lezione. Una passeggiata di un chilometro, per poi riprendere le lezioni, è ora diventata parte integrante del programma scolastico all’interno dell’istituto.

Con questa bella iniziativa l’istituto di Coggiola ha aderito all’iniziativa “Un chilometro al giorno” promossa dalla Lilt – Lega Italiana per la Lotta ai Tumori con l’obiettivo di stimolare e sensibilizzare i giovani a corretti stili di vita, attraverso una pratica quotidiana, sana e gratuita come una semplice passeggiata.

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

ATTIVATI

Foto tratta da Freepik

Il progetto nasce con uno scopo ben preciso: migliorare la salute psicofisica dei giovani, che in questo modo sono stimolati a prendersi cura di sé e del proprio corpo, focalizzandosi su ciò che li circonda e allo stesso tempo sul proprio respiro, con grandi benefici sulla percezione e sulla consapevolezza di sè.

Ma non solo. Una semplice passeggiata è capace di stimolare un maggior senso di libertà e ciò assume ancora più importanza all’interno di un contesto scolastico. Permette poi di riprendere le lezioni con maggior energia, concentrazione e creatività, riducendo le tensioni, la noia, le preoccupazioni e aumentando di conseguenza il livello di attenzione e interesse in classe.

Un’altro vantaggio rilevante, come sostiene il ricercatore americano Richard Louv, è dato dal fatto che il contatto con l’ambiente circostante favorisce la stimolazione dei sensi andando ad influire positivamente su di noi e sul nostro stato di rilassamento, apportando effetti benefici sui deficit di attenzione e iperattività, associati a quella che egli chiama “sindrome da deficit di natura”.

Insomma, gli effetti benefici di una passeggiata quotidiana sono assicurati e assumono ancora più significato in una dinamica di classe poiché capaci di stimolare momenti di condivisione e scambio reciproco.

La passeggiata, in questo senso, diventa una materia importante quanto l’italiano e la geografia o la matematica. Secondo la Lilt, l’ambiente scolastico rappresenta «un ambiente privilegiato per gli interventi di informazione e di educazione alla salute, soprattutto nel settore della prevenzione primaria, perché attraverso le istituzioni scolastiche è possibile coinvolgere un gran numero di persone, non solo studenti, ma anche insegnanti e famiglie».

L’iniziativa, diffusa in sempre più scuole, giunge direttamente dalla Scozia grazie all’idea della preside Elaine Wylie che introdusse, all’interno dell’istituto di Stirling, il “daily mile” (miglio al giorno), che consiste nel dedicare quotidianamente, all’interno dell’orario scolastico, dieci minuti per correre o camminare. E in quest’attività gli studenti sono accompagnati dagli insegnanti, all’interno degli spazi di pertinenza della scuola.

Si tratta di una pratica quotidiana pensata per prevenire il rischio di obesità e diffondere nuove e sane abitudini che si è progressivamente diffusa in numerose città, raggiungendo anche l’Italia. E qui sempre più scuole hanno deciso di adottare e personalizzare questo progetto, come gli istituti di Buttigliera Alta, Ferriera o Collegno, per citare esempi piemontesi, oltre che numerose altre città italiane, pronte per farsi ispirare da un modello sano, divertente e gratuito di fare educazione.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Città o paesi, dove abiteremo in futuro? – Io Non Mi Rassegno #234

|

Le donne guidano la transizione ecologica in agricoltura

|

Le Galline Felici supportano la Sicilia Che Cambia!

|

Il borgo di Biccari diventa la prima comunità energetica rinnovabile

|

Paolo Pallavidino: “Vado a vivere sotto i ponti per affrontare le mie paure”

|

Il Visual Garden di Ilaria: “Cambio vita e lancio un progetto per valorizzare il centro storico di Genova”

|

La scuola italiana è in crisi, ma un aiuto può arrivare dall’homeschooling

|

Il turismo responsabile che in Campania sostiene l’impegno sociale